Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 27-11-2016 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 1374 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Da mamma ad amante ed infine moglie 2

 

A metà inverno grazie al mio lavoro avevo conosciuto Sara, una bella ragazza di 23 anni, coi capelli fulvi, labbra carnose, occhi nocciola, un seno prominente credo una quinta e con due gambe lunghe e i polpacci pronunciati, proprio come mi piace vedere in una donna.

I fine settimana sia il sabato che la domenica cominciai ad uscire di casa per incontrare Sara, solitamente si andava a cena e poi al cinema.

Dopo il cinema l’accompagnavo a casa sua e rientravo al mio domicilio, le prime volte mamma era già a dormire, ma dopo circa tre settimane al mio rientro trovavo Laura in piedi ad aspettarmi.

Le prime volte ho pensato che si preoccupasse di vedermi tornare sano e salvo sapendo della sua totale preoccupazione visto che sono un po’ pesante con il pedale dell’acceleratore.

Ma dopo un po’ ha incominciato anche con domande che mi sembravano più per gelosia che di ansia.

Una sera che ho ritardato più del previsto, era addirittura sulla porta, in vestaglia e nervosa che si fumava una sigaretta e quando mi sono avvicinato e ho cercato la sua guancia per baciarla si è ritratta e in tono aggressivo:

“ Non arrivavi più, questo non è un albergo! La tua bella stasera era calda e si è fatta scopare?”

Io non mi aspettavo tanta aggressività e alquanto adirato ho risposto:

“Già visto che in questa casa non scopi tu ci penso io a tenere alto l’onore della famiglia”

A quelle parole come risposta mi arrivò un ceffone che mi lasciò il segno.

In quel momento pensando anche che un figlio non può rispondere così male a sua madre lasciai perdere e mi recai nella mia stanza, mi svestii e mi misi il pigiama, poi quatto quatto mi recai in bagno a espletare i bisogni fisiologici.

Uscito dal bagno sentii mamma singhiozzare e quindi bussai alla sua porta, dopo alcuni istanti sentii un giro di chiave e vidi la porta aprirsi, mamma aveva gli occhi rossi dal pianto e ancora le guance rigate dalle lacrime.

Entrai e lei mi fece sedere sul letto accanto a lei, poi con voce tremolante e nervosa mi disse:

“Sai da quando frequenti Sara, nei week end non hai più tempo per me”

Io per sdrammatizzare la cosa replicai:

“Ma se eri sempre tu che insistevi perché mi trovassi una ragazza e mettere su famiglia, adesso ti lamenti che ti lascio sola, ma secondo te come faccio se non la frequento e resto a casa con te?”

Lei sempre singhiozzando:

“Ma se è una poco di buono e meglio perderla che trovarla!”

Io sorridendo:

“Perché deve essere una poco di buono se non la conosci nemmeno?”

Laura scoppiò in un pianto irrefrenabile:

“Già non la conosco e non voglio conoscerla, ma una che dopo poche sere ti da la figa, non è che una puttana e quindi non fa per te!”

Io sempre più basito:

“Mamma sembra che tu parli per gelosia, e non come una persona ragionevole!”

Lei sentendosi punta sul vivo:

“Certo che sono gelosa, mio figlio i fine settimana prima li passava qui con me, adesso mi lascia sola con la tv”

A questa risposta mi sentii intenerire e l’abbracciai e la baciai sulla fronte come si fa con una bambina, dopo alcuni baci sulle guance mi sorrise e io ripresi:

“Se ti senti sola vedrò di stare nuovamente più a casa, ma anche papà potrebbe rinunciare di passare tutte le sere al bar”

Lei:

“Sai che papà la prossima settimana parte con gli amici per recarsi al sud ad un torneo di Biliardo”

Al che ridendo risposi:

“No non lo sapevo, vuol dire che dirò a Sara che non posso frequentarla per un po’ e pertanto sarebbe meglio prendere un periodo di riflessione”

A mamma si illuminò il viso, con un sorriso che sembrava quello di una famosa pubblicità, e mi baciò e stringendomi a se scoppiò in una risata fragorosa.

“Piano mamma, se continui così non rispondo più delle mie azioni e quel che mi hai detto mesi fa va a farsi friggere con tutte le tue convinzioni” dissi.

Laura guardandomi preoccupata e pensierosa:

“Amore, cosa ho detto mesi fa e quali sono le convinzioni di cui parli?”

Sempre più eccitato:

“Ma come non ricordi che non vuoi un amante perché vuoi ancora bene a papà?

Poi le tue convinzioni, quando ti ho regalato l’intimo combinato, che non l’avresti indossato perché non avevi nessuno a cui mostrarlo?”

Lei cambiò colore sulle guance e da rosee diventarono rosso fuoco:

“Ancora con la storia che saresti disponibile a diventare il mio amante”

“Si mamma se tronco la storia con Sara ti voglio tutta per me” dissi tra il serio e il faceto.

“Ci penserò! Però non farti illusioni, se tu diventassi il mio amante papà non dovrebbe mai saperlo e poi devi sapere che in fatto di sesso io sono molto esigente!”

Io divertito a quel punto dissi:

“Beh è sottinteso che papà deve restare fuori dalla cosa e poi se sei esigente tu che non trombi da chissà quanto, figuriamoci una ninfomane in astinenza”

“ Scherza pure, ma lo sai come è definito un rapporto madre e figlio?”

“Certo si tratta di incesto”

“E tu vorresti compiere un incesto con tua madre?”

“Certo così ti sfoghi e godi dopo tanto tempo, e anch’io scopando con te non ho più bisogno di cercarmi fuori casa qualche bella troia disponibile”

Lei leggermente irritata:

“Se accetterò, bada bene se accetterò dovrai lasciare quella porca di Sara e scopare solo con me”

Dette queste parole l’abbracciai poi la distesi sul letto matrimoniale e quindi le accarezzai le stupende gambe spingendomi fino a sfiorarle le mutande che al tatto mi parevano bagnate quindi gli dissi:

“Porcellina sei già bagnata e vuoi fere la ritrosa, scommetto che hai voglia anche tu di una bella pompata in figa”

Lei:

“Maleducato e volgare non si dicono certe cose a una signora”

“ A una signora no, Ma tu non sei una signora ma una mamma e a una mamma si dice tutto e non si devono avere segreti”

“Dai adesso vai nella tua stanza che è tardi, tra un po’ torna papà, di questo tuo progetto che intriga anche me ne parliamo domani mattina”

“Perché domani mattina e non domani sera?” chiesi

“Sciocchino ti ho detto che Filippo parte per un torneo domani alle 5 e pertanto già domani siamo soli soletti e possiamo progettare le nostre trastullate”

Dopo quelle frasi mi alzai da un letto e andai a coricarmi in altro, ero agitato pesando che avevo avuto una risposta affermativa e il mio sogno erotico di nome Laura si sarebbe concretizzato, ma avevo anche paura che mamma ci ripensasse e quindi mi sentivo si emozionato per la conquista tanto attesa, ma anche titubante che non se la sentisse di darsi a me.

Nel mentre mi facevo tutte queste riflessioni mi suonò il cellulare:

“Ciao gioia, sono Sara volevo sapere se una di queste sere mi porti al cinema, sai c’è un film che mi piacerebbe vedere”

“Scusa Sara ma domani ti avrei chiamato io, per dirti che ho bisogno di una pausa di riflessione, perché non me la sento di continuare una storia, anche perché tu meriti una storia seria e io in questo momento non me la sento di proseguire”

Sara:

“Stronzo, bastardo, coglione, ora che mi hai avuta mi lasci per chissà quale troia”

Io con voce mortificata ma dentro di me ridendo:

“Ma cosa dici, non c’è nessuna, se vuoi puoi venire a controllare e solo che mamma ha un esaurimento e io non voglio lasciarla sola visto che mio padre deve partire”

Sara un po’ più dolce:

“Certo che ti vengo a controllare, ma sappi che se trovo qualche bagascia con te, faccio uno scandalo”

Ormai avevo capito che la scusa dell’esaurimento di mamma aveva fatto effetto dissi:

“Ma quale bagascia al massimo mi vedrai a braccetto con mamma che è tanto depressa e la mia vicinanza è l’unica cosa che sembra destarla dal suo torpore. Ciao cara a presto”

Il mattino alle 5.00 papà partì per il suo tour, alle 5.05 ero già nel letto matrimoniale, mamma dormiva, mi accostai dietro di lei e le accarezzai prima un seno, poi con la mano le sfiorai una natica e quindi mi intrufolai tra i peli fino a raggiungere la bellissima e caldissima figa di mamma.

In quel mentre la sentii muovere e mugolare, poi si girò e in quel momento la baciai in bocca per lunghissimo tempo.

Mamma:

“Scemo, non mi sono ancora lavata nemmeno i denti chissà che fiato pesante ho!”

“Amore mio, non importa, l’importante è che da adesso in poi tu sia solo mia e di nessun altro”

“Già io devo essere tua e di nessun altro e tu invece ti sbatti quella mezza calzetta di Sara la rossa,

che mi sa che sarà anche una bella puttana”

“Mamma, stanotte Sara mi ha chiamato e così con lei ho chiuso, non potevo vederti nervosa e gelosa perché mi fottevo lei, Per me tu sei la donna più importante della mia vita in tutti i sensi”

“Cosa vuoi dire con tutti i sensi?”

“Amore tu mi hai generato facendomi uscire dalla tua vagina ed ora mi onori diventando la mia amante e facendomi entrare in figa dove 25 anni fa sono uscito”

“Scemo, lo sai che ti amo tanto, basta che tu me lo chiedi e io sono a tua disposizione in tutto.

Amore, l’importante è solo che non lo sappia tuo padre, non perché ho paura di lui, ma solo perché fino ad oggi le sono stata fedele e non voglio che soffra”

“Vuoi dire che è la prima volta che lo cornifichi e lo fai con me tuo figlio”

“Certo non lo avrei mai cornificato con nessuno, solo con te che sei il mio immenso amore”

Finita la dichiarazione d’amore lo tirata verso me e dopo un bacio passionale lingua in bocca con la testa i sono catapultato tra le labbra inferiori ed ho incominciato una leccata di figa dalla quale è venuta diverse volte.

L’ennesima volta che ha goduto dopo aver urlato tutto il suo godimento:

“Amore, ieri sera ero perplessa e titubante ad accettarti come amante ma ora che mi hai fatto piangere la fica come da anni non mi capitava voglio dirti che a te non rinuncio più”.

“Grazie mamma, ma ricordati che io sono tuo e qualunque cosa possa farti godere non pensarci due volte a dirmela”

“Tesoro, amore se scopi come lecchi ho trovato l’amante ideale, comunque sappi che da stasera tu dormirai nel letto matrimoniale con me, fino a quando torna tuo padre”

“Grazie Laura, ma sei sicura che dormirò, mi sa che più che dormire tromberò una bella puledrina che secondo me è un po’ selvaggia e quindi bisogna domarla”

“Puledrina una ciuffola di piuttosto una puttanona”

“Come sarebbe puttanona?”

“Amore dopo la guazzata che mi hai dato mi sento puttana, troia, una donna da strada tanta è la voglia di te”

“Brava mamma, oggi ho preso una giornata di ferie per farti la festa, ma ti invito a cena stasera e voglio che ti vesti come dico io”

“Certo amore, tutto quello che vuoi per me è un ordine”

“Bene, allora quando il cornuto non è in casa devi vestirti come una battona, non devi indossare le mutande e poi le calze solo quando te lo chiedo. Il reggiseno neanche quando c’è papà devi indossarlo”

“Ma cosa dici il reggiseno l’ho sempre messo e in caso contrario se ne accorgerebbe”

“Beh penso che una scusa tu sappia trovarla, per mal che vada digli che ti stringe e ti porta ad avere un irritazione alla pelle, vedrai che il cornuto non avrà niente da ridire”

“Ah Ah il cornuto come lo chiami tu non sa di esserlo”

“Già e noi non glielo diremo, ma quando non è in casa voglio che il mio amore sia libera da ogni inibizione”

“Amore tutto come vuoi tu, per stasera come vuoi che mi vesta?”

“Direi che potresti indossare le calze a rete nere che ti ho regalato quel giorno che eravamo al mercato e che non hai mai indossato”

“Amore sai che non avevo nessuno che le apprezzasse prima”

“Certo, poi metti le mutandine nere senza reggiseno una maglietta leggera e scollata e per finire i sandali alla schiava che hai nella scarpiera”

“Sai anche dei sandali, sei proprio un bel maiale”

“Mamma non sai quanto, e poi vedrai stanotte ti voglio deflorare anche il culetto, non solo scoparti in figa. Comunque preparati che il trattamento che ti farò stanotte nel letto matrimoniale lo ripeterò per tutta la settimana, fino a che non tornerà il cervo”

“Ah Ah Ah Il cervo! Come ti vengono in mente questi epiteti amore?”

“Con te accanto mi vengono naturali”

“Ehi amore, hai detto che vuoi sodomizzarmi, ma in questo non sono d’accordo”

“Mamma non dirmi che sei vergine dietro?”

“Si amore, il culo non l’ho mai dato nemmeno a tuo padre”

“Beh è ora che cominci, poi sai come si dice la verginità anale la si da all’amante e siccome io sono diventato il tuo amante ufficiale in tutti i sensi la prima notte a letto voglio deflorarti il culo”

“Amore tutto quello che desideri per me è un ordine”

“Grazie amore farò piano ma ti farò godere come non mai”

Finito di parlare mi ha di nuovo riempito la bocca con la sua lingua, per un tempo indefinito mi ha limonato poi staccatasi:

“Grazie amore mi sento come avessi 20 anni”

“Ehi ventenne che ne dici di prendermelo in bocca e lucidarmelo”

“Scusa non ci avevo pensato, faccio subito non mi sgridare Amore”

Portò le labbra alla cappella e incominciò il miglior pompino della mia vita fino a quel momento, era insaziabile e dopo circa 40 minuti le sborrai un sugo denso e bianco in bocca che lei ansimando ingoiò tutto.

La presi e appoggiandole le gambe alle mie spalle la penetrai di brutto in un solo colpo, poi con ritmo regolare ma adagio le immettevo il cazzo in figa, dopo alcuni minuti la sentii ansimare e gridare frasi sconnesse, quindi dopo circa 15 minuti ebbe un orgasmo e gridò talmente forte che credevo i vicini chiamassero il 113.

Dopo la sua venuta passarono un paio di minuti ed anch’io sentii il bisogno di sborrare e le chiesi:

“ Dove vuoi che sborro amore?”

“Caro vienimi in figa”

“Mamma sei già in menopausa o puoi rimanere incinta?”

“Stronzetto prima mi scopi come una troia e poi ti preoccupi’”

“Certo mamma, pensa un po’ se sei feconda cosa accadrebbe se ti mettessi incinta’”

“Cosa vuoi che mi freghi, avrei un figlio tuo”

“E scusa come lo giustificheresti a papà?”

“Il coglione cornuto, se lo meriterebbe proprio, che gli sfornassi un figlio del mio amante così impara ad andare a giocare a bigliardo”

“Già mamma, il cornuto gioca con le biglie del bigliardo mentre tu ti dedichi alle mie biglie”

“Meglio le tue che mi danno piacere”

“Brava mamma così mi piaci sempre di più”

“Cosa intendi?”

“Che mi piace sentirti parlare volgare”

“Figlio mio ti facevo porco, quando mi ronzavi intorno, ma non immaginavo che lo fossi fino a questo punto”

“Mamma sei tu che mi ispiri”

La sera siamo andati a cena, al maître dopo una lauta mancia ho chiesto un tavolo appartato dicendole che la signora che mi accompagnava volava un po’ di privacy.

Durante la cena ero seduto alla sua sinistra e la mano destra e stata tutto il tempo a trastullarsi tra una palpata alla coscia, una toccatina al pelo della figa o addirittura alla penetrazione di un dito nella stessa o anche solo una palpata di culo.

Finito la cena con l’auto abbiamo raggiunto l’abitazione ma nel percorso ho insistito affinché mamma si togliesse le mutande e percorressimo il tratto di strada sapendola senza l’intimo.

Appena giunti a casa e chiusa la porta dietro di noi, ci spogliammo a vicenda e per tutta la notte furono numeri erotici di massimo godimento.

Il mattino seguente mi svegliai alle 7.00 per recarmi al lavoro, ma mamma non voleva che la lasciassi sola e io stanco per le battaglie notturne presi il telefono ed avvertii in azienda che mamma stava male e non potevo uscire.

Prendemmo a coccolarci e la cosa durò fino alle 8.30, dopo mi venne in mente di farle il solletico, visto che lei sotto i piedi è molto sensibile, mamma cercando di svicolarsi mi diede un calcio sul naso del tutto involontario, io feci finta di arrabbiarmi e nudo mi gettai su di lei in modo che giocando il cazzo si erse e mi venne voglia di fotterla così ricominciammo a fare l’amore.

Dopo aver scopato, chiesi un po’ di tregua, in modo da potermi riposare, quindi mamma si recò in cucina e preparò la colazione, alle 11.00 in punto si presentò nella stanza matrimoniale con la colazione per me, ma la cosa che mi colpì di più, fu il suo abbigliamento, si era tolta il pigiama,

ma si era messa solamente una vestaglia trasparente dalla quale si vedeva o si intravvedeva tutta la sua nudità.

A quello spettacolo dissi:

“Mamma se continui a eccitarmi così tra il pomeriggio, la serata e la nottata mi esaurisco e neanche domani lavoro bella figona mia”

“Scusa ma è proprio quello che voglio, ormai mi hai sedotto e con tutti gli arretrati che ho da recuperare visto che il cornuto non mi tocca da due anni approfitto del mio stallone”

“Si mamma ma tieni presente che se mi esaurisci poi non so quando possiamo riprende le nostre evoluzioni sessuali”

“Caro tuo padre sta fuori tutta la settimana e voglio che tu mi usi a più non posso e non me ne importa un cazzo del tuo lavoro, se ti licenziano abbiamo più tempo per noi. Anzi sai cosa ti dico telefona immediatamente in azienda e di che tua mamma e a letto”

“Si mamma, ma devo anche dirle che sei a letto con me?”

“Stupidino, non dobbiamo rendere pubblica la nostra relazione, di soltanto che sono a letto e che sono bisognosa di attenzioni”

“Mamma solo io so di quali attenzioni hai bisogno, speriamo solo che non abbiano da ridire”

Telefonai in azienda e mi presi dieci giorni di ferie, appena finito la telefonata mamma mi guardò sorridente e mi disse:

“Porcellino vestiti che voglio andare fuori a pranzo”

“Certo padrona e dove desidera essere condotta per festeggiare la nostra relazione”

“Mi piacerebbe andare in montagna o al mare, poi dopo pranzo sdraiarmi sull’erba o sulla sabbia e fare nuovamente l’amore con il mio amante, ti piace l’idea porcellino?”

“La tua idea mi piace, ma non pensi che possa vederci qualcuno che ci conosce e magari poi possa spettegolare?”

“ Non ci avevo pensato, ma tanta era la voglia di passare una giornata con te come una coppia, che ogni cosa mi era passata di testa”

“Beh comunque al mare a pranzo possiamo andare, per la spiaggia vedremo, anche se la tua proposta mi eccita da morire”

“Sei proprio un maialino, altro che mio marito che sembra un morto che cammina”

“Mamma non dire certe cose in fin dei conti tuo marito 25 anni fa ti ha messo incinta in modo che nascesse il tuo attuale amante”

“Si è stata una delle poche belle cose che ha fatto, che poi si è rivelata la più soddisfacente”

“Laura soddisfacente lo penso proprio, visto che sono 24 ore che godi come una troia”

Dopo questo scambio di opinioni abbiamo fatto una doccia e siamo partiti direzione mare.

Nel tragitto mamma era splendida scherzava ogni tanto mi baciava e mi carezzava la guancia destra, io nel cambiare marcia toccavo le sue gambe e la mano scorreva fino alle cosce.

Laura era euforica e dopo un oretta giungemmo in Liguria, posteggiai di fronte al ristorante e voltandomi verso mamma vidi il suo viso teso.

Preoccupato che stesse male chiesi:

“Mamma stai male?”

“No amore, è solo che quando mi palpavi le cosce sono venuta e adesso se mi alzo tutta la sborra mi cola sulle gambe e penso alla brutta figura che farei nel locale”

“Capisco benissimo la tua situazione Laura, figurati che io son venuto nelle mutande, comunque il tuo problema lo risolviamo in un baleno”

Avviai l’auto e mi spostai un centinaio di metri, in una zona deserta poi con calma dissi:

“Bella figa tirati su la gonna che ti pulisco”

“Scusa ma come pensi di fare?”

“Ti lecco tutta, così ti pulisco e poi andiamo a mangiare”

Così feci, poi ci recammo al ristorante, pranzammo a base di pesci, fino il pranzo presi la macchina e salimmo su un promontorio con una pineta dove si vedeva il mare e limonai mamma.

Dopo tornammo a casa e passammo l’intera nottata e tutta la settimana fino al ritorno di mio padre a coccolarci,baciarci e scopare.

Fu bellissimo, mi sembrava di essere un dio, tanto era l’amore che mia mamma riversava nei miei confronti.

 





ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2
Nonna Marcella 2
Mia suocera grande troia 1
Nonna Marcella 1
L'amica bellissima di mia madre
La mia ragazza mi presenta mia moglie


    Racconto a Caso
Autore : jamesoffice
... quel rigonfiamento sui miei pantaloni

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1380
» Totale Autori
3186

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni