Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 01-09-2016 | Autore : murantico
Categoria : Tradimenti | Totale Visualizzazioni : 2126 | Votazione :


  
murantico
fantasie sessuali-cucina-faidate-viaggi.

Angela è la commessa della sartoria Campana, quella che cadde, con un rotolo di stoffa, nelle mie braccia. Ero appena rientrato a casa con Paola, mia moglie, Squillò il mio telefonino e, sentendo la voce di Angela, rimasi imbarazzato, fortunatamente, per pochi secondi, poi salutai la persona che mi proponeva un nuovo incontro alla pausa pranzo, facendola passare, per la cronaca (per mia moglie!), una delle tante segretarie dei vari corrieri per cui lavoro, che mi dava un viaggio per il giorno dopo. Al termine della telefonata, spiegai a mia moglie che quella segretaria era molto sveglia e simpatica e spesso mi assegnava dei viaggi assai lucrosi. Passai il pomeriggio con Paola  ed uscimmo a fare la spesa settimanale, approfittando del furgone. Tornammo a casa con tanta spesa da dovere fare due corse con l'ascensore piena di scatoloni ed altro. Prendemmo roba da mangiare per l'intero mese. Dopo una doccia insieme, ci mettemmo in cucina per preparare una cena che era per noi due ma che avrebbe potuto sfamare altre due o tre persone ... siamo molto voraci io e Paola!  La cena era finalmente pronta ma filammo dritti in camera da letto, dove non ne uscimmo se non prima di avere posseduto la mia morona nella sua sempre profumata fighina, nella sensualissima bocca con labbra carnosa, tanto da definirla bocca da bocchinara ( assai poco elegante ma assai molto schietto! ) ed infine nel sodo, arrapatissimo culo. Eh sì, mia moglie era uno spettacolo della natura da non perdere ed io, fortunatamente non la perdei, rendendola la mia signora a vita. Torniamo alla doccia, per poi trasferirci a tavola, già precedentemente apparecchiata. La cena fu innaffiata da un vino rosso, corposo, da far rinascere anche un moribondo. Ci alzammo da tavola assai sazi, soddisfatti della nostra opera culinaria. Sprofondammo sul divano ed accesi la televisione. Dopo aver scelto un film da vedere, Paola si adagiò al mio fianco ed io, ..."interessatissimo" al film, sprofondai in un sonno che solo Paola sapeva interrompere con dolcezza, infatti, quando finì il film, lei iniziò ad accarezzarmi e, abbassandomi gli slip, prese in bocca il mio cazzo che spompinò fino a farmi venire come un fiume straripante, infatti molta sborra le usci dalle labbra. Lei andò a lavarsi i denti ed io m'infilai a letto, col cazzo già riemergente: Appena lei entrò in camera, notando l'erezione, andò sopra di me, infilandosi il cazzo in figa. Dopo avere ripassato tutti i suoi buchi, crollammo in sonno ristoratore.  Al mattino, salito sul furgone, chiamo al telefono Angela e stabiliamo un incontro per pranzo. La mattinata scorre con poche consegne e, alle tredici, sono davanti alla sartoria. Angela poco dopo esce ma con una sua collega ed amica. Salgono entrambi sul mio furgone e mi viene presentata Laura: bella rossa da capogiro! Angela, senza preamboli mi spiega subito che Laura vuole saggiare le mie capacità di amatore, così, senza perdere tempo, parto per dirigermi in periferia, dove mi attendeva una boscaglie che avrebbe comodamente creato l'atmosfera intima a noi necessaria. Passati sul piano di carico, già da me allestito con coperte e cuscini, ci sogliamo ed iniziamo i giochi. Do tutta la mia attenzione a Laura e, modestamente, devo dire, dopo vari assalti, lei si dichiara soddisfatta e sconfitta. Avevo vinto io l'incontro! Concedo un bocchino ad Angela e, quando arrivo all'orgasmo, convinto di non poter essere più in gioco, mi alzo per rivestirmi ma si alza, miracolo, nuovamente il mio ragguardevole cazzo e torno giù per scoparmi anche Angela, assai contenta della mia ripresa. Ritorniamo in città e Angela mi saluta, facendomi, però, presente che il giorno dopo mi avrebbe atteso alla stessa ora con una nuova sua collega. In pratica mi spiegò che le sue colleghe erano a corto di cazzo e, saputo da lei che ero molto maschietto, volevano "provarmi" tutte. Povero me, qual sacrificio mi attendeva, povero me! E chiamalo sacrificio!!



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Tradimenti

Mia Cognata
una vicina di casa troppo curiosa
In Ufficio
l'isospettabile suocera
Tradimento al mare
Il vicino di casa
Simona

Ultimi racconti nella categoria Tradimenti



una consegna incredibile
Ancora corna per mia moglie
Una serata rovente 3
una serata rovente 2
Una serata rovente
Un dottore fantastico prima parte
il maiale parte nona


    Racconto a Caso
Autore : balzac
un guardone guardato e impalato

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1379
» Totale Autori
2689

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni