Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 02-04-2015 | Autore : ilmarito
Categoria : Orgie/Gang Bang | Totale Visualizzazioni : 3666 | Votazione :


  
ilmarito
sono il marito di una donna...vivace

La scommessa

 

Ecco come ho scoperto l’indole della mia lei.

Convivevano da quasi sei mesi e conoscevo l’attitudine della mia lei a mostrarsi in pubblico. Le piaceva indossare minigonne trasparenti senza sotto nulla e camicette scollate.

Inutile dire che mi piaceva per questo, mo sono sempre piaciute le donne un poco…zoccole.

Avevo giocato prima di conoscere lei in parcheggi con amico con il quale andavamo in cerca di cp …vivaci.

Una sera mi telefonò per chiedermi se andavamo a bere qualcosa insieme.

Ci incontrammo e parlammo del più e del meno poi mi chiese della mia lei.

Le dissi che era piuttosto esibizionista ma che ancora non sapevo se potevo spingerla oltre.

-         scommettiamo che è più zoccola di quello che credi?- mi disse.

Mi propose una scommessa: se lui fosse riuscito a scoparla io avrei dovuto prestargliela qualche sera per il suo piacere. Se non ci fosse riuscito mi avrebbe pagato la cena dove io avessi voluto.

Accettai.

Il tutto doveva realizzarsi entro tre mesi.

Ci accordammo per incontrarci tutti e tre la settimana seguente presentandoglielo come amico, in modo da farli conoscere.

Il venerdi successivo andammo a cena. Dissi alla mia lei che gli avrei presentato un amico di vecchia data .

La cena fu divertente, battute,risate, ma nulla più

Ci incontrammo altre due volte, sempre a cena e il bastardo non affondò mai il colpo…pensavo, con un poco di dispiacere, non  sarebbe riuscito nel suo intento.

Un giorno ricevetti una sua mail dove lui mi esponeva un piano per portare a termine la sua impresa.

Mi disse di organizzare una cena al solito posto e all’ultimo di telefonare a lei dicendo che avrebbe fatto tardi e che li avrei raggiunti al ristorante.

Poi avrei dovuto telefonare, un paio di ora dopo, per avvisarla che non riuscivo ad arrivare, che ci saremmo visti a casa.

Marco ( il mio amico) mi disse di passare poi verso le 23 dal parcheggio di un supermercato li in zona e di vedere se lei e lui erano fermi in auto, mi disse di non fermarmi e di aspettare una sua telefonata.

Così feci

 Il venerdi dopo prima di uscire al mattino le dissi della cena, lei accolse la notizia come sempre, entusiaste. Le piace cenare fuori in compagnia.

Ero in liguria que giorno e la sera, un’oretta prima della cena, le telefonai e le dissi del ritardo.

Le dissi anche di andare che li avrei raggiunti.

La cena era alle 21 e alle 22 la chiamai per dirle che ero fermo per una coda, che ci saremmo visti a casa e che avrei fatto tardi.

Lei rispose al telefono e disse di non preoccuparmi, dalla voce sentivo che era allegra e si divertiva.

-         marco deve dirti qualcosa, mi disse

-         ciao caro, non preoccuparti, ci penso io alla signora.

Li sentii ridere.

Inutile dire che la cosa mi eccitava.

Mangiai un panino e alle 23 feci la strada che costeggia il supermercato indicatomi da Marco

 Vidi l’auto della mia lei e la sua parcheggiate in un angolo buio

 Tirai dritto ma non seppi resister- la chiamai al telefono.

Non rispose subito.

Quando rispose sentivo la sua voce strana ( seppi dopo che mentre lei rispondeva lui la stava leccando tra le gambe). Le dissi che sari arrivato tra un paio di ore. Lei mi salutò e spense.

Dopo pochi minuti ricevetti una telefonata, era Marco. Fingendo finta di nulla mi salutò e mi disse che stavano bevendo qualcosa e di non preoccuparmi. Poi non disse nulla e lasciò il cellulare acceso

Mi fermai e spensi l’auto

Lo sentii dire- abbiamo due orette..il tempo per farci una bella scopata

Da prima i rumori erano confusi, la sentivo emettere dei gridolini poi sentii lui dirle- ora ti scopo a dovere, sei una troia? La sentii urlare un si

Sentivo lui che la montava e la incitava a muoversi

 Sentii lei che gli chiedeva di sbatterla forte

Poi lo sentii urlare ( per farsi sentire il porco) ora ti inculo a dovere

Un attimo di silenzio e la sentii – spingi fino in fondo…inculami e poi riempimi il culo di sborra.

Poi il telefono si spense

Tornando a casa il cazzo ni scoppiava.

Lei arrivò due ore dopo. Io finsi di dormire

 Lei andò in bagno e la sentii farsi una doccia. Venne a letto in silenzio.

Il mattino dopo le chiesi come era andate e lei mi disse che si era divertita e che le dispiaceva per me.

A pranzo ricevetti un mess da Marco…ti invio alcune foto..

Seguirono una decina di mms con lei in varie pose.

In una si vedeva che la stava inculando …

-hai perso.ora dovrai cedermela per tre sere.

La sera io e lei uscimmo.

 Le chiesi di prendere il mio cellulare e di vedere le foto che avevo in memoria

 Lei si vide nelle foto…dopo un breve silenzio  cominciò a ridere…siete due bastardi..aveva capito

 Le dissi della scommessa e lei ridendo mi rispose che le scommesse vanno pagate….io allora fui certo di vivere con una zoccola affamata di uomini

Due sere dopo lei uscì con Marco, tornò alle tre della notte, non mi volle raccontare cosa avevano fatto. Marco mi inviò alcune foto dove si vedeva che la scopava all’aperto in un boschetto.

Un mese dopo di nuovo , lei uscì con lui e al giorno dopo vidi le foto, lei che lo spompinava nel cinema a luci rosse di piacenza.

Ma la terza sera fu memorabile

Fu lei a dirmi che usciva .

Ecco il racconto di lei il mattino dopo

Ieri sera marco mi ha chiesto di incontrare alcuni suoi amici.

Mi ha portato in un bar dalle parti di parma.

Il bar era chiuso e quando siamo entrati abbiamo trovato tre suoi amici che ci aspettavano.

Appena entrati hanno spento le luci e io prima che me ne accorgessi avevo mai ovunque e subito ho sentito sollevare la gonna

 Un cazzo si è fatto strada nella mia figa …un dolore mi ha fatto irrigidire ma subito ho cominciato a godere.

Nel buio non capivo nulla

Mi sentivo una vacca.

Mi scopavano a turno

 Mi palpavano le tette con forza

 Ogni tanto mi insultavano e schiaffeggiavano sui seni

Io volevo solo cazzo a quel punto. Urlavo loro di scoparmi.

Poi il bagliore di una macchia fotografica

-         mandiamo le foto al tuo lui . fai bene la troia

a quel punto ho cominciato a dire cose oscene.

Mo spalancavao le gambe e le chiappe per scoparmi meglio in due alla volta

Una mano ad un certo punto mi ha spalancato la figa….ho chiesto di spingere…non mi bastava

Mi hanno scopata per due ore a turno, non so quante volte sono venuta ma ero spalancata oscenamente, lo sentivo, e sentivo le loro mani a turno fistsrmi

Poi a turno mi hanno sborrato in culo e mi hanno fatto rivestire, salire in auto senza pulirmi

 Se guardi il sedile capirai.

 

Io uscii a guardare, il suo sedile era fradicio di sperma..

 Il giorno dopo arrivarono le foto, erano davvero oscene, lei in ogni posizione…

Ogni tanto le riguardiamo e io non posso fare a meno di farmi prendere dalla foga…che zoccola




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Orgie/Gang Bang

La troia di tutti
giochi perversi di una giovane coppia 1
Dal fruttivendolo
Chissà  com' era il film...
Orgia nel bar
orgia improvvisata
Sorpresa!

Ultimi racconti nella categoria Orgie/Gang Bang



prima di me
Una ragazza dal carattere insospettabile
la scommessa
l'amico, il nero e....
agriturimo
in discoteca
AL CLUB


    Racconto a Caso
Autore : antopalermo
A volte certe esperienze anche forti fanno scoprire se stessi e da allora si vive un po' meglio

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1382
» Totale Autori
3575

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni