Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 02-04-2014 | Autore : Maggie
Categoria : Feticismo | Totale Visualizzazioni : 2472 | Votazione :


  
Maggie

è sabato sera. La mia amica Chiara mi tiene a braccetto. stavamo passeggiando lungo il viale principale. era ancora inverno e faceva un freddo boia. le mie gambe stavano gelando. 
"Non ti avevo detto di metterti un paio di calze?"
In effetti, nonostante fossi ubriaca, mi sentivo davvero stupida. Gambe nude e ballerine ai piedi.
"Sono ballerine invernali!" Chiara scoppia a ridere. "certo, e il mio è un giubbotto estivo!"

Mentre camminavamo sul marciapiede, sempre a braccetto, Chiara indica un insegna luminosa: "Lo schiavo di Cenerentola". l'insegna mostrava due mani che calzavano una scarpetta ad un piede nudo. e diceva anche "donne: ingresso gratuito".
Chiara rise ancora. "è un locale fetish!". sapevo cosa voleva dire. più di una volta i miei piedi erano stati baciati, leccati e non solo. In effetti ero anche molto a mio agio a fare seghe con i piedi.

Entrammo nel locale. era abbastanza deserto. c'erano strane persone sedute ai tavoli. uomini calvi e completamente tatuati massaggiavano i piedi a donne molto grasse e con i capelli verdi o rosa. la mia amica Chiara continuava a ridere e mi metteva a disagio. In effetti una volta entrate tutti gli occhi erano su di noi. Probabilmente le strafighe come noi non erano di casa in quel posto. Ci sedemmo e iniziammo a bere qualcosa. eravamo piene fino all'orlo.

Dopo pochissimi minuti entrò un bel ragazzo, esile e biondo, con una camicia bianca e un paio di jeans. Si avvicinò al nostro tavolo.
"Ciao! è la prima volta che vengo in questo locale!"
"Anche noi!" rispose Chiara. Poi fissò a terra i nostri piedi, che uscivano da sotto il tavolo.
Guardai Chiara. "è carino!" dissi sottovoce.
"Si" mi rispose. "se magari alzasse lo sguardo dal pavimento..."
Le sorrisi. "beh, forse vuole guardarti i piedi!"
"Cosa?"
"Gli interessano i nostri piedi"
"In che senso"
"Ti ricordi quando prima ai detto che questo era un locale fetish?"
"Si!"
"Sai cosa significa?"
Chiara rimase in silenzio.

Mi alzai dal tavolo. "Ok, andiamo in un posto un pò appartato!"
Il locale era semi-deserto e molto scuro, ma alquanto ben tenuto. c'era un salottino privato usato di solito per le feste private. mi avvicinai ad esso. il barista mi guardò un istante e dopo essersi accorto di quanto io e la mia amica eravamo fighe, ci fece un sorriso e ci diede il suo beneplacito per entrare nel salottino. Ci sedemmo.il ragazzo sembrava molto imbarazzato.

"Quanti anni hai?"
"18"
"Cavolo, sei molto giovane" gli dissi. "siediti"
il ragazzo si sedette. "Io ho una certa esperienza in queste cose, tu?"
"N-no... non ne ho mai avuto occasione"
"nel senso che non hai mai scopato? beh, non sei poi cosi vecchio!" disse Chiara
La guardai. "Non è quello che intendevo!" Mi tolsi il giaccone e lo feci togliere anche a Chiara. poi raccolsi da terra il suo piede. "ma che fai?" mi disse.
Le tolsi la scarpa. eravamo seduti tutti su un divanetto disposto a cerchio. le tende ci dividevano dal resto del locale.
"Cosa vorresti fare con questo bel piede?" dissi al ragazzo. Chiara si mise a ridere.
"Potrei... massaggiarlo?" disse lui.
Prese il piede di Chiara tra le mani. accarezzava il nylon scuro con molta delicatezza, anche se si vedeva che provava molto imbarazzo nel farlo. soprattutto perchè Chiara rideva come a prenderlo in giro. "Ti stai eccitando a massaggiarmi i piedi?" gli disse. "Ma che cavolo di pervertito sei?"
Anche io risi."hai notato che bei piedi ha Chiara? e che sexy è il rinforzo dei collant sulla punta dei piedi? i feticisti come te adorano questi particolari!"
Il ragazzo era quasi affascinato da quel piede. Se avesse potuto probabilmente se lo sarebbe divorato.
"Coraggio!" gridai. "Di qualcosa alla mia amica!"
"Hai dei piedi bellissimi! sono morbidi e affusolati"
"Ti andrebbe di sentire che gusto hanno?"
Chiara tirò un sospiro e mi guardò ridendo.
Il ragazzo si infilò il piede in bocca. Chiara chiuse gli occhi e tirò un gridolino isterico.
"Sono molto buoni! sento il profumo delle tue scarpe sulla pianta dei piedi!" Nel frattempo la lingua del ragazzo procedeva su e giù la pianta di Chiara. nonostante ci fossero i collant, riusciva ad infilare agilmente la lingua in mezzo alle dita. Sembrava andare in estasi strusciando la sua faccia contro il suo piede.
Tirò un lungo respiro, dopo di che si toccò la patta dei jeans, come per tenere a bada la bestia che stava scalpitando. Chiara abbassò il piede e mi sorrise. "Oh cavolo..." poi si abbassò e prese tra le mani il mio piede destro. mi tolse la scarpa.
"la mia amica Margherita ha i piedi più belli! guarda!" gli mise la mia pianta quasi in faccia e infilò il suo dito tra le mie dita dei piedi. che ne pensi? non ha voluto mettersi le calze e ora ha le gambe fredde come il ghiaccio ma i piedi super sudati!"
"Ma che dici?". ci mettemmo a ridere come pazze mentre il ragazzo prendeva tra le mani il mio piede. 
"in effetti i tuoi sono più profumati!" li annusò per bene. "tra le dita in effetti c'è un pò di sudore!"
Infilò la lingua tra le mie dita dei piedi è mi succhiò per bene il secondo dito del piede. su e giù, mentre il mio alluce gli accarezzava la guancia. poi si premette il mio piede sudato contro la faccia, infilando il naso tra le dita. Annusava molto forte, e a volte appoggiava la punta delle mie dita sulle sue narici, come se volesse infilarsi le mie dita nel naso. mentre annusava, dava dei piccoli bacetti sulla parte superiore della mia pianta, appena sotto le dita.

"Ti piacciono più i suoi di piedi, vero?" disse Chiara. "Anche i tuoi sono bellissimi!" "e poi" aggiunsi io "io sono una professionista!" gli feci un sorriso, ma lei sembrava un pò stizzita.

"Sei una professionista delle seghe coi piedi, lo so, ma stasera voglio sverginare i miei piedi!"
Con calma e concentrazione, nonostante fosse ubriaca,si tolse l'altra scarpa ed usò i suoi piedi per aprire la patta dei pantaloni del ragazzo. Si accorse che con le calze di nylon faceva fatica, cosi se le tolse. in pochi secondi il cazzo del ragazzo si trovava in mezzo alle sue piante dei piedi.
Gli sorrisi, mentre il ragazzo continuava a leccare le mie piante, anche se adesso il suo sguardo era fisso ai suoi genitali.
"Ora prendi il suo pisello bello stretto tra i piedi; sembra già abbastanza duro!". Chiara rideva. "ora vai su e giù!" cavolo più semplice di cosi!"
Il ragazzo faceva dei versi strani e sembrava molto eccitato. "Con uno dei piedi, con le dita, schiacciagli un pò la cappella!". 
In quel preciso momento, tra le dita dei piedi di chiara schizzò un getto di sborra tutta sulle sue gambe. tirammo un urlò, e poi ci mettemmo a ridere come pazze.
"Cazzo, non è difficile! sono brava, è?" "Si ma è venuto subito!" Ridemmo ancora.
Tirai un calcio in faccia al ragazzo, che cadde all'indietro. "vai a prendere della carta igienica dal bagno scemo, dobbiamo pulire le gambe a Chiara, anzi, lo farai tu!" Il ragazzo si rimise il pisello ancora sporco di sborra nelle mutande e corse via verso il bagno. Guardai Chiara. "Sei stata brava! ma scommettiamo che se gliela faccio io sborra ancora più velocemente?" Chiara prese l'altro mio piede in mano, mi tolse la scarpa e se lo infilò tutto in bocca.
"Ma che cavolo fai?" gli dissi, ridendo come un ossessa. Lei si tolse il mio piede nudo dalla bocca e passò la lingua tra le mie dita. Poi scoppiò a ridere. "no, mi arrendo! i tuoi piedi sono troppo belli!"





ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Feticismo

Desiderio morboso di mia zia
Le calze di mia suocera
Quando rientravo dalla palestra
Le pulizie
Sogni a righe.Confessioni di un feticista dei piedi.Episodio 1
Il latte di Charlotte (parte 1)
scopata extrema

Ultimi racconti nella categoria Feticismo



Io e C.
I piedi del mio amico cinese (2a parte)
I piedi del mio amico cinese
Lui si eccita mentre mi bacio i piedi
Esperimento Fetish
Il pervertito della stanza accanto (saliva sui miei piedi)
scopata extrema


    Racconto a Caso
Autore : incolpa
Dopo tre anni di corteggiamento, io sposata, fedelissima, bravissima moglie e madre, ho ceduto al mio collega...

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1380
» Totale Autori
3186

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni