Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 02-10-2017 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 303 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

La casa dell’amore 3

 

Dopo il chiarimento tra me e mia sorella avvenuto nella stalla, le chiesi se la notte stessa sarebbe venuta nella mia stanza, tanto Marika l’avevo posseduta la notte precedente e così, magari avendo una rivale in più si sarebbe decisa a farsi sverginare il culo, che mi faceva sempre impazzire.

Poi la novità di Veronica che mi aveva sempre voluto mi rendeva euforico, come sapere che il suo ex ragazzo fosse un impotente e lei mentre era a letto con lui non faceva altro che desiderare me.

Alla sua risposta affermativa l’abbracciai, poi le misi una mano in mezzo alle gambe dentro agli short e sentii che non aveva indumenti intimi, e la sua figa era un lago.

La baciai in bocca, la sua lingua duellava con la mia, dopo alcuni minuti ci staccammo e ognuno si recò a svolgere le mansioni di sua  competenza.

A pranzo non ero presente, arrivai solo per cena, notai una strana aria, mia suocera adirata, Anna con le solite nausee, mia moglie che consultava i dépliant relativi al SUV d’acquistare, mamma preoccupata e Barbara indifferente, l’unica con il sorriso era mia sorella, provai a domandare cosa fosse successo ma non uscì un fiato da nessuna di loro.

Dopo cena mia moglie mi prese per mano, mi tirò nel salone e mi disse:

“Ti ho lasciato libero di scopare con chi vuoi della famiglia, ma non pensavo arrivassi a tanto!”

“Cosa vuoi dire? Comunque sappi se tu non fossi stata restia a trombare, non sarei mai andato a letto con tua sorella e tua mamma”

“Questo lo so, ma addirittura farsi come amante tua sorella”

“E tu che ne sai? Tra me e Veronica  non è successo niente!”

“Già! Ma stanotte sarà il suo turno, e mi sembra che mia mamma non l’abbia presa molto bene”

“Parli per tua mamma o per te? Mi sembra che sia da più di un anno che non trombiamo e ti sento ogni giorno un po’ più acida”

“Io non sono acida, voglio solo che mia sorella e soprattutto mia mamma non soffrano”

“Erica puoi stare certa che tua madre e tua sorella non soffrono se il mio cazzo viene usato anche dalle altre, poi in quanto a questo lo sapevano che sarei stato a disposizione di tutte le vacche di questo pascolo, compresa se fosse possibile Roberta”

“Avresti il coraggio di andare a letto con tua madre?”

“Certo! E se vuoi saperlo ho proposto a Marika un triangolo con lei e Roberta”

“Spero ti abbia mandato al diavolo!”

“No cara, anzi si è proposta di mettere in cantiere un fratellino o sorellina per voi sorelle”

“Mia madre è andata fuori di testa. Avere un figlio da te! Ma si rende conto di che età ha!”

“Erica, io vorrei che ogni donna che abita qui, mi desse un figlio!”

“Cioè tu vorresti avere sei figli, uno con una donna diversa”

“No ti sbagli! Non voglio sei figli, ma molti di più, anche perché vorrei avere molti figli da Marika e Roberta, almeno finché sono feconde”

“Pensavo che mia madre fosse matta, ma certo non pensavo che mio marito fosse da interdire”

“Ma scusa, tu non vuoi figli e ti lamenti se penso di farli con queste donne stupende”

“Beh sappi che d’ora in avanti mi dedicherai una notte, da quando Anna è incinta desidero anch’io mettere al mondo una creatura”

“Ok! Comunque hai sbagliato non sarebbero sei ma cinque!”

“Bello se conti:

·        1 Anna

·        2 Marika

·        3 Veronica

·        4 Erica

·        5 Roberta

·        6 Barbara

I conti  a casa mia dicono che di donne qui siamo in sei”

“Si i conti dicono sei donne, ma non sono tutte disponibili, prendi Roberta non vuole perché e contraria all’incesto, e poi Barbara non accetterà mai un uomo da dividere con altre, fu questo il motivo della separazione dal marito e non accetterà mai di avere una relazione con me”

“Allora ti voglio erudire su alcune cose delle donne di questa casa, incominciamo da Anna, quando a saputo che ci saremmo sposati , ha minacciato di mandare a monte il nostro matrimonio al punto che papà, per calmarla a dovuto regalarle il negozio e l’alloggetto contiguo perché per lei o te o nessuno.

Marika mia mamma, gran donna, fedele a mio padre, non l’ha mai tradito ma il giorno delle nozze mi ha bisbigliato che un torello come te, sarebbe stato il suo ideale e che se mai avesse cornificato il marito sarebbe successo solo con te.

Veronica tua sorella, ti ha sempre guardato con gli occhi della fidanzata, pronta a sbranare chiunque si avvicinasse a te, è arrivata al punto di minacciarmi se ti avessi sposato perché tu eri solo suo.

Poi in ordine ci sono io, tanto che ti amavo e ti amo ho accettato tutto, mi sono staccata da te per stanchezza che provo con questo lavoro, ma ti ho sempre appoggiato e sempre ti appoggerò, ti ho lasciato libertà sessuale, solo che non ho voluto che avessi relazioni al di fuori della famiglia per non sentire le dicerie del paesi. Comunque sarai sempre libero di gestirti l’arem.

Poi arriviamo a Roberta, tua madre è molto casta, se riuscisse a liberarsi dei suoi timori, a letto con te ci verrebbe di corsa e forse non ne uscirebbe più. Il giorno che le comunicammo del matrimonio mi guardò come si guarda una ladra e  quando fummo sole mi disse che eri il suo capolavoro e che amava te più del marito.

Per ultima ho lasciato Barbara tanto puritana da scandalizzarsi per il tradimento del marito, ma quando erano fidanzati e s’incontrava di nascosto con Franco, il mio ragazzo, prima di te, non era moralista. Il giorno che otterrà la separazione o il divorzio, vedrai come da santarellina si trasformerà una mignotta di prima qualità e tu sarai la sua preda, perché tutto quello che è mio lo vuole lei.

Detto questo le donne di questa casa ti saranno devote e saranno solo tue, devi solo attendere il momento giusto”

“Erica, se ti fa male sapere che ho rapporti sessuali con loro, smetto subito, pensavo solo che non ti importasse più  niente di me”

“No caro, ti amo tantissimo! Amo tantissimo anche le mie sorelle e mia mamma, ho imparato ad amare tua sorella e mia suocera ed è per questo che le ho volute tutte qui! Voglio che tu le soddisfi e le renda gravide più che puoi!”

“Amore ti amo, e farò il possibile per ingravidarle”

Tornammo in sala da pranzo e riprendemmo a chiacchierare tutti insieme.

Giunta la mezzanotte andammo a dormire, per meglio dire a coricarci, io e Veronica facemmo sesso tutta la notte.

Il mattino dopo ognuno si dedicò al proprio compito lavorativo, ci ritrovammo riuniti la sera per cena, e decidemmo che il mattino successivo saremmo andati ad acquistare il SUV a Torino, siccome l’Audi è cinque posti due di noi non potevano venire e si decise che sarebbero rimaste a casa mia moglie e mia mamma, le quali non erano interessate, in quanto per loro un modello valeva un altro.

La notte la passai con Marika, ero sempre deciso a romperle il culo vergine, ma lei faceva la ritrosa, ogni volta che le massaggiavo o le posizionavo l’uccello in prossimità del foro, cercava una scusa per ritrarsi. Aveva promesso di regalarmi la sua verginità anale, ma nello stesso tempo aveva timore di sentire dolore e dal male non potersi sedere,  e poi non voleva che le altre donne se ne accorgessero.

Comunque fu una notte di goduria, il mattino si alzò e nuda si mise di fronte allo specchio per truccarsi, mise il rimmel, il fondo tinta, si pettinò, poi si vestì con calze a rete a maglie larghe nere, una minigonna appena sopra al ginocchio, una camicia di tulle giallina, non indossò il reggiseno per ultimo mise gli stivali che arrivavano al polpaccio.

Finito il tutto si pose di fronte a me in piedi e mi disse:

“Amore, ti piaccio così vestita”

“Si! Mi piaci, ma sembri un puttanone del porto”

“Chissà quando vedrai mia figlia Anna e tua sorella Veronica!”

“Cosa vuoi dire?”

“Che le tue amanti ieri hanno deciso di vestirsi da troie per vedere quale tu preferisci”

“Beh io preferisco quella che e più puttana a letto e non per la strada”

Scendemmo per colazione e rimasi senza fiato, Anna e Veronica erano agghindate che sembravano due mercenarie, l’unica vestina elegante e con sobrietà era Barbara.

Anna indossava egli short dai quali fuori usciva una parte di chiappe, poi aveva messo una camicetta azzurra con sotto un body rosso dal quale faceva bella mostra il seno, poi per finire aveva calzato scarpe con tacco 12 e calze di seta nera con la cucitura posteriore.

Veronica per non sentirsi meno troia aveva messo una minigonna inguinale, calze a rete rosse con reggiseno abbinato e una maglietta bianca super scollata.

Con tre bellezze così vestite, ho pensato se mi fermano i tutori dell’ordine mi arrestano perché mi prendono per un magnaccia. Così ho detto:

“Signore non mi sembra un abbigliamento consono per andare in un autosalone”

A quel punto Barbara e Erica mi dettero ragione, ma mia suocera e Anna ormai in competizione tra loro si dissero  contrarie  a cambiare abbigliamento.

Partimmo con Anna e Marika che discussero per chi si doveva accomodare sul sedile anteriore, così per troncare ogni problema feci sedere Barbara al mio fianco le tre concubine dietro, mia cognata Barbara aveva indossato una gonna che arrivava a metà gamba, scarpe nere con tacco da 5/6 cm, calze color carne, e una camicetta bianca.

In macchina si era seduta compostamente, ma il suo ginocchio sinistro era quasi a contatto con la leva del cambio e così ogni volta che dovevo utilizzare il cambio succedeva che glielo toccavo, lei non disse mai nulla, le poche volte che l’ho guardata, mi sorrideva.

Arrivati all’autosalone, mia suocera e Anna andarono subito ad ammirare due SUV che erano in visione, mentre Veronica curiosava qua e la, io con Barbara chiedemmo informazioni all’addetto che ci spiegò le differenti caratteristiche dei modelli.

Dopo un’ora Anna e Marika decisero senza interpellare nessuno di stipulare il contratto d’acquisto del modello che piaceva a loro.

Marika staccò un assegno per metà importo del veicolo, disse che il saldo lo avrebbe dato alla consegna, dopodiché uscimmo per tornare a casa, Barbara e Veronica erano molto arrabbiate, non parlavano e rispondevano solo a monosillabi per cui chiesi:
“Ragazze che problema avete?”

“Capisco che l’auto la paghi mamma, ma se non chiede nessun parere  tranne che quello di Anna, era inutile che venissimo anche noi”

“Amore mio non pensavo che ti importasse dell’auto, ho visto che eri impegnata col venditore e con Paolo, perciò ho ritenuto che non v’importava del modello o del colore”

Io feci finta di niente e non risposi lasciando cadere l’argomento, visto che Barbara aveva ripreso la postura dell’andata, con noncuranza posai la mia mano destra sul suo ginocchio poi piano piano la feci risalire fino alla coscia.

Barbara non reagì, anzi sembrava  compiaciuta, in quel momento mi ricordai le parole di Erica, quando mi disse che tutto ciò che è suo, Barbara lo vuole.

Per tutto il tragitto tenni la mano sinistra sul volante e la destra tra le cosce di Barbara, solleticandole la sua bella fighetta pelosa.

Le tre donne sul sedile posteriore parlavano del SUV, pertanto erano distratte e pensavo non si accorgessero di me e mia cognata, ma Marika attenta a tutto, si accorse della mia mano tra le gambe di sua figlia. In quel momento non disse niente, perché non voleva accrescere la tensione con la figlia, ma quando giungemmo a casa mi prese da parte e mi fece una scenata.

Mi disse:

“Sei un porco, approfitti del momento di vulnerabilità di Barbara, Non pensi che soffra già tanto per il tradimento del marito, vuoi che soffra anche per aver avuto un avventura con te”

“Marika, parli per gelosia, comunque non mi sembra che per te o per Anna si possa dire avventura, visto che Anna avrà un figlio mio e tu non mi sei sembrata contraria di mettere al mondo alcuni figli miei. Se mi sbaglio correggimi”

“Paolo, io sono gelosa di tutte quelle che ti avvicinano, compresa tua mamma e tua moglie. Vorrei essere l’unica tua donna,  ma per amore sopporto che tu ti scopi Anna,   Erica e Veronica, ma adesso vuoi anche aggiungere Barbara”

“Vedi cara suocera, devo dirti che ti sbagli, le cose non stanno proprio così, più che Barbara il mio sogno sarebbe di riuscire a possedere Roberta e questo lo sai, non ne ho mai fatto un mistero. In quanto a tua figlia Barbara, deve essere lei a scegliere, non è neanche sicuro che resti qui con noi, potrebbe anche tornare a New York dal marito”

“No!”

“No! Cosa?”

“No, dal marito non tornerà mai più, lei vuole un uomo che la soddisfi non solo sessualmente, ma anche umanamente, lo desidera romantico e fedele, per questo non voglio che tu la seduca”

“Va bene! Ti prometto che non la degnerò di attenzioni”

Poi presi Marika per mano e la portai in stanza dove la scopai dicendole:

“Ti sei vestita da mignotta, ora guadagnati il compenso, mi hai fatto fare il viaggio di andata e ritorno col cazzo duro, te e le altre due eravate tre baldraccone da strada, quasi mi veniva voglia di fermare e farvi scendere a battere, chissà quanto mi facevate guadagnare”

“Potevi farlo, per me e tua sorella non c’erano problemi, ma Anna con il suo stato, non dirmi che ne avresti avuto il coraggio”

“No, ne per lei ne per voi, però ho visto come non vi toglieva gli occhi di dosso il concessionario”

“Già e lo sai cosa mi ha detto nel suo ufficio?”

“No! Dimmelo tu!”

“Che se andavo a cena con lui, mi avrebbe fatto un ulteriore sconto di 5000 euro”

“Che risposta gli hai dato?”

“ Che doveva chiederlo a mia marito!”

“Brava, tuo marito e un paio d’anni che è morto e alla vedova allegra, non le manca il cazzo per tenersi in forma”

Facemmo una bella risata, nel mentre non avevo mai smesso di scoparla, dopo poco venne e mi baciò con intensità, le nostre lingue duellarono per una decina di minuti.

Venti giorni dopo mentre io e Barbara andammo dal rivenditore a ritirare il SUV, mia suocera andò a una visita che aveva prenotato alcuni giorni prima.

Barbara consegnò l’assegno a saldo, e partì con il SUV nuovo, il concessionario mi chiese:

“Sua moglie, la volta scorsa l’ho vista molto interessata alla vettura, mi ha stupito non vederla oggi a ritirare il SUV”

“Bene grazie, è a fare una visita di controllo”

Ho  risposo  così perché ho capito che senz’altro Marika, gli aveva detto che ero  il marito e anche perché mia moglie non l’aveva mai vista.

Quindi l’ho salutato e mi sono recato all’ambulatorio dove Marika aveva effettuato la visita. Appena uscita e salita in auto mi baciò e mi disse:

“Ciao papà”

“Scusa?”

“Sono incinta, fra nove mesi nascerà il nostro frutto”

“Che bella notizia, a marzo il parto di Anna e ad aprile il tuo, nel giro di due mesi due figli con due donne”

“Sei contento amore, ti avevo promesso più di un figlio e sono già a buon punto”

“Marika hai solo cinquant’anni, sei fertile e puoi darmi almeno tre figli, spero siano figlie e magari belle come la loro madre, poi chissà che un giorno non possa fecondare anche loro”

“Il solito porco! Senti, Anna la scorsa settimana ha fatto l’ecografia, sa già se è maschio o femmina?”

“Non so!”

“Dai parti, non vedo l’ora di dare la notizia a casa”

Partimmo e un’ora dopo eravamo a casa, ma la cosa che interessava tutta la famiglia era la nuova auto. La lieta notizia venne comunicata solo a cena, Marika ricevette i complimenti da tutte, l’unica che si tenne da parte un po’ triste fu Barbara.

Vedendola triste le chiesi:

“Cosa ti succede?”

“Io ho 32 anni e non ho nemmeno un figlio, mia sorella Anna ne ha solo 24 ed è incinta di te, mia madre ha 18 anni a partorito me, a 22 Erica e a 26 Anna, ora a 50 è incinta di te, io invece l’unica cosa che ho avuto è stato un marito traditore”

“Barbara, vedrai che troverai un uomo che ti amerà, con cui avrai dei figli, per ora accontentati di abitare qui con noi che ti vogliamo tutti bene”

“Ti ringrazio Paolo, ora devo andare a parlare con tua moglie”

Sempre triste  è andata da mia moglie, dopo circa mezzora, Erica mi chiamò.  

Nella stanza si erano radunate le tre sorelle e la madre , Erica mi pregò di ascoltare perché dovevano dirmi una cosa di particolarmente delicata. Marika non parlava, era rabbuiata, disse solo:

“Io sono contraria, ma siccome tre valgono più di una mi adeguo”

Incominciò a parlare Erica:

“Paolo, la cosa è un po’ particolare, come sai Barbara vive un momento di depressione, vuoi per il tradimento del marito, vuoi per il cambiamento di vita e non ultimo si sente depressa per aver accanto due persone che a mesi partoriranno un bebè”

“Scusa e cosa ci posso fare io?”

“Barbara è venuta da me, mi ha detto che anche lei vuole un uomo, ma che purtroppo l’uomo che vuole è già sposato con me”

“Ok, ho capito, ma insomma io cosa dovrei fare?”

“Niente di particolare, dovresti solo dedicare una notte a settimana a Barbara, come la dedichi a Anna o a tua sorella, per non dire del tempo che dedichi a mamma. Lo sai che io amo la mia famiglia più di me stessa, perciò ti chiedo dedica un po’ di tempo a Barbara, lei vuole vivere per sempre qui ed averti come amante”

Tra sere dopo Barbara entrò nella mia stanza, la presi subito scopandola di brutto in modo quasi violento, dopo mi sono fatto fare un pompino, a metà notte l’ho sodomizzata, al contrario delle altre donne, lei aveva il buchino ben usato , allora le chiesi:

“Barbara da quando non sei più vergine nel culo? E quanti cazzi ti sono entrati dentro?”

“Non sono più vergine dal giorno che ho soffiato a Erica il ragazzo che ti ha preceduto, per poterlo avere per me ho dovuto offrirle il culo, cosa che tua moglie gli ha sempre rifiutato e per quanto riguarda i cazzi, ho preso solo quello nel culo, ma  sono stati almeno sei mesi, con un ritmo di una o due volte al giorno”

“E con tuo marito?”

“Quell’imbecille, mezzo impotente pensava solo al suo ego, voleva far vedere ai suoi colleghi di essere un grande conquistatore, pensava solo ad esibirmi come un trofeo”

“Scusa, ma quando facevate l’amore?”

“Nei tre anni trascorsi a New York, avremo scopato al massimo dieci volte, ma a lui il mio culo non l’ho mai dato”

“E non sentivi il bisogno di scopare?”

“Per scopare avevo due amanti, uno era alto, poco dotato ma molto bello, mi piaceva che oltre a sua moglie, dedicasse molte attenzioni anche a me. Figurati che quando sapevo che il traditore non veniva a casa per tutta la notte, con la scusa delle riunioni vere o presunte, telefonavo  a Maicol, il quale mollava la moglie e correva da me, ma siccome era poco dotato, riusciva a farmi venire solamente masturbandomi o leccandomi, figurati che quando mi penetrava, sembrava che mi navigasse dentro. Invece Mark era un vero toro, i pomeriggi che passavo con lui mi provavano talmente, che ero quasi diventata  sottomessa”

“Ma se tu avevi due amanti, perché hai fatto quella scenata e poi i bagagli, sei tornata in Italia e vuoi il divorzio?”

“Perché è così scemo che si è portato quella puttana 18enne della sua segretaria a casa, e soprattutto l’ho beccato mentre se la scopava nel nostro letto. Almeno io non mi sono mai fatta sorprendere, se era furbo la portava in albergo, così io potevo dubitarne, ma non avevo certezze. Capisci se ho il dubbio posso accettare le corna, ma se ho la certezza allora no, basta ognuno per conto suo, lui si tenga le sue puttane, che io mi tengo il mio stallone”

“Chi intendi per stallone?”

“Tu caro! Quando siamo andati all’autosalone al ritorno mentre tu mi toccavi le gambe, ti ho palpato il cazzo e mi sono subito accorta che se definisco Mark un toro tu sei uno stallone”

“Esagerata!”

“Ti sei mai misurato le dimensioni dell’uccello?”

“Io no! Ci ha pensato Marika!”

“E quali sono?”

“Ventitré in lunghezza e otto di circonferenza”

“Complimenti, Mark che io ho battezzato Bull, aveva un attrezzo con una circonferenza di 4cm e una lunghezza di 19, mentre Maicol di lunghezza non arrivava a13 e la circonferenza era ridotta al minimo”

“Povera Barbara, chissà che sofferenza non trovare la misura adatta a te! Invece tuo marito in quanto a misure?”

“Lui era una via di mezzo fra Maicol e Mark”

“Adesso cosa pretendi da me?”

“Adesso con te ho trovato l’uomo della via vita, misure perfette e un cazzo resistente, tu sei un vero stallone, ogni sera dal tuo letto passa una donna diversa, e tu la soddisfi. Ho visto mamma uscire dalla tua stanza soddisfatta, più delle notti che passava con suo marito, Anna non ha mai voluto un uomo diverso da te, ora ti considera suo marito a tutti gli effetti, addirittura avrà un figlio tuo, perfino tua sorella non ha resistito e secondo me Veronica di cazzi è un’intenditrice, però è arrivata a dire che tu sei il suo uomo da sempre. Io mi ritengo ancora una bella donna, come ti ho detto sono arrivata a 32 anni e si ho scopato con chi volevo, ma non ho mai avuto una gravidanza, pertanto avendo trovato lo strumento e l’uomo di mio gradimento è ora che cominci a mettere al mondo dei figli”

Con il solito tran tran arriviamo a fine Agosto del 2014, Veronica erano alcuni giorni che non si sentiva bene così mamma decise di accompagnarla dal medico, la visita mise in luce che i vomiti erano dovuti al suo stato di donna incinta, quando rientrarono mamma mi fece una ramanzina, che neanche quando ero adolescente ho subito.

Veronica che era presente la interruppe:

“Sai mamma, Paolo mi aveva detto che per non mettermi incinta avrebbe usato gli anticoncezionali, ma io non ho voluto, come non ho voluto mettere la spirale e neanche farmi prescrivere la pillola, voglio essere libera di fare l’amore con lui e nel caso avere dei figli, non m’interessa se il padre dei miei figli e mio fratello”

“Veronica ti rendi conto che i tuoi figli in questo caso non hanno un padre?”

“Che dici mamma, il padre ce l’hanno eccome, la differenza da quelli che partoriranno Anna e Marika è solo che lui non può riconoscerli almeno legalmente, ma comunque avranno lo stesso cognome”

“Fate come volete, tanto fate sempre di testa vostra”

Ricapitolando settimanalmente andavo a letto una sera con Erica,  e una con Barbara, quindi sporadicamente visto che aveva una gravidanza difficile con Veronica, con Anna i rapporti si erano raffreddati, perché aveva paura di compromettere la gestazione, pertanto con l’unica donna che scopavo spesso era Marika.

Una notte di settembre che Marika era particolarmente eccitata, così sono riuscito a deflorarle il culetto, fu una goduria, non solo per me ma anche per lei. Nel momento di massima eccitazione da parte sua ha gridato talmente forte che l’hanno sentita in tutta la casa, al punto che cinque minuti dopo ho intravvisto un’ombra vicino alla porta della stanza. Mi sembrava mia madre Roberta, ma non ero sicuro, perciò ho continuato a sodomizzare Marika, ripromettendomi di indagare in un secondo tempo chi fosse venuta a spiare.

Indagai ma non riuscii a sapere di chi fosse l’ombra, le uniche due che dissero di non aver sentito niente furono Anna e Veronica, sempre più preoccupate per il loro periodo di gravidanza, la notte  dormivano profondamente e il giorno riposavano.

Sovente le notti che io e Marika facevamo l’amore intravedevo l’ombra dietro la porta, dai movimenti pareva si masturbasse. Decisi così che avrei cercato di sorprenderla, una notte nel momento dell’orgasmo di Marika, veloce come una saetta ho estratto il cazzo dalla figa di mia suocera, nudo come un verme sono arrivato alla porta, appena spalancata vidi una donna che si tirava il ditalino, e che in preda alla lussuria non aveva fatto in tempo a ritirarsi nella sua camera.

L’unica cosa che fui in grado di dire fu:

“Mamma!”

 

Continua





ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



la casa dell'amore 4
la casa dell'amore 3
la casa dell'amore 2
Da anni sono la donna la donna di tuo fratello
Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2


    Racconto a Caso
Autore : pippobo01
Per la mia felicità (e sua) mia moglie si lascia andare

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni