Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 27-11-2016 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 1374 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Da mamma ad amante ed infine moglie 3

 

Quella settimana che mio padre era via per il torneo di bigliardo soddisfai Laura in tutti i modi possibili, ma anche se volevo sverginarle il buco del culo lei riusciva sempre a eclissarsi al momento buono.

Comunque i giorni trascorsero con fiumi di sperma e di saliva, non mancavamo mai di deliziarci reciprocamente con leccate e sborrate sodisfacenti, tanto che la mattina al risveglio eravamo più stanchi di quando ci sdraiavamo per dormire, ma i buoni propositi si esaurivano nel giro di pochi istanti.

Laura ormai voleva recuperare i due anni di astinenza a cui l’aveva costretta il marito ossia mio padre, io dal canto mio avevo trovato una donna vogliosa e sempre disponibile ad allargarmi le cosce in modo che potessi penetrarla a mio e suo piacimento.

Nelle nottate passate a letto il dormire era poco il sesso molto, ormai ero esausto, ma per fortuna papà tornò per il fine settimana, ed essendoci lui in casa mamma Laura era tabù.

Certamente qualche palpatina ci scappava ma niente di più, un pompino o una sveltina neanche a parlarne, sempre per paura di essere scoperti e per non rattristare Filippo.

Per fortuna avevo preso 10 giorni di ferie e quindi trascorsi sette giorni di sesso sfrenato me ne restavano ancora tre per riposarmi.

Però avendo mamma sempre vicino l’erezione era una norma, anche perché Laura seguendo le mie richieste non indossava reggiseno e di sua iniziativa aveva anche dismesso le mutandine, ogni volta che si piegava o accavallava le sue stupende gambe cercava di eccitarmi mostrandomi la sua passera che nel fine settimana aveva provveduto a depilarsi.

Decisi, così per rilassarmi e non assistere a certi spettacoli di partire per due giorni recandomi in un agriturismo sulle langhe gestito da persone amici di miei conoscenti.

Quando comunicai a mamma la mia decisione, lei mise il broncio e disse:

“Amore mi vuoi lasciare qui sola e andare in ferie senza me, sapessi quanto ci terrei a passare due giorni con te, passeggiando mano nella mano, scambiandoci baci e limonare con tranquillità, lontano da tuo padre”

“Laura lo so che mi ami, ma io non scappo mica in Africa, vado solo due giorni nell’alta langa per riprendermi dall’attività che abbiamo prodotto in questa settimana io e te”

Lei leggermente alterata è scappata nella sua stanza a piangere e dopo un’ora era ancora disperata tanto che al rientro di suo marito, lui le chiese cos’era successo, lei sempre piagnucolando disse:

“Tuo figlio vuole andare due giorni in ferie in un agriturismo sulle langhe e io ci avrei tenuto tanto ad accompagnarlo per fargli compagnia e poi avrei potuto rilassarmi, visto che qui in casa io lavo, stiro, pulisco e preparo da mangiare per tutti e non ho mai un momento per me”

Mio padre non sapendo di me e mamma mi chiamò e con voce calma ma decisa come fosse un ordine:

“Claudio, senti mamma ha bisogno di riposarsi, e tu sai bene tutti i sacrifici che fa per noi”

“Certo papà, so che mamma si sacriFICA molto per noi, però non capisco cosa centro io?”

“Senti ho una proposta da farti e spero tu sia d’accordo”

“Dimmi pure, basta che non sia una cosa oscena. Ah ah ah ah”

Filippo restò un momento perplesso ma alle mie risa replicò:

“Oscena no, ma impegnativa molto”

“Ok dimmi, sono tutt’orecchi”

“Io ti faccio un assegno sostanzioso e tu nei due giorni che vuoi trascorrere nella langa ti porti tua madre, che ha bisogno di riposarsi e di rilassarsi”

“Certo, io voglio fare due giorni di ferie tranquillo e mi devo portare una vecchia cariatide come compagna. Papà stai scherzando o dici sul serio?”

A queste mie affermazioni mamma che era nella stanza intenta ad ascoltare si mise a gridare:

“A chi dai della vecchia cariatide, brutto ingrato di un figlio? Non ti lamenti quando ti faccio da serva e da …”

A quel punto per evitare ulteriori problemi in famiglia dico ridendo:

“Ma certo che ti porto con me, visto che papà sponsorizza tutto lui non c’è problema.

In quanto a prima la mia era solo una frase per farti arrabbiare, bastava che me lo chiedessi, non era il caso di far intervenire papà. Comunque sappi che d’ora in poi quando vado qualche giorno in ferie ti porterò sempre con me, così mi farai da guardia del corpo e allontanerai tutte le mie fans”

Poi finito di parlare risi a crepapelle, sorprendendo sia Laura che Filippo.

Mamma non sapeva che dire, il primo a parlare fu mio padre che disse:

“Comunque ho detto che ti do un assegno e così sarà”

Prese il blocchetto in calce appose la sua firma e rivolgendosi a me:

“Guarda che non metto la cifra, ma fai divertire la mamma che sia soddisfatta di questi due giorni in tua compagnia”

“Certamente, puoi starne sicuro, la soddisferò in tutto e per tutto, e quando rientreremo non credo che potrà lamentarsi del mio trattamento”

Mamma felice per averla avuta vinta:

“Scemo cosa credi che non mi ricordi che non mi volevi”

“Certamente che ti volevo, ma non così”

Alle nostre schermaglie papà si intromise dicendo:

“Io il mio dovere l’ho fatto, pertanto vi lascio discutere e organizzare, adesso vado al bigliardo, non aspettatemi”

“Certamente papà il tuo dovere lo fai sempre difatti mamma è molto soddisfatta di te”

Filippo uscì di casa e mamma sempre incazzata:

“Da te non mi sarei mai aspettata che non volessi portare la tua amante in ferie. Poi non basta mi chiami anche vecchia cariatide ed infine giochi con le parole di papà deridendolo. Sei proprio un figlio ingrato e traditore”

“Laura non parlare di tradimento e ingratitudine perché a letto non ero solo e poi io non lo deridevo ho solo cercato di fare il finto scemo per non destare dubbi”

“Si, si adesso cerchi di girare la frittata”

“A proposito di girare, quando decidi di girarti e darmi il tuo culo?”

“Se ti comporti così, non pensare che ti conceda di sodomizzarmi, a parte la figa il resto nisba”

“Complimenti mamma, hai espresso un desiderio tutto tuo, non penserai che io sia il tuo schiavo?”

“No amore, schiavo no di sicuro ma da adesso in poi sarai il mio giocattolo sessuale e niente più”

“Ok se la pensi così puoi trovare una scusa per restartene a casa”

“Non ci penso nemmeno, verrò all’agriturismo e prenderemo una matrimoniale proprio come due che si amano”

“Brava, poi però preparati a farti dei bei ditalini, perché il mio uccello lo farò decollare per altri nidi”

A questa mia frase non molto elegante capì che anche lei aveva esagerato e con fare sessuale quasi seducente mi disse:

“Amore mio unico, questa è la nostra prima litigata, ma io a te non rinuncio e se solo provi a guardare un'altra io potrei non rispondere delle mie azioni”

“Mamma ma in sostanza hai ottenuto quello che vuoi, cioè venire due giorni con me, ho già prenotato la stanza matrimoniale e questo prima di sapere che avresti messo di mezzo quel pover uomo di tuo marito, non capisco cosa vuoi di più?”

“Tesoro, non voglio niente di più! Ma davvero avevi già prenotato anche per me, come facevi a sapere che sarei venuta anch’io con papà in casa?”

“Vedi mamma ormai sei la mia amante e dove vado io, vai tu. Hai sentito quel che ho detto in presenza del cornuto, cioè che quando vado qualche giorno in ferie tu verrai sempre con me e sarai la mia guardia del corpo”

“Certo caro, credevo volessi sfottermi”

“Mamma caso mai io foglio fotterti e poi più che guardia del corpo tu ormai sei parte del mio corpo con tutte le volte che ci siamo e ci accoppieremo”

“Amore non sai quanto solo felice quando sono con te”

“Mamma visto che sei ancora giovane e non sei in menopausa perché quando scopiamo non proviamo a vedere se resti incinta”

“Ma sei cretino, poi come lo giustifico con tuo padre?”

“Beh la Madonna ha concepito tramite lo Spirito Santo, tu puoi dirle che è stato un uccellino di passaggio”

“Bravo credi che sia stupido?”

“No ormai solo impotente, da come mi dici tu il suo uccello non tira più e tu hai dovuto ricorrere ai ripari tramite il mio cazzo”

“Non essere volgare”

“Mi piace essere volgare quando sto per impalarti”

“Ma perché che intenzioni hai?”

“Scusa, Filippo è andato al bigliardo e ne ha per un paio d’ore come minimo e io in un paio d’ore voglio trombare con la mia bella e porca mamma”

“Maiale, porco non aspetti nemmeno di essere in albergo, se rientrasse prima sai che scandalo”

“Non rientra ma se rientrasse prima vedrebbe che razza di gran troia è la sua sposa”

“Dai amore sono pronta chiavami subito che mi hai fatto venire una voglia matta”

Gli saltai addosso ed in breve la trapanai per una buona mezz’ora poi dopo aver sborrato sulle sue tette le chiesi di prendere il cazzo in bocca e di lucidarlo per essere pronto l’indomani quando le langhe avrebbero raccolto il nostro segreto.

Lei ubbidiente fece tutto per accontentarmi e dopo un’ora decidemmo di andare a letto, ognuno nella propria camera, visto che più tardi sarebbe rientrato papà.

Il mattino seguente partimmo tra gli sguardi allibiti di papà, che osservava Laura e il suo abbigliamento così composto, una camicetta scollata azzurra dalla quale si intravvedevano le tette,

gonna corta a metà coscia nera con relative autoreggenti in tinta, rossetto sulle labbra rosso fuoco e ombretto celeste sulle palpebre e rimmel sulle ciglia.

Vestita e truccata cosi mamma sembrava una trentenne porca e vogliosa infatti appena la vidi il mio uccello prese ad indurirsi e la voglia di cavalcarla la repressi solamente per non dare scandalo e non destare dubbi nel cornuto.

Appena partiti misi una mano tra le cosce di mamma e mi accorsi che delle mutande non vi era traccia al che dissi:

“Mamma col tuo abbigliamento penso che hai scandalizzato tuo marito, ma nel toccarti e sentirti senza mutande hai eccitato me!”

“Amore se mi sono vestita da troia da strada l’ho fatto solo per eccitare te e farti capire che posso darti più io di tante sgualdrinelle”

“Mamma tu sei unica, comunque rimandiamo ogni discorso e azione al nostro arrivo se vogliamo arrivare sani e salvi”

Proseguimmo scambiandoci alcune considerazioni sui due giorni che avremmo trascorso all’agriturismo.

Arrivati procedemmo con le pratiche di rito e mamma curiosa di sapere se era vero che avevo prenotato una matrimoniale già prima di comunicarle che avrei passato due giorni di ferie in quel luogo chiese informazioni ai proprietari di quando risaliva la prenotazione e se c’erano stati cambiamenti causa la sua presenza.

I proprietari dissero che mi avevano sentito una sola volta e la prenotazione era subito stata di camera matrimoniale.

Contenta e felice si recò in camera sculettando e quando chiusi la porta alle mie spalle, mi saltò addosso e mi diede un bacio in bocca introducendo la lingua, togliendomi il fiato, poi disse:

“Allora è vero che mi ami, e non puoi stare lontano da me”

“Certo, credevi che ti avrei lasciata a casa con tuo marito, quando il tuo amante è libero di scoparti senza presenze estranee”

Si inginocchiò a poca distanza da me e con la bocca si mise in prossimità del mio cazzo.

Cominciò con movimenti di su e giù lungo tutta la verga fino a far sparire l’arnese dentro la sua bocca, quindi mi leccò la cappella ed anche i coglioni, il suo movimento mi permetteva di osservare dallo specchio il culo di mia mamma in aria mentre mi spompinava e questo mi eccitava ulteriormente.

Evidentemente la situazione eccitava anche Laura che posizionandosi a sessantanove mi disse:

“Entra con la lingua nella mia figa! Guarda che figona ho ed è tutta tua! Voglio il tuo giovane cazzone dentro! Vieni, possiedimi come fossi tua moglie, penetrami, amore mio”

Nel mentre si dispose a cosce larghe e con la passera aperta, le grandi labbra si aprivano come un fiore che sboccia.

“Penetrami” disse nuovamente.

“Penetrami in figa con la tua verga, vieni fatti baciare” continuò

Mi misi a contatto della sua bocca e mentre la baciavo, con l’uccello le solleticavo il clitoride. Laura impazziva dal piacere e mi implorava di penetrarla e così senza fatica affondai dentro la sua figa tanto desiderata.

Lei sempre più in estasi assecondava i colpi mentre pronunciava frasi tra l’osceno e l’amore:

“Siii mi piace fare tua moglie, sento il tuo cazzo dento di me, amore sborrami dentro, senti come mi bagno, solo per te mi bagno amore, scopami ancora.

Scoparti la mamma che è la tua troia fammi arrivare il cazzo fino alle budella, dammi un bacio amore infilami la lingua in bocca amore, fottimi e divertiti con la figa della mamma”

Le sborrai dentro una quantità enorme di sperma, mentre mamma raggiungeva l’orgasmo senza alcuna inibizione e senza ritegno.

Poi cambiammo posizione con mamma sopra di me, che mi scopava, io col cazzo duro stavo fermo mentre la mamma continuava a venire e a godere.

Passammo due giorni a letto amandoci e scopandoci, alternando momenti di affetto materno e sesso, amore di moglie improvvisata e atteggiamenti da puttana.

Un esperienza indimenticabile che mi fece capire che mamma era innamorata di me ed anche la mia donna ideale.

Finite le ferie tornammo a casa ed io anche al lavoro, la vita continuò per diversi mesi al solito modo, mattino lavoro la sera quando papà usciva alternavamo scopate, pompini, leccate di figa,

limonavamo a più no posso, sempre facendo attenzione che il cornuto non ci sorprendesse.

Il sabato accompagnavo la mia dea a fare la spese e nel tragitto mi prendevo molte libertà come ad esempio toglierle le mutande, sfilarle le calze e masturbarla, farle esibire la tette perché mi facesse una spagnola.

Ogni volta che potevo la portavo al lavoro con me ed era sempre sesso assicurato, tanto che mamma aveva perso l’abitudine di chiedermi se avevo la ragazza e quando mi sarei sposato, visto che la mia ragazza era lei e non avrei avuto tempo per nessuna sciacquetta.

Ormai era sicura di essere lei la mia donna, non faceva più scenate di gelosia, per nessuna donna che mi si avvicinasse, ormai aveva raggiunto la sicurezza di essere lai l’unica di cui m’importasse.

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2
Nonna Marcella 2
Mia suocera grande troia 1
Nonna Marcella 1
L'amica bellissima di mia madre


    Racconto a Caso
Autore : textured
In una calda giornata estiva io e Luca siamo andati al campetto da tennis.

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1391
» Totale Autori
4388

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni