Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 16-01-2010 | Autore : seno.81
Categoria : Esibizionismo | Totale Visualizzazioni : 10246 | Votazione :


  
seno.81
In cerca di storie intriganti e riservate, anche per poter ispirare i miei racconti.

A volte capita di vivere situazioni fastidiose o imbarazzanti. A me succede non di rado.

Intendo quelle occasioni in cui la persona che ti è davanti dovresti guardarla in una veste particolare, amica, cognata, donna di un altro. Invece non ci riesci proprio. L’attrazione sessuale che ti piomba addosso non ti permette di accettare tranquillo il “ruolo”, vorresti non rispettarlo per poterti togliere dalla testa certi pensieri.

A me l’ultima volta è successo con una ragazza di venti anni. Che carina che è, si chiama Eleonora. Ha i capelli castani molto scuri, lunghi e ricci. A me le ragazzine con i capelli ricci e scuri sono sempre piaciute. Eleonora li porta lunghi e quasi sempre ricci, a volte li stira anche, ma con i capelli lisci il prodotto non cambia. Quei capelli scuri come gli occhi scendono sulla schiena che termina sui fianchi pieni, come il suo culo e le cosce. L’ho sentita lamentarsi qualche volta della sua linea, diceva che avrebbe dovuto sfinarsi di più. Io non sono intervenuto per non violare la decenza, ma avrei voluto dirle di non cambiare un solo centimetro, è perfetta così, soprattutto quando indossa le minigonne larghe e decorate, con sotto le calze nere. Una visione indescrivibile, una voglia di allungare le mani….. Se poi il tutto si completa con un ventre più minuto dei fianchi, una quarta di seno e un viso d’angelo su occhi da gatta………

Una ragazza praticamente perfetta da conoscere, se non fosse che non l’avrei mai conosciuta se non perché è la fidanzata di mio cognato!

Alle feste, ai pranzi in famiglia, al cinema, tutte le volte che ce l’ho accanto non posso fare a meno di ammirarla. Con discrezione, ma la guardo. Ricordo la prima volta che ho avuto l’occasione di accorgermi di lei. Sedeva accanto a me a un compleanno, indossava una delle sue belle minigonne carine e innocenti, ma non addosso a lei, accavallava le gambe facendo strusciare le calze nere e arricciandosi i capelli, un po’ alla volta il cazzo mi è diventato duro, e come fai a non notarla più?

Ultimamente non ho avuto molte occasioni di vederla, sono stato molto fuori città per lavoro. Io faccio l’attore e devo dire che negli ultimi tempi la mia carriera di interprete, tra teatro e cinema indipendente, si sta avviando. Anche Eleonora vorrebbe fare l’attrice, ma, anche per via della giovane età, deve ancora aspettare, ha fatto già diversi provini, ma, a parte i saggi amatoriali alla scuola di recitazione e qualche comparsata a teatro, non è ancora entrata in nessun giro.

Mi chiama un regista per un suo film abbastanza importante da girare in provincia di Ravenna. Mi reco sul set e ci mettiamo al lavoro. Il film è già in lavorazione, in quei giorni si devono girare le sequenze in un casolare di campagna che per la sceneggiatura sarebbe una casa per scambisti e per il sesso libero, ed io devo interpretare uno dei suoi gestori. Mi avevano detto che il film era un po’ spinto, ma leggendo il copione mi accorgo che è la storia di una ragazza che soffre di sesso compulsivo e che per guarire compie un viaggio all’interno dei mondi dell’eros più disparati, attraversando questi mondi, la sceneggiatura prevede molte scene osé, comprese quelle della casa, in una di queste sarei stato coinvolto anch’io. I due giorni successivi giriamo le scene dell’incontro con la protagonista e dell’invito nella casa. Il giorno dopo ritorniamo nel casolare. Al mio arrivo noto il numeroso gruppo delle comparse. Mentre ci passo nel mezzo per recarmi dal regista quasi perdo i sensi. Mi ritrovo davanti che mi sorride una persona che conosco: Eleonora. Proprio lei, mi avevano riferito che aveva partecipato a due casting a Roma e che due settimane fa l’avevano chiamata per girare alcune scene in un film. Non immaginavo certo che il film fosse proprio il mio. So che quelle comparse devono simulare il sesso, ma non ne parliamo, la saluto velocemente e torno dal regista. E’ momentaneamente impegnato, sta terminando una scena. Vedo una cinepresa che riprende la protagonista che sbircia due ragazzi nudi davanti a un tavolo da cucina. L’altra videocamera è puntata su di lui che è in piedi appoggiato da dietro sul tavolo, la ragazza gli è davanti inginocchiata e il regista la sprona ad andare avanti, nonostante lei interrompa la ripresa perché stanca. Questa si conclude quando sento il regista dire “dai, siete due attori affidabili, fai solo questo e finiamo”, lei chiude gli occhi e si mette in bocca il pene non del tutto in erezione del ragazzo, lo fa entrare e uscire per un minuto e arriva lo stop.

Appena terminato quel lavoro, il regista si alza e annuncia l’inizio della scena successiva dopo un’ora. Ci prepariamo tutti e ritroviamo il regista di nuovo all’opera. Devo partecipare a una scena in cui accompagno, con un altro attore, la protagonista in una stanza resa scura artificiosamente, in cui troviamo due coppie che fanno l’amore. Iniziamo con il recitare qualche battuta nel corridoio e poi apriamo la porta. Dopo un po’ giriamo all’interno della stanza. Vedo i due attori e le due attrici che devono recitare il rapporto sessuale, uno dei due attori l’ho notato in numerose pubblicità. Entriamo che già hanno cominciato la simulazione dell’amore, noi tre dobbiamo restare in piedi a guardarli mentre il regista li dirige. Alla conclusione del lavoro, ci ritroviamo a parlare con gli altri attori, in particolare parlando con una delle attrici con cui avevo già recitato, le sottolineo la mia sorpresa nel vedere il suo partner indossare il preservativo. Lei mi dice che è stato un consiglio del regista per essere più naturali, poi aggiunge “e in effetti….l’abbiamo fatto davvero”. Il mio successivo stupore è un misto di stimolo e confusione, per via del fatto che appena fatto buio avrei dovuto partecipare alla scena del sesso di gruppo. Per me sarebbe stato difficile recitare una simulazione di sesso, qualsiasi contatto fisico con il corpo femminile è sesso e basta per me, una sola volta nella mia carriera ho dovuto baciare una collega sul set, una bellissima attrice, mi venne un cazzo duro mentre giravo……. Ne ho visti tanti di film drammatici o noir in cui erano contenute scene di sesso esplicite, ma far parte di uno di questi è tutta un’altra cosa.

L’appuntamento e alle ore 17 per i preparativi. Mi ricordo che è presente anche Eleonora, ma non so dove sia finita. All’ora stabilita mi ritrovo con i protagonisti della scena ed il regista. Ci dice che ci mostrerà solo un soggetto della sequenza, sarà poi nel momento di girare a determinare cosa fare di preciso. Il soggetto stabilisce che la protagonista gira nella grande sala accompagnata da un uomo che le mostra noi che facciamo sesso mascherati per farle vincere le sue inibizioni e partecipare ai giochi della casa. Poi il regista mi dice che farò parte anch’io dello scenario facendo sesso su uno dei letti con un’attrice, entrambi mascherati. Una collaboratrice mi porta via dicendomi “vieni, ti mostrerò la partner che è stata scelta per te”. Entro nella grande sala circolare scelta come set della sequenza, vedo due cineprese posizionate in alto, una pronta a ruotare tutt’intorno alla scena e altre due che avrebbe mosso il regista, non voleva perdere un solo particolare. Mentre ammiravo il dispiegamento di mezzi, l’assistente alla regia si era allontanata, mi volto e vedo lei che mi si riavvicina dicendo “ecco la tua partner, ti presento Eleonora”. Se ero rimasto tanto sorpreso la mattina, figuratevi adesso che mi hanno comunicato che devo stare nudo davanti a lei. E’ proprio lei, la fidanzata di mio cognato. Il caso ha voluto che recitassimo nello stesso film e che la produzione ci accoppiasse nella stessa scena d’amore. L’assistente ci porta davanti al lettino dove avremmo dovuto recitare noi e ci dice di aspettare istruzioni. Va via e ci lascia a guardarci, confuso io, imbarazzata Eleonora. Quando iniziamo a parlare, subito ci confrontiamo, ci diciamo che non è possibile, che ci devono cambiare ruolo…… Io prendo coraggio e mi reco a farlo presente al regista, gli dico che io ho una ragazza e che Eleonora è la fidanzata di suo fratello. Lui mi risponde con queste testuali parole: ”Ma stai scherzando, Paolo? Ricordi quei due stamattina che cercavano di girare la scena di sesso orale? Sono fratello e sorella! I ruoli sono stati assegnati alle persone più adatte. Siete tutti attori, no? Qualsiasi modifica, fatta soprattutto per semplici motivi personali degli interpreti, sarebbe sbagliata”. Non riesco più a dire nulla, mi riavvio verso la mia posizione sul set e intanto penso. Penso che l’imbarazzo è soltanto quello di farsi vedere dai nostri compagni all’uscita del film, non tanto quello di girare la scena, in fondo siamo attori e dobbiamo farlo, e poi a me piacerebbe farlo con Eleonora, e comunque se non lo fa con me potrebbero assegnarla a qualche altro attore, allora meglio che me la pappo io, visto che ne ho l’occasione e la scusa per farlo. Ma sì, mi convinco e quando ritorno da lei assumo l’aria dell’attore professionista e impeccabile. Le dico che non possiamo rifiutaci di girare o insistere nel farci cambiare ruolo o semplicemente partner, sarebbe stata presa per mancanza di professionalità e chissà come avrebbe reagito la produzione, in fondo anche lei non è una semplice comparsa, le faranno girare altre due scene. Lei guarda un po’ per terra, si guarda intorno e alla fine concorda con me che l’occasione è troppo importante per farsi questi problemi, in fondo recitiamo la sequenza anche con una maschera e si augura che ne venga ripresa il meno possibile all’uscita del film. La guardo e le do coraggio. E’ bellissima, l’hanno truccata proprio bene. Il suo corpo stupendo è avvolto in un tailleur dello stesso colore dei capelli, con calze a rete, gonna fin sopra le ginocchia e giacca con sotto il solo reggiseno nero che si intravede nella scollatura. Io indosso una camicia azzurra con jeans, entrambi abbiamo una maschera, ma a differenza di tanti intorno a noi, è più piccola e meno appariscente. La sua è bianca e copre il viso solo dalle sopracciglia alla seconda metà del naso, lasciando sufficiente apertura per guardare i suoi occhi da pantera di colore poco più chiaro dei capelli, la mia nera e si allunga un po’ in basso coprendo gli zigomi.

Entra finalmente il regista, comincia a fare il giro degli interpreti, alcuni li fa spogliare in tutto o in parte, altri li tiene vestiti. Quando arriva da noi, come se niente gli avessi detto, ci dice che quando dà il ciak dobbiamo cominciare a baciarci appassionatamente e, restando in piedi davanti al letto,  spogliarci un po’ alla volta, giocando con le nostre rispettive nudità, fino a scoprirci integralmente. Se ne va, fa spogliare la coppia davanti a noi, finisce il giro lasciandoci tutti in maschera e si mette nella sua postazione all’ingresso della sala. Non vi dico quanto fremevo già al solo pensiero di baciare Eleonora, figuriamoci di poterla avere tra le braccia, nuda lei, nudo io. In sottofondo cominciamo ad ascoltare canzoni rock melodiche americane, molto coinvolgenti, le aveva pensate proprio tutte il regista per avere la maggiore realtà possibile della sequenza. E ci era riuscito. Cazzo, era proprio l’atmosfera ideale per scopare una come Eleonora, ci mancava solo il camino acceso e magari……un po’ più di intimità.

Il regista si alza e attraverso il megafono ci dice di metterci tutti in posizione. Io ed Eleonora ci guardiamo un po’ e, con molta spontaneità, ci prendiamo per le mani, tenendole con le braccia distese all’altezza dei fianchi.

“Pronti? Azione”!



To be continued...




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Esibizionismo

Una vita esibizionista
Che bello essere la troia del proprio uomo
Voyeur con vista sul cazzo nero
LEI DA UNA MANO AL GUARDONE!
garage
I cinque angeli.
quel monello di mio figlio

Ultimi racconti nella categoria Esibizionismo



vai e fatti....
Una sera dai guardoni
Ragguardevole visione
Al parcheggio del supermercato
al mare con guardoni
In macchina col guardone
UNA NOTTATA A TROIE


    Racconto a Caso
Autore : cazzogrosso
da anni siamo amici,ma anche amanti,lui grande donnaiolo con grande cazzo!

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1405
» Totale Autori
6576

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni