Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 16-07-2013 | Autore : xxxxx
Categoria : Etero | Totale Visualizzazioni : 1679 | Votazione :


  
xxxxx

iniziai a masturbarmi, adoro masturbarmi lentamente, mi fa godere un sacco dopo una decina di minuti che mi stavo toccando da solo senti suonare il campanello, feci finta di non essere in casa, ma il campanello suonava di continuo con una certa insistenza, forse chi suonava sapeva che ero in casa, con quel rumore non potevo finire la sega che mi stavo facendo così quasi con stizza m'infilai le mutande, mi affacciai al balcone per vedere chi era lo spacca maroni, rimasi completamente stupito che era la mia vicina di casa che abitava di fronte alla mia, disse "scusa se disturbo posso venire su un attimo che ho bisogno?" io "certo, certo aspetta che ti apro" corsi in camera per mettermi un paio di calzoncini corti, non potevo certo farmi trovare in slip con il cazzo duro che mi fuori usciva, la donna salì le scale entrò in sala anche lei era in calzoncini corti, e sopra era in reggiseno aveva un costume, la mia vicina è una bella biondina sui 50 anni capelli corti, magra, tonica perchè fa molto sport, belle gambe asciutte un bel fondoschiena e poco seno, senza pudore disse "ti ho visto" e io cadendo un pò dalle nuvole chiesi "scusa cosa hai visto?" lei "ero sul balcone a prendere il sole e ho visto tutto, che ti stavi toccando solo, soletto, bello spettacolo" arrossì, mi ero dimenticato di tirare la tenda imbarazzato dissi "scusa non mi ero accorto di essere visto, ho dimenticato di tirare la tenda" lei "non fa niente, ma visto che sono venuta qui, è perchè dal balcone il tuo coso sembrava abbastanza grande e quindi se non ti dispiace mi piacerebbe vederlo" aaahhh la porca era senza mezzi termini, messa così non mi restava che togliermi i calzoncini e le mutande, il mio cazzo svettava duro davanti e lei ed esclamò "accidenti se è grande, visto da vicino fa veramente impressione" senza mezzi termini le dissi "se vuoi puoi finire tu di masturbarmi visto che sei venuta per vederlo meglio adesso hai la possibilità anche di toccarlo" la tipa non fece una piega, allungò una mano e mentre lo impugnò disse "perchè no.." lo impugnò e cominciò a smanettarmelo delicatamente esclamò "accidenti se è duro. è durissimo, tenerlo in mano è ancora più grosso" e io "puoi anche assaggiarlo con la bocca se ti va" la donna non disse nulla si piegò sul cazzo e con la lingua iniziò a leccarmi la cappella gonfia, dopo qualche leccata spalancò la bocca e si lasciò scivolare in gola l'uccello lo porcona succhiava divinamente, succhiava senza sosta, le mugolai "accidenti che bocchinara, ci sai fare con la bocca" si mise sopra di me in posizione sessantanove e disse "perchè non mi fai vedere tu cosa sai fare con la bocca" le calai i calzoncini, la zoccola era nuda, era venuta senza mutandine, affondai la lingua nella sua sorca, era fradicia, la zoccola aveva la figa bagnatissima, iniziò a mugole alle prime slappate di lingua, con la lingua passai a occuparmi del suo buchino posteriore e mentre lo leccavo, le infilai due dita nella fergna e inizia a masturbarla, la donna mugolava di piacere "mmmhhhhh....ci sai fare anche tu con la bocca...mi stai fecendo impazzire...sei fantasticooo" era cotta a puntino, mi sollevai la tenni in quella posizione e le sbattei il cazzo nel fregna, le scivolò completamente dentro in un attimo lei "ooohhhhh.....siiiii.....che bastoneeee" comiciai a stantuffarla velocemente, il mio cazzo scivolava bene dentro a quella caverna fradicia a ogni colpo di cazzo lei gemeva a più non posso "mmmhhhh.....sei magnifico...mmhhhhhhhhhhh.....che cazzo fantasticoooo" dopo alcuni minuti che me le stavo sbattendo la donna venne "mmmhhh.....vengo...vengooooo......mio diooooo come mi hai fatto venire in fretta......aahhhhhhh.....aaahhhhhhhhhhhh" la zoccola sbrodolò come una vacca in calore, ma anch'io ero quasi a tiro di sborrata, mi aggrappai a suoi seni piccoli li torturai un pò strizzandoli con forza...la feci urlare un pò "ahh...ahh...aaahhh...uuuhhhh" quando fui pronto a esplodere le diedi gli ultimi colpi di verga molto violenti da farle uscire il cazzo dalla gola "ah..ah...ahhh...aaahh...ooohhhh...che botte...che botteeee" e io "dai che vengo anch'io, resisti" quando ero pronto a espoldere tirai fuori l'uccello dalla sorca della mia vicina e inizia a schizzarle sui glutei "vengo...vengoooooooo...oooohhh...siiiiiiiiiiiiiiiiiiii" feci la mia solita sborratona aveva le chiappe sporche del mio sperma, poi con la punta della cappella lo spalmai per bene sul suo orifizio e partii all'attaco del suo culetto, al primo tentativo non riuscii ad entrare, la tipa fu disarmante disse "fai piano lì dietro che un coso come il tuo non è mai entrato" al secondo tentativo il suo buchino iniziò a dilatarsi bene e il mio cazzo cominciò a entrare in quell'orifizio accogliente, la puttana era ben aperta lì dietro anche se un cazzo della stazza del mio non l'aveva mai preso era ben aperta lo stesso, ci misi pochi secondi a sbatterle completamente il cazzi nel culo, lei "uuuhhhh...uuhhhhh...com'è grossoooooooooooooo....mmmhhhh è durissimooo" iniziai a muovermi lentamente a scoparla, lei "ooohh....siiii............mmmhhhh...mio dioooo che cazzo fantasticoooo" dopo qualche minuto che la fottevo a pecorina decisi di cambiare posizione, la girai su un fianco, comiciai a incularla più velocemente a ogni colpo di minchia sussultava di piacere "oohh...ohh...oohhh.." poi le diedi due o tre colpi più violenti e più profondi, lei sobbalzò si girò verso di me con aria stravolta per le botte che le avevo fatto arrivare nel culo, la presi per i fianchi e con uno scatto di reni la sollevai e la misi sopra di me la feci sedere sul mio cazzo, la tipa era completamente impalata sul mio bastone di carne, le feci un pò male, s'irrigidì si contorse era come in apnea quando riuscì a prendere fiato mugolò era in un misto tra dolore e piacere "mamma miaaaaa.......lo sento in gola....uuuhhhhh..." senza darle tregua inizia a pistonarle il culo, la siluravo dal basso verso l'alto con una mano le masturbavo la figa e con l'altra le strizzavo i seni piccoli, lei "uuhh...uhhh....aaahhhh...aahhhh...cosa mi stai facendooooooooooooooooooo" la donna in poschi minuti sbrodolò, raggiunse un orgasmo incredibile urlò "oddioooo stò per venire...mmhhhhh...vengooooo...vengooooooooooooooooooooooooooo" face tanta sbroda che mi lavò la mano, l'orgasmo durò per alcuni minuti, per lei furono minuti interminali di mugolii, contorsioni del corpo, un orgasmo del genere riuscì a trasportarmi che appena finì la dovetti rimettere a pecorina per darle gli ultimi colpi di verga prima di sborrare, fui molto violento, la tipa sobbalzò urlò "aaahh...aaaaaaahhh......mmmhhhhh...che botte...che botte...che botteeeeeeeeeeeeeeeeeee...uuhhhhhh" schizzai le sborrai nel culo, lo innondai del mio seme caldo "sborro...sborrrooooo" lei "mmmhhhhh......mmmhhhh....quanta ne fai...mmmhhh com'è bella calda..." dopo la mega sborrata tolsi l'uccello dal suo buchino, la mia vicina di casa adesso era stravolta, la cavalcata nel culo l'aveva messa abbastanza ko, ma prima di andarsene si tolse la voglia di farmi un bel pompino con ingoio, dopo quella domenica ogni tanto scopiamo insieme



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Etero

Paola e sua madre Graziella
La zia di mia moglie
La mamma del mio amico
esperienza eccitante
Sodomizzata
autostop
La madre del mio amico
Ultimi racconti nella categoria Etero

miss culetto d'oro
la governante era una gran porca
L'amica di mia sorella.
servita su un piatto d'argento
il palo della tortura
la signora era un osso duro ma....
la vigilessa


    Racconto a Caso
Autore : Biancaneve
...il fato ha voluto che l’imponderabile diventasse realtà.

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1186
» Totale Autori
311

Top   

Copyright 2014 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni