Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 19-09-2017 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 222 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Da anni sono la donna la donna di tuo fratello

 

Ho scoperto che la mia famiglia nasconde un segreto, per la precisione il segreto è di mia madre Anna, 47 anni, alta 1.75, seno prosperoso, un bel culo, due gambe magnifiche, occhi azzurri da gatta, nasino all’insù, labbra sottili sempre evidenziate dal rossetto.

Gli altri componenti della famiglia sono Marco suo primo genito di 32 anni, sposato da tre anni, ma in via di separazione, il convivente di mia madre Vincenzo, di 60 anni, facoltoso impresario edile, infine ci sono io.

Mi chiamo Fabrizio ho 18 anni, alto 1.80, sono un ragazzo che piace al sesso femminile, in questo momento ho una ragazza mia coetanea, con la quale facciamo l’amore. Il problema è che anche se con lei mi trovo bene, io preferisco le donne mature, un giorno mi ha presentato sua mamma Franca, una signora distinta di circa 50 anni, della quale mi sono innamorato.

Ho perso la testa per Franca, per conquistarla le ho mandato prima un mazzo di fiori, rose bianche, alcuni giorni dopo un fascio di rose rosse, infine un cesto di orchidee, ma proprio nel bel mezzo del mio corteggiamento è scoppiata la bomba in casa mia.

Mio fratello si separa dalla moglie, va a vivere in un paese limitrofo al nostro,  mamma due giorni dopo comunica che vuole il divorzio, fa le valigie e va a vivere con Marco, nessuno chiede a me cosa voglio fare.

Vincenzo mi convoca nei suoi uffici e mi parla chiaro:

“Caro Fabrizio, dopo i fatti che sono successi, voglio dirti delle cose importanti che riguardano, tua madre ed anche te”

“Dimmi, ti ascolto”

“Devi sapere che Marco non è mio figlio, tua madre è rimasta incinta di un ragazzo conosciuto in discoteca, una notte e non l’ha più rivisto, lei aveva 15 anni, tuo nonno mio operaio era preoccupato per le dicerie che potevano esserci in paese, per evitare lo scandalo, mi sono offerto di sposarla e riconoscere il figlio”

“E’ stato un bel gesto!”

“Fabrizio devi sapere che io ho sempre saputo di essere sterile, tua madre a letto era vogliosa, negli anni ha avuto diversi amanti, poi un giorno di 19 anni fa si è riscoperta nuovamente incinta, non ha mai saputo di chi, comunque 18 anni fa sei venuto al mondo tu. Anche in questo caso ti ho riconosciuto”

“Mi dispiace, apprendere queste cose, come mi dispiace di non essere tuo figlio”

“Sappi che ti ho sempre trattato come tale, voglio solo che tu sia a conoscenza della verità, in modo che tu possa prendere una tua decisione, se vuoi continuare ad abitare da me oppure preferisci andare con tua madre e tuo fratello, ormai sei maggiorenne, puoi decidere tu, io sarò sempre  presente, ti aiuterò sempre”

“Grazie! Credo che mi cercherò un appartamentino per conto mio. Se mamma e Marco mi avessero voluto con loro me lo avrebbero chiesto. Dovrò però avere delle spiegazioni da mamma, per il suo comportamento”

La separazione di mamma e le notizie rivelatami da Vincenzo, mi sconvolsero al punto di farmi litigare con la mia ragazza, questo portò anche ad un allontanamento da Franca sua madre.

Nei giorni seguenti mamma e Marco convivevano, seppi che avevano lo stesso legale per seguire le pratiche per il divorzio dai rispettivi coniugi, nel mentre trovai un bilocale ad una trentina di chilometri dalla mia famiglia.

Dopo varie insistenze, mamma accettò di ricevermi per darmi delle spiegazioni.

Una mattina arrivai da mamma alle 8.00 citofonai, con una voce imbarazzata mi fece salire, arrivato alla porta dovetti aspettare almeno cinque minuti prima che mi aprisse.

Quando mi aprì era in disordine, ma non come una donna che si sia svegliata in quel momento, aveva gli occhi brillanti, il viso arrossato come una donna che ha appena finito di fare l’amore col suo uomo. In un attimo mi feci passare quei cattivi pensieri dalla mente.

Ci accomodammo in salotto, subito mi chiese:

“Cos’è tutta questa urgenza di parlarmi? Cosa c’è che non va?”

“Beh mamma vorrei delle spiegazioni su diverse cose”

Non riuscii a proseguire che arrivò Marco, il quale disse che andava al lavoro, poi si chinò verso mamma, le diede un bacio sulle labbra, al quale mamma rispose.

Marco se ne andò dopo avermi salutato:

“Ciao fratellino, non fare arrabbiare Anna”

“Beh mamma, voglio capire come mai Vincenzo a dato il suo nome a due figli non suoi? Poi vorrei sapere chi è mio padre? Ultima cosa come mai te ne sei andata, senza pensare a me?”

“Per me sono tre domande a cui è difficile dare una risposta a mio figlio”

“Marco è al corrente di queste cose?”

“Vedi Fabrizio Marco queste cose le sa da quando a compiuto 14 anni”

“E ora che i tuoi segreti li sveli anche a me!”

“Bene! Allora Vincenzo, era il datore di lavoro di tuo nonno, nonché amico di famiglia, quando ha saputo che ingenuamente avevo fatto l’amore con un ragazzo sconosciuto in discoteca, ed ero stata impregnata, si è offerto di fare da padre al bambino che doveva nascere, proponendomi anche di diventare sua moglie. Ha messo in chiaro che lui era sterile, per questo un mese prima, era stato lasciato da quella che doveva diventare sua moglie, così ci saremmo aiutati a vicenda con i pettegolezzi dei compaesani”

“Ok! Alla prima domanda hai risposto, ora devi rispondere alle ultime due”

“Fabrizio prima di rispondere alle ultime due domande, fammi fare una doccia”

Sia alzò, si reco in bagno, mi alzai anch’io, feci un giro per l’alloggio.

L’alloggio era composto da un entrata con tre porte a sinistra e tre a destra più una al fondo del corridoio, aprii la prima porta a sinistra, era la cucina, la prima a destra era un ripostiglio, quella dopo il bagno dove mamma era sotto la doccia, di fronte all’apertura della porta trovai una stanza col letto sfatto, la terza a sinistra era il salotto dove mi aveva fatto accomodare l’ultima a destra era una stanza da letto intatta, mentre quella al fondo del corridoio era uno studio, penso che fosse quello di mio fratello che è ingegnere.

Tornai nel salotto, dopo mezz’ora, arrivò mamma tutta sorridente:

“Sai sotto la doccia ho pensato alle risposte che devo darti, non è mi è facile, confessarti delle cose che solo due persone sanno”

“Beh cara mamma, sono risposte che mi devi, ti sei comportata con me come se non fossi tuo figlio, ma un estraneo”

“Si hai ragione, vedi le tue domande hanno quasi una risposta sola”

 “Penso di avere una mezza idea, ma vorrei lo stesso una risposta”

“Cioè?”

“Vedi mamma, mentre eri a farti la doccia, ho passeggiato per la casa e penso di aver scoperto alcune cose”

“Devi sapere che dopo aver partorito tuo fratello, ho avuto diversi amanti, perché Vincenzo è un brav’uomo, ma in quanto a doti nascoste è piuttosto scarso, non riusciva a soddisfarmi sessualmente, poi un giorno per caso ho scoperto, che non era più il caso di uscire di casa per cercare quello, che mi mancava”

“Spiegati meglio!”

“Una mattina sono entrata in bagno e sotto la doccia c’era Marco nudo, aveva un gingillo, lungo e grosso senza essere in erezione, in quel momento ho deciso, che doveva essere lui il mio uomo. Ho fatto di tutto per sedurlo, dopo una settimana, ogni giorno frequentava regolarmente il mio letto”

“Quanti anni aveva Marco?”

“A quel tempo Marco aveva 15/16anni”

“Continua!”

“Beh Marco si è rivelato un bel toro, ogni volta che mi montava, uscivo distrutta ma soddisfatta, pensa che un giorno ho voluto misurargli la verga”

“Allora?”

“Aveva delle misure asinine, 28 cm di lunghezza e 14 di circonferenza senza erezione, poi una volta eretto superava abbondantemente i 30 e i 15 di circonferenza”

“Vai avanti”

“Che devo dirti, ogni giorno a letto con un maschio focoso a portato alla mia seconda gravidanza, io donna 29enne, messa incinta da mio figlio di 15 anni”

“Allora Marco non è mio fratello, ma mio padre?”

“Già!”

“Se la vostra relazione funzionava così bene, perché Marco si è sposato?”

“Avevamo deciso di interrompere per non creare problemi in famiglia, purtroppo lui nella moglie non ha trovato una donna degna del suo attrezzo ed io ho cambiato alcuni amanti, ma con risultati scadenti, così dopo neanche un anno dalle nozze abbiamo ricominciato ad incontrarci di nascosto, fino a che abbiamo deciso di separarci dai relativi coniugi ed andare a vivere insieme come marito e moglie”

“Adesso sei felice?”

“Si! Anche se mi manca una parte di me”

“Cioè spiegati?”

“Amore mi manchi tu!”

“Ma se te ne sei andata senza neanche una parola!”

“Dovevo parlare con Marco, capire come fare a dirti che Marco non era tuo fratello ma tuo padre e che tuo padre e te avete la stessa mamma”

“Capisco che non fosse una cosa facile, ma come me l’ha detta Vincenzo, potevi dirmela tu oppure Marco”

“Adesso che sai cosa pensi di fare?”

“Intanto adesso sono andato a vivere per conto mio, poi intendo trovare una donna con cui dividere la vita”

“Sappi caro Fabrizio che per te ci saremmo sempre”

“Grazie, ma non credo di desiderare di avere ancora rapporti con voi”

“Figlio mio mi spezzi il cuore!”

“Il cuore me lo avete spezzato prima voi, prima scoprire che quello che pensavo mio padre, in sostanza è un emerito sconosciuto, poi che mio fratello è mio padre e per ultimo scoprire che mia madre è una puttana dipendente dalla grossezza della minchia”

“Non essere volgare, stai parlando con tua madre”

A quella risposta, mi sono calato la cerniera dei jeans, dopo aver abbassato sia i pantaloni che i boxer, con un sorriso beffardo ho detto:

“Questo volatile che tengo in gabbia è della misura giusta?”

Mi ha guardato di brutto poi ha replicato:

“Da anni sono la donna di tuo fratello, non lo mai tradito, tantomeno lo tradirò con te.

Vedo che sei ben fornito, forse anche meglio di Marco, ma amo Marco e non lo tradirò mai. Ora vestiti, facciamo finta che non sia successo niente”

Ho tirato su mutande e pantaloni, poi ho girato le spalle e me ne sono andato.

Mamma mi è corsa dietro prendendomi per un braccio mi disse:

“Te ne vai senza salutare?”

“Ciao Troia, salutami anche mio fratello, scusa mio padre. Ciao a mai più rivederci porcona”

Me ne sono andato, non ho più cercato ne lei ne Marco, ho cercato Franca che nel frattempo è rimasta vedova.

La figlia di Franca, ha un ragazzo col quale frequentano l’università condividendo ogni cosa, parlano di sposarsi.

Franca subito era riluttante a frequentarmi per la differenza d’età, ma poco a poco si è convinta, ora facciamo coppia fissa, una sera siamo finiti a letto, ha raggiunto diversi orgasmi.

Quella prima volta con la mia dotazione molto simile a quella di Marco, ho fatto male a Franca, tanto che le ho fatto uscire del sangue dalla vagina. Lei preoccupata mi ha detto:

“Amore mi hai sverginata, hai un cazzo sproporzionato, il mio povero marito era meno della metà”

Poi mi ha baciato infilandomi la lingua in bocca.

Lei è innamorata come una ragazzina, ogni sera da quando conviviamo la scopo portandola all’orgasmo.

Una notte mi sono svegliato e vedendo il suo bellissimo culo di cinquantenne ho cominciato a leccarglielo, una volta pronto lo sodomizzata, ha lanciato un urlo che ha svegliato anche sua figlia che è accorsa a vedere cosa succedeva.

Quella notte mamma e figlia si sono deliziate col mio cazzo.

Il mattino dopo mamma e figlia si parlarono, venendo alla conclusione che Franca mi prospettò:

“Caro Fabrizio, stanotte ho capito che ti amo tanto, più della mia stessa vita, come amo mia figlia, pertanto anche lei ha capito di amarti, difatti in questo momento sta mettendo fine alla sua relazione con Filippo, lei vuole solo te perciò abbiamo parlato e se tu sei d’accordo saremo tutte due le tue donne, sarai tu a decidere con chi sposarti, senza rinunciare all’altra”

 

 

 

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



la casa dell'amore 4
la casa dell'amore 3
la casa dell'amore 2
Da anni sono la donna la donna di tuo fratello
Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2


    Racconto a Caso
Autore : roar69
era sabato non avevo nulla da fare, nessun impegno così pensai di approfittarne per fare un pò di movimento per tenermi in forma, così dopo pranzo decisi di andare a fare un pò di jogging fuori era estate e faceva molto caldo, una bella sudata per tenersi in forma ci stava bene, così mi misi in tenuta sportiva presi l'auto e andai nelle colline vicine a dove abitavo, per correre un pò nel fresco visto il caldo torrido, arrivato a destinazione tolsi la tuta rimasi in calzoncini rigorosamente aderenti e maglietta corta, anche quella aderente, mi avviai di corsa verso un sentierino e dopo alcuni minuti di corsa

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni