Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 21-05-2017 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 818 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Sono un uomo di cinquant'anni, mi chiamo Enrico, un tempo ero fidanzato con Loretta, una bella ragazza, bionda, occhi azzurri, alta circa un metro e settanta, snella e con due gambe lunghe e magre in sostanza un bella figa.

All'epoca lei aveva 18 anni ed io 24, ci vedevamo tutti i giorni dopo che avevo terminato il lavoro.

Il tempo libero lo passavamo a passeggiare mano nella mano, a limonare o anche a scopare in auto.

Scopare Loretta mi piaceva, ma in auto era scomodo, ho anche pensato di portarla in albergo, ma lei non voleva dicendo che in quel caso si sarebbe sentita come una prostituta da strada.

Il tempo passava ma io non mi decidevo a compiere il fatidico passo verso il matrimonio, le cose tra me e Loretta incominciavano a divenire routine.

Una sera uscendo dal lavoro mi reco al solito appuntamento, dove trovo Loretta in lacrime, nel pomeriggio avevano comunicato a sua mamma e a lei che un incidente stradale aveva visto protagonista suo padre e che purtroppo era deceduto sul colpo.

Loretta mi disse che quella sera l'avrebbe dedicata alla madre, voleva tenerle compagnia, perciò mi salutò frettolosamente, andandosene senza nemmeno un bacio.

Alcuni giorni dopo si svolse il funerale del padre, io non vi partecipai perché il giorno precedente mi distorsi una caviglia in una partita di calcio e per sicurezza al pronto soccorso me la ingessarono e mi tennero in degenza un paio di giorni.

Il fatto di non aver presenziato al evento funebre fece molto adirare Loretta, in modo che i rapporti tra noi da routine divennero tesi e poco per volta sempre peggio, al punto che nel giro di 12-18 mesi arrivammo a lasciarci anche perché lei aveva un ragazzo che la corteggiava ed io mi ero innamorato di Loredana.

Nei mesi susseguenti alla sepoltura del padre che non conoscevo, Loretta mi presentò sua madre, visto che con la scusa che non voleva lasciarla sola, la invitava a trascorrere la serata o la giornata con noi, se andavamo al cinema la mamma era presente, se andavamo al ristorante anche sua mamma era invitata, se andavamo in gita, la madre era della compagnia, anche quando giocavo a calcio la mamma era sugli spalti a tifare con Loretta.

Una sera eravamo al ristorante e dissi a Loretta:

"Con tua mamma sempre presente, non abbiamo più un momento per noi"

Lei rispose picata:

"Tu pensi solo a te stesso, hai solo voglia di scopare, non pensi che mamma dopo la morte di papà si sente sola"

"Loretta non dico questo, io sono contento della presenza di tua mamma, ma noi non abbiamo più un momento di intimità"

"Se vuoi scopare rivolgiti a una puttana in strada, hai solo l'imbarazzo della scelta"

"Se la pensi così è meglio …"

Nel mentre arrivò al tavolo la madre e troncammo il discorso, ordinammo e mangiammo in silenzio, a fine pranzo la madre rivolgendosi a Loretta disse:

"Cosa c'è che non va? Figlia mia ti vedo tesa e musona"

"Niente mamma, c'è l'ho con lui perché è un maiale"

"Cioè?"

Intervenni io:

"Signora, vede ho detto a Loretta che non abbiamo più un momento di intimità, visto che nelle nostre uscite siamo sempre in tre"

"E per tutto questo Loretta ti rabbui? E giusto che Enrico voglia stare solo con te, io non ho mai pensato di pesarvi. Se solo lo avessi pensato non sarei uscita con voi così intensamente"

"No signora, lei non ci pesa affatto, anzi è di una dolcezza e una disponibilità senza uguali, è solo che io e Loretta non abbiamo più quei momenti privati tutti nostri"

"Si mamma, lui pensa solo a scopare"

"Loretta ma come parli?"

Dopo questa piccola discussione ho pagato il conto e siamo usciti, le cose con la mia ragazza andavano sempre peggio.

La mamma , non voleva più uscire con noi per lasciarci la nostra libertà, ma Loretta ogni volta colpevolizzava me per sua mamma sola a casa.

Finivamo per litigare al punto che andavo a casa sua per invitare la mamma ad uscire con noi.

"Enrico non vorrei intromettermi tra te e mia figlia, ma se non disturbo, uscirei volentieri con te!"

"Certo signora, ci mancherebbe altro, se no non la inviterei ad uscire"

"Allora mi cambio e andiamo"

La signora andò in camera da letto, si cambiò, poi si presentò lasciandomi senza fiato alla sua vista.

Aveva indossato una camicia chiara e trasparente che lasciava intravvedere un seno di quarta misura, calze a rete nere con sopra una minigonna che arrivava a metà coscia, scarpe nere con tacco 14.

Vederla e restare senza parole fu un attimo.

"Enrico ti sei imbalsamato? Non hai mai visto una donna?"

"Beh una donna si, ma una dea no"

"Grazie, sei un adulatore"

Uscimmo e vicino all' auto ad attenderci c'era Loretta:

"Ce l'avete fatta, credevo vi foste fidanzati" disse in modo ironico.

"Magari! Potessi fidanzarmi con una donna con la classe di tua mamma"

"Su ragazzi calmatevi!"

Andammo a cena e nella disposizione del tavolo mi misi difronte alla mia dea, ogni volta che parlava o sorrideva mi perdevo nel suo sguardo o nei suoi bellissimi occhi verde smeraldo.

La cena per me fu un orribile incubo, mangiai poco o niente, non ascoltando le parole della mia ragazza, ma pendendo dalle labbra di sua madre.

A tavola non volendo alcune volte feci anche piedino alla signora che fece finta di niente e mi sorrise.

Dopo cena fu lei stessa a suggerire a me e a sua figlia di andare tutti al cinema.

Andammo a vedere un film d'amore e la mamma disse alla figlia:

"Facciamo mette Enrico in mezzo a noi"

"Perché mamma?"

"Così nei momenti per me più malinconici posso tenergli la mano"

La mano se la prese dopo pochi minuti e se la tenne fino alla fine del film, non curante di sua figlia se l'appoggiò su una coscia e sempre facendo finta di essere pensierosa appoggiò anche la testa sulla mia spalla e in un orecchio mi sussurrò:

"In questa posizione mi sembra di rivivere i momenti di quando ero fidanzato con mio marito, spero non ti dispiaccia?"

"No signora"

Il film finì, accompagnai le due donne a casa, poi me ne tornai alla mia.

Il mattino dopo, mentre stavo uscendo mi squillò il telefonino sul display numero sconosciuto.

Al numero sconosciuto in genere non rispondo, ma quella volta risposi e l'interlocutore era Loredana, cioè la mamma di Loretta.

"Ciao Enrico! Ti disturbo? Avrei bisogno di parlarti e visto che mia figlia è andata a trovare la nonna, mi chiedevo se ti è possibile passare"

"Certamente signora, diciamo fra mezz'ora?"

"Va bene ti aspetto"

Uscii di casa e mi recai a casa di Loredana.

Qui trovai una donna emozionata e anche preoccupata che mi chiese:

"Mi sembra che le cose tra te e mia figlia non vadano bene. Ti  ho chiesto di passare per capire se è colpa mia?"

"Come colpa sua?"

"Si, io sono sempre con voi, non avete più avuto un attimo di intimità"

"No signora e solo che Loretta, da qualche tempo è nervosa e apatica, in più penso che abbia qualcuno che le sta dietro infine anch'io penso di essermi innamorato di un'altra anzi mi sono innamorato"

"Beh ragazzi se è così dovete lasciarvi, mi spiace solo perché con te mi trovavo bene, con un altro fidanzato di Loretta non so"

"Certo signora Loredana, penso che seguirò il suo consiglio, parlerò con sua figlia e se è il caso interromperemo la nostra relazione, comunque …"

"Comunque? Cosa vuoi dire Enrico?"

"Qualche volta quando sono libero, posso passare a salutarla e vedere come sta?"

"Benedetto ragazzo, la mia casa per te è sempre aperta, quando vuoi passare a fare compagnia a una vecchia io sono qui"

Se si definiva vecchia a 35 anni allora una a 90 come avrebbe dovuto definirsi.

La signora Loredana è una donna meravigliosa alta 1,75, occhi verde smeraldo, seni di una quarta misura con due o tre chili in più nei posti giusti, un bel deretano e i polpacci pronunciati.

Il giorno dopo parlai con la mia ragazza per un'oretta circa, dopo di che divenne la mia ex ragazza, ci lasciammo in modo amichevole, lei voleva fare nuove esperienze con nuovi ragazzi, io non volevo più una ragazzina ma una donna.

Passarono un paio di mesi, poi un giorno il lavoro mi portò nei paraggi di casa di Loredana e Loretta, così decisi di farle visita.

Suonai il campanello della villetta, ma non ricevetti risposta, subito pensai che non volessero avere più nulla a che fare con me, ma proprio mente stavo salendo sulla mia Mazda vidi spuntare dall'angolo Loredana con le borse della spesa, richiusi l'auto e mi precipitai ad aiutarla.

"Ciao Enrico! Credevo che ti fossi dimenticato di questa vecchietta!"

"Ma cosa dice? Che vecchietta e come avrei potuto dimenticarmi di una bella donna come lei"

"Senti Enrico se vuoi frequentare la mia casa devi darmi del tu"

"Certo con piacere signora Loredana"

"Cosa ti ho detto?"

"Loredana, per me è un onore"

"Dai entriamo che ti offro un caffè"

Entrammo, Loredana mi fece accomodare in salotto e dopo 5 minuti si presentò con una tazza fumante contenente caffè.

Parlammo due ore circa, un po' di tutto di Loretta che nel giro di poco aveva cambiato fidanzati come lei cambiava le calze, cioè molto velocemente, non c'era uno che le andasse bene.

Poi le chiesi:

"Loredana, tu hai trovato l'amore in questo periodo?"

"No caro, è difficile trovare un uomo che possa farmi dimenticare mio marito, anche se …"

"Anche se"

"Uno che mi piace sia come carattere, che come persona c'è! Ma per lui penso di essere troppo vecchia e non pensi minimamente a me. Avrà molte ragazze da quando a lasciato la sua fidanzata e non ha sicuramente tempo da dedicarmi"

"Beh Loredana, non so chi sia quel fesso, ma penso proprio che tu valga almeno 100 di quelle ragazze"

"Grazie Enrico"

"Senti cosa ti propongo Loredana, se questa sera non hai impegni, ti invito a cena così magari ti distrai"

"No Enrico non ho impegni e pertanto accetto volentieri. Dimmi solo dove mi porti così mi vesto di conseguenza"

"Se hai voglia di fare un viaggio un po' lungo pensavo di portarti al mare in un ristorante sul porto a mangiare i pesci"

"Ok, a che ora vieni a prendermi"

"Visto che col lavora sono avanti e per oggi non ho appuntamento con i clienti, potremmo partire appena sei pronta in modo che passiamo una giornata al mare"

"Vado subito a cambiarmi"

Dopo venti minuti mi si presentò dinnanzi vestita in modo sexy, sembrava avere 10 anni di meno.

"Allora partiamo?"

"Si certo, Loredana sei bellissima"

"Caro mio sto cercando di sedurti! Ah, ah, ah"

"Certo tu vuoi sedurmi! Un paio d'ore fa mi parlavi che c'è un ragazzo che ti piace, ma lui ha molte ragazze, perciò non sono io"

"Ah, ah, ah"

Uscimmo dalla villetta le aprii la porta della vettura, la feci accomodare, nel salire in auto la gonna già corta si alzò facendomi intravvedere che non portava le mutande e la figa depilata. Quello spettacolo mi mise in agitazione, pensai che avrei dato non so cosa per poter diventare il suo compagno per la vita.

Partimmo dopo pochi chilometri volle fermarsi all'autogrill per andare alla toelette, nel scendere non mi chiese niente, ma nel salire mi disse:

"Saresti così gentile di aiutarmi come hai fatto a casa"

Mi prestai per la seconda volta e per la seconda volta mi mostrò lo stesso scenario, il farmi fermare all'autogrill per bere, per fare pipì, o per fare altro era una cosa metodica cioè ogni autogrill aveva una richiesta, al punto che pensai: questa mi fa diventare pazzo, ma l'amo così tanto che potessi la bacerei in ogni istante.

Quando arrivammo a destinazione mi chiese:

"Adesso come passiamo il tempo fino all'ora di cena?"

"Loredana potremmo fare una passeggiata sul lungo mare"

"Certo, ma mancano più di cinque ore e non possiamo passeggiare continuamente"

"Tu cosa suggerisci?"

"Beh so che in collina c'è una pineta dove si gode una vista stupenda del panorama con annesso il mare in lontananza"

"Allora dopo la passeggiata possiamo andarci!"

"Si, ma ricordati che sono una signora e per di più vedova"

"Loredana cosa vuoi dire?"

"Beh caro non vorrei che ti approfittassi di me"

"Mia bella signora, io non mi approfitterei mai di te, anche se tu ..."

"Anche se io?"

"Anche se tu, con i tuoi atteggiamenti, mi stai facendo innamorare"

"Esagerato! E poi sai chissà cosa direbbe mia figlia se io uscissi seriamente con te?"

"Cosa vuoi che dica? In fin dei conti è stata lei a presentarci!"

Scoppiammo a ridere, poi incamminandoci per la nostra passeggiata Loredana mi prese la mano e mi fece un sorriso.

Dopo la passeggiata prendemmo l'auto per recarci alla pineta, nel salire la gonna si alzò più del dovuto e Loredana non fece niente per rimetterla nella posizione iniziale, durante il breve percorso mi accarezzò una guancia e quando giungemmo a destinazione mi schiccò un bacio sulle labbra, dicendomi:

"Sai il ragazzo che mi piace?"

"No ma dimmi"

"E un ragazzo gentile, premuroso e per nulla invadente e pretenzioso, purtroppo non so come presentarlo a mia figlia visto che è stato fidanzato con lei per un periodo"

"Non saprei cosa dirti, visto che io e Loretta siamo rimasti buoni amici vuoi che gliene parli io? Dovrai solo dirmi chi è?"

"Certo se tu gliene parlassi, sarebbe bello, poi se ti darà il suo consenso potrò frequentarlo assiduamente"

"Ok, domani ne parlerò con tua figlia, mi dispiace solo che non potrò più invitarti a cena se ti fidanzerai con lui. A proposito mi vuoi dire il suo nome?"

"Sciocco, non hai ancora capito che sto parlando di te!"

A questo punto il mio cuore scoppiò di felicità, l'abbracciai e attirandola verso di me la baciai sulla bocca, in un primo momento fu sorpresa, poi si lasciò andare, le nostre lingue duellarono per molti minuti.

Dopo parlammo di tutto anche della differenza d'età visto che io avevo appena 26 anni e lei 37.

Passammo l'intero pomeriggio in pineta, verso sera ritornammo in paese e andammo al ristorante, dove cenammo, Loredana insistette per sedersi di fianco a me, con frequenza mi tastava ora una coscia, ora il ginocchio, fino ad arrivare a baciarmi davanti agli occhi di tutti.

Finito la cena risalimmo in auto e lei mi disse:

"Amore lo sai che tanto ero eccitata, partendo da casa non ho indossato l'intimo?"

"L'ho notato appena sei salita in auto, quando hai allargato le gambe ho visto tutto"

"Penso che tu deva far lavare il sedile, perché il pensiero di aver come compagno un uomo più giovane mi eccita e sono già venuta due o tre volte sporcandoti il sedile"

"Lory il sedile lo laviamo, ma la tua voglia come facciamo a placcarla, in macchina fare l'amore va bene per una ragazzina, non per una donna?"

"Enrico sai esistono gli alberghi?"

"Per tua figlia gli alberghi li usano solo le mignotte"

"Allora sono il suo habitat naturale, perché da quando vi siete lasciati in questi mesi ha cambiato almeno dieci ragazzi"

"Comunque questo non risolve il nostro problema"

"Io direi che se tu domani le parli risolviamo tutto, così divieni il mio compagno e possiamo farlo direttamente a casa"

Tutto questo mentre rientravamo, arrivati a casa di Loredana ci demmo  un bacio mozza fiato sulla bocca, poi una toccatina alle sue cosce e ci siamo salutati.

Mentre mi apprestavo a partire vidi Loretta che arrivava accompagnata da un ragazzo, allora scesi e le dissi:

"Loretta devo parlarti di una cosa importante a cui tengo tantissimo"

"Senti non voglio scenate di gelosia, ci siamo lasciati e io sono libera di frequentare chi voglio!"

"Si certo, però è altro di cui ti voglio parlare"

"Ok sentiamo!"

"Volevo dirti che mi sono innamorato di un'altra persona e che vorrei il tuo consenso visto che è più grande di me"

"Mica sono sua madre che chiedi il mio consenso"

"Già, ma vedi la persona che mi ha fatto innamorare è …"

"Ti sai mica innamorato di un uomo? Sarai mica diventato gay"

"No, la persona di cui sono innamorato è tua madre"

"Loredana è grande per frequentare chi vuole e poi il consenso devi chiederlo a lei"

"Lei non aveva il coraggio di dirti che anche lei voleva me"

"Beh allora auguri e figli maschi"

Chiusi la Mazda, suonai il campanello, Loredana mi disse:

"Vai via, vuoi che Loretta lo venga a sapere così? Ti ho detto prima di parlarle"

"Mamma Enrico mi ha appena parlato, per me va bene, anche se non pensavo che ti piacesse un mio ex"

Entrammo in casa, abbracciai Lory e talmente mi eccitava vestita con il pigiama che le strusciai il cazzo sulla coscia.

"Ehi sei già arzillo con solo un abbraccio, chissà quando vieni a letto con me"

"Su fatela finita, andate in camera e scopate, che con tutte queste effusioni mi fate venire la nausea"

"Dai vieni a letto che ho voglia di far l'amore con te" mi disse Lory.

A letto passammo l'intera nottata a scopare, Lory era insaziabile anche per la lunga astinenza dopo la morte del marito.

Il mattino dopo Loredana si alzò alle 7,00 per preparare la colazione a Loretta la quale subito dopo se ne andò dicendo:

"Piccioncini, fate attenzione a non sfornare dei figli, io non sono disposta ad accudirli"

Appena uscita Loretta, presi Loredana e l'attirai a me, quindi la baciai lingua in bocca, poi mi dedicai a leccarle la figa dalla quale uscivano fiumi di liquido.

Lei veniva in continuazione e gridava:

"Dai ancora, fammi godere ancora, neanche mio marito è mai riuscito a farmi venire così tanto"

"Lory adesso ho voglia di entrarti nelle mutande sia davanti che dietro"

"No dietro no, non l'ho mai dato a mio marito e tanto meno l'ho do a te"

"Perché io non valgo quanto tuo marito?"

"Amore tu vali di più, sei più giovane, più romantico, più fantasioso ma il culo non telo do!"

"Va bene, ma promettimi che ti farai ingravidare, ho sempre pensato di scoparmi una donna gravida"

"Si questo lo posso fare, ma poi prima che scada il tempo dovrò abortire"

"Abortire?"

"Già se no cosa penserà la gente di una donna matura, non sposata e un ragazzo molto più giovane, per di più ex fidanzato della figlia che si avviano ad una maternità"

"Quel che dicono adesso se ci vedono insieme!"

"Va bene, vedremo!"

Comunque alcuni giorni dopo Loredana mi propose di trasferirmi a casa loro, la nostra storia andò avanti per alcuni mesi fino a che Loredana una notte mi sveglio tutta agitata, aveva mal di pancia e il vomito, non stava in piedi, dovemmo chiamare la guardia medica la quale dopo la visita mi disse:

"Domani accompagni la signora al pronto soccorso o da un ginecologo, i sintomi che presenta fanno pensare ad una gravidanza"

"Grazie, sarà fatto"

Tornai da Lory le esposi la situazione, lei nervosissima mi accusò di pensare solo a me. In quella circostanza sembrava isterica al punto che svegliò anche sua figlia.

"Sai Loretta, lo stallone qui presente sembra mi abbia ingravidato? Adesso chi li sente i pettegolezzi dei vicini?"

"Mamma fottitene dei pettegolezzi, goditi la vita! Comunque quando scopavate c'eri anche tu!"

"Adesso è colpa mia se sono incinta"

"No mamma, ma hai partecipato anche tu! Non è mica opera dello spirito santo"

"Adesso come faccio a quasi 40 anni, incinta di un ragazzo, che potrebbe essere mio figlio"

"Mamma l'età di Enrico la sapevi anche quando ti sei innamorata e non potevi vivere senza di lui"

"Si ma io volevo fare l'amore, non certamente un figlio!"

"Allora abortisci, e continua a scopare prendendo precauzioni"

"Eh no , cara mia qui non si abortisce! Io il figlio da Loredana lo voglio! Non sono mica venuto a convivere con lei per scopare, sai quante troiette trovavo, volevo Loredana, perché l'amavo e l'amo più di qualunque cosa"

"Ma ho quarant'anni , ho paura che tu visto che sono incinta ti cerchi un'altra"

"Senti amore, prima del parto che ne dici se ci sposiamo?"

"Amore si! Mi fai così felice che sono disposta a tutto! Poi quando avrò il pancione e tu non mi potrai più cavalcare ti darò anche il culo"

"Ma se non volevi in nessun modo"

"Beh visto che la mia verginità vaginale l'ho data al mio primo marito, quella anale è giusto che appartenga al mio secondo marito"

Prenotammo dal ginecologo per il pomeriggio, per tutta la mattinata ebbe dei problemi causati dalla gravidanza.

Il ginecologo accertò che Loredana era in stato interessante e ci disse di fare l'amore con cautela.

Così passarono i fatidici nove mesi e nel mentre ci sposammo, in modo che la signora Loredana ora era mia moglie.

Il giorno del parto nacque Giorgio un maschietto di tre chili e mezzo e dopo un anno nacque Claudia e poi dopo i due venne alla luce Simona.

Che dire Loredana ormai è una bella signora di sessantadue anni, che ha partorito quattro figli di cui tre miei.

Col tempo si è calmata è meno calda di un tempo, i rapporti sono scesi da quotidiani a settimanali.

Loretta è una bella quarantaquattrenne, non si è mai sposata, vive con noi da dodici anni e due anni fa aspettava un figlio, aveva un bel pancione.

Loredana mostrava molta attenzione per la figlia in stato interessante, l'aiutava in tutto e per tutto, con fare materno sovente gli diceva:

"Hai visto che ho fatto bene a sedurre Enrico, se no ora come faresti a provare la gioia di una gravidanza?"

"Mamma hai ragione tuo marito è stato molto tenero con me, anche dopo che ci eravamo lasciati. E se tu non l'avessi amato e convinto a vivere con noi, non mi sarei mai calmata, perché dopo la morte di papà ero fuori di testa, in ogni uomo cercavo solo un cazzo che mi scopasse"

"Figlia mia, io invece cercavo un uomo che mi amasse"

"Si così tu hai trovato chi ti ama, e io col tuo consenso un cazzo che mi scopa"

"Signore per favore il linguaggio moderatelo, ci sono anche i nostri figli che ascoltano"

"Enrico hai ragione ma il ragionamento è questo"

"No il ragionamento è che io amo Loredana dal primo momento che me l'hai presentata e te non ho mai smesso di amarti, ma ho preferito lasciarti libera di sfogare il tuo istinto anche quando sembravi un mignottone e passavi da un cazzo all'altro"

"Allora mamma che ne dici se dopo aver partorito ci dividiamo il letto e l'uomo?"

"Certo non ho più la forza di soddisfare mio marito tutti i giorni, tu però non sarai poi possessiva e esclusiva? Loretta conosco la tua gelosia e non voglio che mio marito diventi una tua proprietà"

"Mamma non sono gelosa di te e poi è tuo marito, ma anche quando mi farò chiavare tu sarai presente e potrai partecipare se vorrai"

"Allora signore visto che il mio parere non conta, facciamo così, visto che la stanza e grande facciamoci fare un letto a tre piazze in modo da stare comodi"

"Buona idea" dissero in coro Loredana e Loretta.

Il giorno dopo andai dal fabbro, ordinai un letto a tre piazze in ferro battuto, che ci venne consegnato alcuni giorni prima del parto di Loretta.

Dal ritorno a casa di Loretta e della neonata, il letto fu l'alcova di tutti tre, Loredana non fu mai gelosa della figlia dalla quale proprio in questi giorni sto aspettando che mi partorisca un fratellino, per far coppia con Lucrezia che mi ha dato due anni fa.

La mia vita è bellissima ho due donne che stravedono per me, l'altro giorno ero nudo mentre in cucina tenevo in braccio Loredana anch'essa nuda mi sono accostato all'orecchio e le ho sussurrato:

"Chissà come sarebbe bello scoparsi anche Claudia e Simona?"

"Amore sono ancora delle bambine"

"Loredana cara ormai sono ventenni e penso proprio che il cazzo sappiano cosa sia, l'esperienza mi dice che con la mamma e la zia che si ritrovano l'uccello non le dispiaccia"

"Come sarebbe la mamma e la zia? Se parli di mia figlia d'accordo, ma di me sciacquati la bocca, io ho avuto solo due uomini, tu e Carlo"

"Hai ragione ma tanto santarellina non eri, appena io e Loretta ci siamo lasciati tu mi hai sedotto"

"Già se aspettavo te!"

"Altera com'eri non avevo il coraggio"

"Altera io? Sentiamo cosa ti ha fatto innamorare di me"

"Tu eri come la canzone di Giacobbe, mi hanno fatto innamorare gli occhi verdi e poi guardando te era come guardare Loretta ma in meglio"

"Amore basta, andiamo a letto che mi è venuta voglia di scopare"

Siamo tornati in stanza e in presenza di Loretta e del suo pancione abbiamo trombato per due ore, ci siamo baciati e poi l'ho inculata e quindi le ho chiesto di pulirmi l'uccello con la bocca. Anche se non le è mai piaciuto mi ha fatto un pompino da far resuscitare un morto.

Ormai ho il mio arem con due donne stupende, e chissà che prossimamente non possano aumentare aggiungendosi anche le mie figlie.

Loretta non sarebbe gelosa e penso neanche la madre.

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



la casa dell'amore 4
la casa dell'amore 3
la casa dell'amore 2
Da anni sono la donna la donna di tuo fratello
Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2


    Racconto a Caso
Autore : leccobene
che mio figlio fosse gay dichiarato era noto

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni