Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 01-12-2016 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 468 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Da mamma ad amante infine moglie 4

 

Laura ormai sicura di essere l’unica donna della mia vita ormai viveva solo per farmi felice ed ogni volta che la invitavo ad uscire con me, non si preoccupava più del marito o se per caso si incontrava qualche conoscente.

Un giorno che dovevo visitare un cliente in un’altra provincia e la invitai ad unirsi a me per il viaggio, la vidi elettrizzata e le chiesi:

“Mamma come mai sei così felice ogni volta che ti porto con me anche se è per lavoro?”

“Amore , mi considero tua moglie, con te scopo, ti spompino, ti limono, mi vesto da troia, faccio tutto per te e così mi sento come fossimo una coppia”

“Si mamma, noi siamo una coppia clandestina, che non deve fare sapere che fa sesso in alcun modo agli altri”

“Già pensa se tuo padre sapesse che in sua assenza noi ci accoppiamo come porci e che tu sei il mio stallone, che lui è un cornuto per causa di moglie e figlio, cosa pensi che succederebbe?”

“Mamma a questo non ci ho mai pensato, se vuoi possiamo farci scoprire mentre trombiamo e vediamo la sua reazione”

“Matto! Sei matto sarebbe uno scandalo e poi potrebbe soffrirne!”

“Ai ragione, però quando ti prendo, e ti scopo non pensi ad altro che alla tua soddisfazione. Non dirmi che in quei momenti ti importa del cornuto!”

“Per la verità, non mi importa niente di nessuno, se non di te, ma vedi per più di vent’anni ho voluto bene ad un uomo solo, poi sei arrivato tu e dopo avermi fatto perdere la testa e la dignità mi sono innamorata di te, mio figlio”

“Certo mamma, visto che ti mancava una dose di cazzo, se non giornaliera almeno un giorno si e uno no”

“Non è questo, la prima volta è stato così, ma poi non potevo più starti lontana ed ogni puttana che ti avvicinava mi faceva rodere di gelosia. Perché lei poteva averti ed io no, quindi quando tu non ti decidevi a mollare Sara, io ero in crisi e non sapevo cosa fare per averti”

Questa confessione di mamma mi inorgoglì molto e una volta cambiati partimmo per andare a visitare il mio cliente.

Il tragitto fu piacevole Laura si pavoneggiava per farsi ammirare e mi raccontava anche dei momenti di tristezza che aveva passato non sapendo se mai l’avessi accettata come amante.

Preso l’ordine del cliente, dissi a mamma:

“Visto il buon fine dell’ordine che ne dici se festeggiassimo?”

“Certo amore, come vuoi festeggiare?”

“Ma che so, una cena seguita da un riposino in albergo con camera matrimoniale , così sua signoria può fare sesso con il suo umile figlio”

“Scemo lo sai che quando mi parli di sesso con te, io sono sempre disponibile”

“Si mamma, però come facciamo con papà?”

“Beh telefoniamo e gli diciamo che ci fermiamo a cena”

“Si questo e semplice, ma io mi riferivo al fatto di passare la notte in albergo”

“Ti faccio vedere subito, ma tu stai zitto e non farti sentire”

Laura prese il cellulare che usava poco e sempre con poca voglia, compose il numero di casa e:

“Pronto con chi parlo?”

“Sono Laura tua moglie”

“Si cara dimmi”

“Volevo avvisarti che Claudio maldestro come sempre, ha avuto un disguido con l’auto e il meccanico se va bene fino a domani non la ripara”

“Laura vuoi che venga a prendervi?”

“Non disturbarti, Claudio adesso dopo il meccanico e andato in un albergo a vedere se ci sono due stanze per passare la notte”

“Va bene Laura riguardati e di a quello scapestrato che in macchina specialmente quando si hanno dei passeggeri bisogna fare attenzione!”

Si glielo dico, Ciao”

“Ciao”

Chiusa la comunicazione mamma rivolgendosi a me:

“Visto com’è stato facile”

“Speriamo solo che non sospetti di noi”

“Perché dovrebbe sospettare? Gli ho anche detto che eri andato a cercare due stanze”

“Proprio per questo, non dovevi specificare due stanze”

“Non mi interessa, l’unica cosa mi interessa è che tu sia con me e che mi ami, tutto il resto non conta”

“Certo però non vuoi che si sappia che io e te siamo amanti”

“Se non fossimo madre e figlio non mi importerebbe un ciuffolo”

“Perché cosa cambia?”

“Cambia che non sarebbe incesto, e potrei anche darti un figlio”

“Dici sul serio, faresti un figlio con me?”

“Ho fatto un figlio che amo, con un uomo del quale ormai non provo più amore, figurati con te che sei tutta la mia vita”

“Laura amore mi basterebbe solo che mi dessi il culo”

“Si appena torneremo a casa e il cornutone partirà per un suo torneo, tu entrerai nuovamente nel mio letto e mi sverginerai il buchetto”

“Mamma spero che parta al più presto”

“Adesso comunque noi siamo qui soli e soletti perciò giochiamo un po’ a marito e moglie”

Detto e fatto, mi avvicinai a lei, con la mano accarezzai il fondo schiena poi mi spostai e scesi alle gambe poi i polpacci ed infine massaggiai i suoi piedini sui quali poggiai le mie labbra e prima li baciai poi leccai.

Lei con naturalezza disse:

“Porco, sono sudati e non li lavo da ieri sera”

“Per questo sanno di formaggio, ma se non lavi i piedi da ieri sera chissà che gusto ha la tua fica non lavata?”

“Non mi dire che sei attratto anche dalla figa sporca, sudata e sborrata visto che la telefonata a tuo padre mi ha fato raggiungere una libidine e mi sono bagnata come una vergine”

“Mamma tu di vergine hai solo il culo”

“Maleducato e screanzato non si parla così ad una signora”

“Hai ragione non si parla, ma si fa, così la signora in questione gode”

Così abbiamo incominciato a baciarci, poi poco per volta sono sceso con le labbra a leccarle il seno prima la tetta sinistra poi la destra, per poi scendere adagio fino all’ombelico quindi per finire mi sono tuffato sulla patatina che ormai teneva perennemente depilata, e ho leccato tanto che nel momento della sborrata mi sono bevuto tutto senza lasciarmi sfuggire una sola goccia.

Poiché Laura aveva si sborrato ma non goduto mi sono dedicato al clitoride e qui le ho fatto raggiungere l’apice del godimento dopo circa 40 minuti.

Mamma spossata mi ha sorriso poi con voce roca:

“Amore mi hai distrutto, non ho voglia di andare a cena preferisco riposare un paio d’ore, per poi passare la notte con il tuo magnifico serpente che mi riempie”

“Ok mamma!”

“Ma come sei sempre tu che vuoi andare a cena e che in ogni occasione mi vesta provocante per fare arrapare gli uomini che mi guardano! Adesso non protesti e ti va bene così?”

“In effetti la leccata del tuo clitoride mi ha devastato e a pensarci bene un paio d’ore di riposo prima della grande guerra, faranno bene anche a me!”

Così coricati come eravamo ci siamo assopiti e come sempre accadeva in questi casi fu mamma a svegliarmi due ore più tardi.

Mamma infatti si era svegliata e come suo solito quando eravamo soli si attaccava al cazzo e mi faceva un pompino con ingoio che era la fine del mondo.

Appena sveglio e ancora assonnato:

“Mamma sei insaziabile, quando si tratta di scopare hai la sveglia nel cervello”

“Caro trombare con te è la mia passione, mai stata così erotica con tuo padre”

“Ma scusa il cornutone ogni quanto tempo ti possedeva, appena sposati”

“Sai caro, tuo padre non è mai stato molto portato per queste cose, per questo motivo quando a incominciato a perdere colpi non ci ho fatto caso”

“Si capisco, ma all’inizio facevate l’amore una volta al giorno?”

“Una volta alla settimana vorrai dire!”

“Caspita mamma, allora già allora eri in astinenza di sesso?”

“Si certamente, poi una delle prime volte mi ha ingravidato e così i tempi si sono allungati da una volta a settimana a una volta al mese e dopo la tua nascita lo aspettavo anche per mesi fino a che non aveva più erezioni”

“Allora papà non è pigro e senza voglia ma è impotente”

“E già amore, per questo quando ti sei proposto ho dovuto pensarci, ma propendevo già per il si.

La mia paura era solamente perché sei mio figlio”

Tutta la notte facemmo l’amore e ci scambiammo effusioni, il mattino verso le 10.00, pagai l’albergo e partimmo direzione casa, dove arrivammo alle 13.00 in punto.

Mio padre ci stava aspettando, ma dall’espressione del viso non tirava aria buona.

Ci sedemmo a tavola e sia mamma che io mangiammo svogliatamente, Filippo non parlava si limitava ad osservare, mamma ogni tanto mi lanciava delle occhiate, io nonostante corressi il rischio di farmi sorprendere dopo aver sfilato il piede dalla scarpa massaggiavo ora il polpaccio, ora la coscia ed infine sempre col piede lambivo la passerotta di mamma.

Laura cercava di non dare segni di godimento, ad un certo punto penso fosse al punto di non ritorno per un orgasmo si alzò e si recò in camera.

Mio padre mi chiese se era successo qualcosa la sera precedente che avesse sconvolto mamma, io risposi che era solo successo che l’auto si era fermata senza motivo e mamma era rimasta un po’ scossa.

Allora lui disse:

“Che problemi ha avuto la macchina?”

“Si è sporcato il filtro del gasolio, devo aver fatto il pieno dove il gasolio era sporco”

Quindi salutai e prudentemente mi recai in officina per farlo sostituire, se fosse successo davvero non potevo dire la stessa cosa in tempo ravvicinato.

Passarono alcuni giorni, forse un paio di settimane e mio padre non si allontanava, non aveva nessun torneo, mamma era insofferente le mancava il mio uccello ed io ero nervoso perché non potevo usufruire della sua passerina.

Poi un mercoledì ci comunicò che il venerdì sarebbe partito per un torneo in veneto.

Non stavo più nella pelle per la gioia, avevo mamma due giorni tutta per me.

Lei era in fregola pensando alla razione di sesso che avrebbe avuto, i giorni passavano lenti, non riuscivano nemmeno a scambiarci un bacio con la lingua.

Finalmente arriva il venerdì, alle 8.30, mio padre esce con la sua macchina per passare a prendere gli amici di sempre, io mi alzo e vado a fare colazione, nel mentre arriva Laura che fa:

“Claudio peccato che devi uscire per andare al lavoro, se no visto che il cornutone è partito avremo potuto sollazzarci nel mio letto fino a mezzogiorno”

“Laura cosa credi che abbia fatto ieri?”

“Non so dimmelo tu?”

“Beh ho pensato che la nostra astinenza, meritava un giorno in più di libertà e ho preso un permesso”

“Amore adorato, tu si che sai come fare contenta una donna oltre che soddisfarla”

“La sola donna che m’interessa sei tu, bella sensuale e porca come piace a me, ha proposito dovresti concedermi di sverginarti il buco del culo”

“Certo tesoro, questo week end sarà quello buono”

Ci baciammo e abbracciati ci recammo a letto, solite battaglie amorose fino a quando con la massima erezione ho deciso di penetrare il mio amore in figa.

Urlava talmente di goduria e il letto matrimoniale dei miei scricchiolava, ma non importava tanto nessuno poteva sentirci.

Purtroppo i rumori e le sue urla coprirono l’introduzione della chiave nella toppa della serratura, e l’apertura che la chiusura della porta.

Sorpresa inaspettata il grande assente, era presente, la sua donna stava scopando con suo figlio, che casino, era basito sulla porta della stanza, mamma intenta a godere non si rese conto della situazione al contrario di me che estrassi il serpente dall’utero di Laura.

Lei sempre intenta al godimento strillò:

“Amore mettilo di nuovo in figa che devo ricuperare il tempo che quel cornuto di mio marito non se ne andava a giocare a bigliardo”

“Ma mamma!”

“Hai ragione lui gioca con le palle del bigliardo e io gioco con le tue che sono molto meglio!”

Finalmente ha alzato lo sguardo e il cornutone era li.

Terrore, preoccupazione attimi di panico poi Filippo stupendomi per la sua calma:

“Ora le cose si svolgeranno così, tu Laura non uscirai più di casa se non con me o con mia autorizzazione e tu Claudio hai 5 minuti per preparare i tuoi bagagli e andartene di casa.

Ho scoperto una moglie puttana e un figlio ingrato e tutti e due dei degenerati”

Mi sono alzato dal letto nudo e passandogli davanti mi sono lisciato il cazzo e poi con voce ferma:

“Beh povero impotente qualcuno a tua moglie ci doveva pensare, visto che tu non l’hai mai soddisfatta in 28 anni di matrimonio”

Lui non mi ha risposto, sono andato nella mia stanza e mi sono rivestito, poi dopo la calma la tempesta, ho sentito che urlava e minacciava mamma:

“Porca d’ora in avanti ogni notte mi farai un pompino, e mi farai sborrare in bocca, ingoierai tutto e se non ti basta ti porto a battere lurida puttana, così mi rifaccio di tutti i soldi che mi sei costata”

Poi incominciò con degli schiaffi, che seppi dopo sul sedere ma dalla mia posizione sentivo solo il rumore quindi intervenni e lo bloccai.

Lui subito cattivo:

“Ti ho detto di andartene e con questa puttana da marciapiede me la vedo io!”

“Lascia stare mamma, adesso stai esagerando, se la tocchi ancora ti spezzo”

Si è calmato un attimo poi all’improvviso mi ha scagliato un pugno sulla guancia, io ho subito reagito e l’ho steso, poi con tono duro:

“Senti bene adesso le regole le faccio io, se ti vanno bene se no le accetti e basta”

“Io sono tuo padre e devi portarmi rispetto”

“Papà è proprio per rispetto verso te che mamma viene a letto con me”

“Come sarebbe a dire”

“Caro papà a te l’uccello non tira più da un pezzo ed io ho preso il tuo posto, così nessuno sa niente, se invece mamma si fosse fatta uno sconosciuto come amante i pettegolezzi ci sarebbero stati”

“Questo tu lo chiami rispetto”

“Il rispetto uno se lo deve guadagnare, comunque le regole sono queste:

1)            Da oggi io e mamma facciamo copia fissa

2)            Nel letto matrimoniale ci dormo io

3)            La mia stanza diventa la tua

4)            Quando abbiamo voglia di uscire usciamo senza renderti conto

5)            Quando vado in ferie la porto con me

6)            Noi che ti piaccia o no in casa gireremo sempre pronti a scopare

7)            Penso di ingravidarla molto presto, perché voglio un figlio da lei

8)            Ultimo se vuoi che nessuno sappia niente diremo che il figlio e tuo

Queste sono le mie regole se le accetti abiteremo tutti insieme come una famiglia felice, se non ti vanno io me ne vado ma la mia donna me la porto via”

Appena finito di parlare mamma ancora nuda e volata tra le mie braccia e mi ha baciato poi allungando la mano mi a tastato il cazzo ormai duro come l’acciaio. Poi ha sussurrato:

“Amore come sei stato deciso e convincente con papà, tu si sei un vero uomo, adesso che lui sa tutto, non ho problemi ha sfornarti figli”

Filippo pensieroso stava meditando e non ha sentito cosa mi sussurrava sua moglie, ma dopo averci pensato disse:

“Va bene”

“Va bene cosa cornuto?” dissi io

“Accetto le tue regole e se Laura resta incinta per tutti il figlio è mio”

“Bene allora trasloca la tua roba nella mia stanza che da adesso il tuo letto e il mio e viceversa”

Da quel momento mamma è diventata la mia donna a tutti gli effetti con l’approvazione forzata di papà.

Appena finito di spostare la sua e la mia roba da una stanza all’altra ho preso mamma sotto braccio, ho incollato le labbra sulle sue e tra lo sguardo stupito di Filippo ho portato mamma nel letto matrimoniale ed abbiamo festeggiato sessualmente per tre giorni il nostro matrimonio profano con la benedizione forzata di papà.

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



Da mamma ad amante ed infine moglie 6
Da mamma ad amante ed infine moglie 5
Da mamma ad amante ed infine moglie 4
Da mamma ad amante ed infine moglie 3
Da mamma ad amante ed infine moglie 2
Da mamma ad amante ed infine moglie 1
Mi sono risposato con mia suocera


    Racconto a Caso
Autore : gianco
Una ragazza sviene ed io la soccorro.

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1358
» Totale Autori
444

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni