Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 01-12-2016 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 2187 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Da mamma ad amante ed infine moglie 6  epilogo

 

Scritto da  libertino.2014, il  2014-11-27, genere  incesti

 

 

 

Il giorno dopo mamma si alzò molto presto, mi preparò la colazione, me la portò a letto, quindi si tolse i pochi indumenti che aveva indosso e si rivestì di tutto punto.

Prima cosa si mise il reggiseno di seta nero ricamato e trasparente, poi passò alle mutandine tipo brasiliano sempre nere quindi per finire con l’intimo indossò un paio di calze nere con il reggicalze in tinta.

Finito con le lingerie fece una piroetta su se stessa davanti allo specchio, vedendo che la guardavo con fare civettuolo mi disse:

“Come sto?”

“Penso bene se non hai nausee visto la gravidanza”

“Sei sempre cretino con queste risposte, io intendevo che effetto facessi a chi mi vedeva?”

“L’effetto è bellissimo, ma chi deve vederti con un intimo così sexy?”

“Nessuno certo! Beh chi deve affittarci una casa non vedrà ma tu immaginerai”

“Laura sei in stato interessante, anche se ancora non si nota, e vuoi affittare una casa spogliandoti? Pensavo che non volessi altri uomini oltre a me?”

“Sciocchino. Voglio solo presentarmi con tutte le armi possibili, per ottenere quello che vogliamo”

“Ok, ma vai sola a quegli appuntamenti?”

“No, ci vieni anche tu! Se dobbiamo viverci assieme la casa la scegliamo insieme?”

“Solo per noi due o anche per Filippo?”

“Oh Filippo non conta, dobbiamo sceglierla per noi tre?”

“Noi tre come sarebbe?”

“Beh! Io, te e chi nascerà”

“Ok!”

Riprese a vestirsi mettendo una camicetta verde tenue, poi passò alla gonna lunga fino ai polpacci,

ed infine una giacca in pelle.

Guardandola mi vennero certe idee, la presi per un braccio e l’attirai a me, le posizionai le labbra sulle sue e incominciai a limonarla, ma si divincolò e mi disse:

“Non ora, adesso preparati che dobbiamo fare le visite per la casa”

Mi preparai velocemente poi uscimmo e con l’auto ci recammo ad una cittadina distante 25 chilometri dove visitammo diverse case, infine trovammo una bella villetta con giardino con un affitto che ci potevamo permettere, cosi firmammo il contratto, visto che il tempo stringeva e bisognava fare il trasloco velocemente anche perché entro un paio di settimane la pancia di mamma avrebbe evidenziato la maternità.

Nei giorni seguenti cercammo anche una ditta specializzata in traslochi e quindi ci trasferimmo tutti.

Mamma era felice perché la nuova abitazione era vicinissima all’ospedale dove avrebbe partorito,

papà perché al bar poteva ostentare la gravidanza di mamma, dicendo che anche se era ultra sessantenne aveva ancora fatto colpo ed io potevo avere mamma tutta per me.

La sera quando rientravo presto dal lavoro portavo mamma a passeggio e potevo tenerla per mamo, tanto i nuovi vicini pensavano che fossimo marito e moglie e Filippo fosse il suocero di Laura.

La sera le nostre scopate erano sempre intense anche se facevamo attenzione di non causare problemi al feto.

Mamma periodicamente si faceva accompagnare dal ginecologo, perché era terrorizzata dal fatto che la procreazione tra consanguinei potesse portare dei seri problemi al nascituro.

Comunque le giornate trascorrevano tranquille, Laura era sempre preoccupata per la nascita e anche per me che ormai ero via sempre solo in quanto vista la gravidanza non mi accompagnava quasi più nei giri di visita dei clienti.

Oltretutto dal sesto mese che la pancia era molto pronunciata, aveva ripreso la sua gelosia di donna matura con le fisime che ogni ragazza che incontravo era una puttanella pronta a soddisfare le mie voglie.

Un giorno mentre eravamo in sala d’attesa per la visita ginecologica, una ragazza mi sorrise vedendo come accarezzavo la pancia di mamma, lei se ne accorse ed usciti dallo studio mi disse: “Invece di sorridere alle sgualdrinelle e meglio che ti occupi della mamma che sta mettendo al mondo tuo figlio”

“Mamma devi smetterla di dire cose non vere”

“Già quella troia, ti guardava, se non c’ero io ti avrebbe offerto la sua figa e si sarebbe fatta scopare senza ritegno, magari facendosi ingravidare”

“Ma certo tutte quelle che incontro non aspettano che me”

La discussione terminò e tornammo a casa.

I giorni passavano ed io cercavo di essere sempre vicino alla mia donna, anche per non farla ingelosire ulteriormente.

I giorni passavano, e la gravidanza era sempre più evidente, mamma sempre più nervosa e irascibile.

Per starle più vicino possibile avevo anche rallentato con il lavoro, quando ero a casa nei momenti di tranquillità con le dovute cautele del caso ci accoppiavamo e Laura dopo aveva un viso rilassato, e in quei momenti mi baciava di continuo e con fare quasi da adolescente, mi teneva la mano e mi sussurrava:

“Amore, il tuo bambino sta per nascere, lo sento qui nella pancia, sei contento che tua moglie sia incinta e ti metta al mondo il tuo bambino”

Con molta pazienza rispondevo:

“Certo Laura che sono contento, ma ricordati che sei mia mamma e non mia moglie”

“Caro ormai viviamo insieme, dividiamo il letto, mi scopi quando e come vuoi anche in presenza di tuo padre, mi hai impregnato e non vuoi considerarmi tua moglie”

“Certo per me sei mamma, amante e moglie, lo sai che sei la persona più importante della mia vita. Ho lasciato Sara la mia ragazza e discusso animatamente con tuo marito per averti solo per me, ma non siamo sposati e ci siamo trasferiti proprio per vivere come sposini, ma dobbiamo fare attenzione che le altre persone non sospettino niente, se no andiamo incontro a molti problemi”

“Si amore, però quando siamo soli possiamo comportarci come marito e moglie e poi dopo la nascita del nostro pargoletto vorrei fare una vacanza di qualche giorno noi due soli”

“Ma certo mamma, ci avevo già pensato e ho prenotato, se guardi nel cassetto del comodino dal mio lato vedi l’adesione con la conferma”

A quel punto mamma si alzò dal divano e si recò nella stanza da letto e dopo neanche un minuto la sentii urlare, spaventato corsi a vedere cosa fosse capitato e la trovai distesa sul letto e sorridente, mentre si toglieva l’intimo e guardandomi vogliosa mi diceva:

“Amore della mia vita hai prenotato una crociera nel mediterraneo, mi hai fatto un regalo bellissimo, vieni qui e amami, scopami fammi sentire donna anche se sono gravida”

Mamma si stava spogliando, aveva gli occhi lucidi dalla gioia, appena si sfilò a gonna, io mi aprii la cerniera ed estrassi il cazzo e senza tanti preamboli la infilzai, e questa volta senza curarmi di fare attenzione la presi con violenza tanto ero infoiato.

Scopammo per circa due ore, poi mi alzai e la lasciai riposare, preparai la cena e quindi al rientro di mio padre andai a svegliare mamma, mangiammo tutti insieme, finito di cenare io e Laura andammo a letto, ma questa volta dormimmo.

Alcuni giorni dopo mamma partorì una bella femminuccia che chiamammo Azzurra come il colore dei suoi occhi, mamma si fermò in clinica ancora una settimana, quando tornò a casa il tempo della tranquillità era finito di notte facevamo a turno per assistere la bimba, una sera mi alzavo io e un'altra si alzava mio padre, mentre mamma si alzava solamente per allattarla.

Una sera mentre allattava Azzurra le dissi:

“Laura anche me allattavi con quei due seni favolosi”

“Stupido questi seni avevo allora e ho anche adesso”

“Si certo ma non mi ricordo di averli avuti tutti per me”

“Stupidino, sei geloso di tua figlia?”

“Certo che no, ma mi piacerebbe abbeverarmi a quella fonte, dove sgorga il latte”

“Amore, finisco di allattare la bimba e poi mi faccio mungere da te”

“Mamma è meraviglioso, ma dopo che ti ho munto come dici tu posso trombarti come hai bei tempi?”

“Certo però fai attenzione che non voglio raddoppiare subito la gravidanza”

“Perché non ti piacerebbe se fra sessanta giorni quando partiremo per la crociera fossi nuovamente in stato interessante?”

“No, vorrei godermi la vacanza con te, magari ci penseremo sulla nave a mettere in cantiere un altro pargolo”

“Mamma sai che in crociera voglio scoparti giorno e notte, tanto saremo soli, il cornuto terrà la bambina e noi potremo divertirci e nelle pause mangeremo per il resto sesso e solo sesso”

“Tesoro, lo sai che sono solo tua e che da quando ho trovato in te il marito perfetto ogni volta che siamo insieme non ti ho mai negato niente, al punto che l’unica verginità che avevo sei stato tu ad averla”

“Sei fantastica Laura, non per niente che ti amo tanto e ti desidero sempre di più”

Il tempo della crociera si avvicinava e vedevo mamma sempre più in fibrillazione, nervosa in certi momenti anche scostante, ma non capivo il motivo.

Se chiedevo qualcosa mi rispondeva che non c’era niente, che era solo un po’ di stanchezza post parto.

Tutto questo suo fastidio si rivelò due sere prima della partenza, nel mentre eravamo a letto che facevamo l’amore e scoppiò in un pianto irrefrenabile.

Subito smisi di chiavarla e accarezzandola sulle guance ed asciugandole le lacrime mi confidò che non voleva lasciare nostra figlia a mio padre, che non le sembrava giusto che noi andassimo in crociera a divertirci e la piccola non ci fosse.

In quel momento le dissi:

“Ok mamma, portiamo con noi anche azzurra”

A quel punto mi abbracciò, poi mi prese in bocca il cazzo e mi fece uno dei più bei pompini della mia vita.

Ma tanta era la mia voglia che subito dopo la presi quasi con violenza e portando la sue gambe ad appoggiarsi alle mie spalle in modo che avessi i due buchi in primo piano, entrai con il mio membro nel suo culo e la sodomizzai con molta intensità portandola dopo un po’ di tempo all’orgasmo dopo di che cambiai buco e mi introdussi in vagina facendola ululare dalla goduria.

Mentre montavo mamma le dicevo delle frasi per indurla ea eccitarsi di più:

“Da quando sono il tuo amante non hai mai goduto tanto” oppure:

“Tuo marito nonché mio padre è giusto che sia cornuto e mazziato se avendo a disposizione un puttanone come te non riusciva a soddisfarla”

Lei mi rispondeva:

“Solo tu sei riuscito a tirare fuori il mio lato da donna di strada, solo con te sono riuscita a godere come mai in vita mia. Se tu mi lasciassi non saprei come fare, senza di te mi sento persa e non solo perché a letto sei il mio stallone”

“Mamma io non ti lascerò mai, magari fra qualche anno, quando Azzurra avrà 18anni e tu sarai una 70enne e non potrai più figliare mi farò fare dei figli da lei”

“Non parlerai sul serio, guarda che se accadesse una cosa del genere ti ammazzerei”

“Non sarai gelosa di tua figlia, la amerei come amo la madre”

“Sei solo uno schifoso, prima la mamma e poi la figlia”

“Beh se la figlia è come la madre non mi sembra che sbaglio”

“Certo io che no ma io non voglio! Tu devi essere mio e solo mio”

“Va bene! Ma tu sei mia e solo mia adesso, una volta non era così, eri la donna di mio padre, perciò par essere pari sarebbe giusto che io fossi l’uomo di tua figlia”

“No e poi no! Se la pensi così finiamola qui!”

“Mamma scherzavo lo sai che non voglia altre donne che ci sei solamente tu”

La questione non venne più ripresa, ed arrivò il momento della partenza per il tour del mediterraneo, ci imbarcammo da Genova, Io la mamma e nostra figlia.

Passammo 15 giorni all’insegna del sesso tra me e Laura.

Nelle pause mangiavamo o ci dedicavamo a nostra figlia, le cambiavamo i pannolini, la lavavamo e la coccolavamo.

Il tempo passato a letto a riempire i buchi di mamma si rivelò producente tanto che alla fine della crociera le tornarono le nausee e quando ci recammo dal ginecologo, scoprimmo che presto avremmo avuto un altro pargolo per la mia gioia, un po’ meno per la mamma.

Comunque ora continuiamo a dividere il letto e fare l’amore. Io non cerco nessuna donna o ragazza anche perché mamma è il mio amore con la A maiuscola.

In quanto a Filippo a preso la decisione di trasferirsi altrove, ed non ha voluto che sapessimo dove andava, uscendo di casa ha lanciato epiteti molto volgari su mamma e me ed anche sui nostri figli,

comportandosi in tal modo, non sentiamo la sua mancanza.

Ultima cosa che mi sono permesso di dire al mio non rimpianto padre fu:

“Ogni uomo deve soddisfare la sua donna, come faccio io con mamma e non come faceva lui,

si deve rinunciare a qualcosa per la persona che si ama”

Infine non ho rinunciato a molto per avere una donna come mia madre, ho una donna che fisicamente è il mio ideale di donna, mi accudisce in tutto e per tutto e faccio l’amore con una dea.

Ora sono alcuni mesi che oltre ad Azzurra c’è anche Melissa e con Laura siamo una famiglia, le persone che ci conoscono pensano che siamo marito e moglie con una differenza d’età come molte coppie del giorno d’oggi.

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



L'amica bellissima di mia madre
La mia ragazza mi presenta mia moglie
Mia suocera la perfezione
Grazie alla mia titolare mi sono fatto un harem 1continuazione
Grazie alla mia titolare mi sono fatto un harem 2
Grazie alla mia titolare mi sono fatto un harem
Matrigna bollente


    Racconto a Caso
Autore : MIAOOOO
una sera in garage

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1379
» Totale Autori
2724

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni