Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 25-11-2011 | Autore : Biancaneve
Categoria : Confessioni | Totale Visualizzazioni : 3194 | Votazione :


  
Biancaneve

Trascorremmo la notte ad amarci intensamente. Erika mi fece raggiungere le vette del piacere più e più volte. Il mattino ci raggiunse che eravamo addormentate. Lo squillo del telefono ci svegliò. Fu mia nonna a rispondere. Dopo aver risposto scese dal letto, indossò una vestaglia sul suo meraviglioso corpo e si avviò verso il bagno senza non prima avermi annunciato che mia madre e mio padre sarebbero giunti in giornata.

“Dai, amore, è tempo di alzarsi. I tuoi genitori hanno deciso di venire a stare con noi per un bel po’ di giorni.

Ho la netta sensazione che saranno giorni di intensa attività.”

Colsi nel timbro della voce di Erika una nota di contentezza. Non so il perché ma attribuii la gioia della nonna al fatto che avrebbe rivisto mia madre e che per la durata della sua permanenza dovevo stare lontana dal letto di Erika. Mi stiracchiai e dopo circa trenta minuti diedi il cambio a mia nonna nel bagno. Feci una calda doccia, mi asciugai, mi guardai allo specchio. La pancia stava già mostrando i segni della gravidanza. L’accarezzai. Guardai le mie tette; anche loro stavano incominciando ad ingrossarsi. Sorrisi. Dopo essermi vestita con abiti adatti al mio stato andai in cucina dove trovai Erika, ancora avvolta dall’accappatoio e con una mammella che trasbordava dall’apertura, che mi invitò a fare colazione. Con uno sguardo carico di desiderio le dissi:

“Nonna, posso bere il latte direttamente dal tuo seno?”

“Sei proprio una insaziabile porcellina. Non ti è bastato succhiarmi le tette per una intera notte; eppoi sai bene che non ho latte da darti. Su muoviti che è tardi, devi aiutarmi a preparare il pranzo. Tuo padre e tua madre saranno affamati quando verranno. A proposito, sappi che tua madre non sa che tu sei nuovamente incinta. Non le ho detto niente.”

Dio. Come farò a spiegarle che si è trattato di un altro incidente di percorso. Vedremo. Qualcosa mi verrà in mente. Puntuali come un orologio i miei genitori si presentarono. I primi abbracci furono tutti per mia nonna che salutò mia madre con un bacio sulla bocca. In quel momento le odiai. Poi Erika si girò verso mio padre che salutò allo stesso modo. Il bacio durò un pochino di più di quello dato a mia madre. Un movimento della mano di mia nonna attirò la mia attenzione. Vidi la mano scivolare fra i loro corpi andando a poggiarsi sulla patta dei pantaloni di babbo che non fu affatto sorpreso di quel gesto. Ne restai sconcertata. Un cattivo pensiero si insinuò nella mia mente. Lo scacciai. Fu il mio turno di salutarli. Prima abbracciai mio padre e poi mia madre che mi strinse a se.

“La maternità ti ha giovata. Sei diventata più bella. Tua nonna mi ha detto che sei anche diventata un’esperta conoscitrice nel campo dell’agricoltura e che i tuoi studi universitari vanno a gonfie vele. Questo mi fa supporre che hai deciso di restare qui. Anche se so che non è l’unico motivo a trattenerti in questa casa. Il bambino dov’è? Voglio vederlo. Accompagnami da lui.”

Sentii la voce di Erika.

“Andate pure. Tuo padre resterà ad aiutarmi in cucina e poi ad imbandire la tavola.”

La guardai. Sul suo viso fece la comparsa uno strano sorriso ed i suoi occhi luccicavano. Il cattivo pensiero riapparve. Sentii mamma prendermi per mano. Ci avviammo verso la stanza dei giochi dove trovammo Brian occupato a cercare di costruire chissà cosa con i mattoncini della lego. Mamma lo abbracciò e lo riempi di baci.

“Dio, come è cresciuto. Sta venendo su proprio un bel pargoletto. Sono sicura che quando sarà grande le donne impazziranno. Se lo contenderanno. Dorme ancora insieme a te? Oramai ha sei anni. Va già a scuola. Quando ti decidi ad abituarlo a dormire da solo.”

“Anche se vorrei continuare a tenerlo a dormire nel mio letto dovrò per forza abituarlo a dormire da solo. Fra non molto il suo posto sarà occupato.”

Louise (così si chiama mia madre) mi guardò, si avvicinò, mi prese le mani nelle sue.

“Raccontami. Hai trovato un uomo?”

“Andiamo nella mia camera.”

Una volta entrate la feci sedere sul letto mentre io restai in piedi.

“Prima hai detto che sai cosa mi trattiene in questa casa; a cosa ti riferivi?”

Mamma mi invitò a sedermi vicino a lei. Cosa che feci. Fissò i suoi occhi nei miei.

“Erika mi ha detto di quello che c’è fra voi due; mi ha anche detto che tu sai che di tanto in tanto anch’io mi diletto a giocare con lei. Da quando sei entrata nella sua orbita i miei incontri con lei si sono diradati. Quando abbiamo desiderio di fare all’amore ci diamo appuntamento in alberghi sempre diversi. Sembriamo due puttane che incontrano di nascosto i loro amanti. So che ho un rapporto lesbico-inestuoso con mia madre, ma non posso farci niente. L’amo. Spero che tu non me ne voglia. Sono anche gelosa di te. Erika mi ha detto che quando siete insieme diventi un uragano. Mi ha anche detto che riesci a farla svenire. Io non ci sono mai riuscita. L’ami?”

“Mamma, fin dalla prima volta con tua madre ho saputo della relazione che hai con lei. Mi dispiace che, per incontrarvi, abbiate dovuto farlo di nascosto. Ora che ci siamo confessate il nostro amore per Erika non devi più ricorrere ad incontrarla in albergo. Quando vuoi fare sesso con tua madre puoi benissimo venire a trovarla a casa sua.”

Louise si precipitò ad abbracciarmi.

“Grazie, bambina mia. Mi rendi felice. Chiedimi qualsiasi cosa e te la darò”

La fissai negli occhi e senza distogliere lo sguardo le dissi:

“Louise voglio che tu mi ami come ami tua madre. Mamma voglio che tu mi scopi.”

Mia madre spalancò gli occhi.

“Vuoi fare sesso con me? Oh, dio. Mia figlia vuole essere la mia amante. Non so perché, ma questo tuo desiderio non mi sorprende. Ho sempre desiderato averti nel mio letto ed ora eccoti qui pronta a donarti. Non ho mai osato sedurti per paura di traumatizzarti. Iole, bambina mia, vieni fra le mie braccia. Baciami.”

Mi lanciai su di lei facendola stendere sul letto. Rovesciai la mia testa sulla sua ed incollai le mie labbra sulle sue che erano già pronte a ricevere la mia lingua che, guizzando, entrò nella sua bocca. Ci baciammo con furia. Succhiavo la sua lingua come fosse un capezzolo ed altrettanto fece lei con la mia. Sentii la mia micina miagolare.

“Mamma …”

Volevo parlarle della mia nuova gravidanza. Non mi permise di parlare. Si staccò da me, si alzò  e si sistemo il vestito.

“Ora non è il momento; tuo padre e tua nonna ci aspettano. Resisti ancora qualche giorno. So che tuo padre deve andare per due giorni in azienda. Appena sarà partito raggiungimi in camera.”

Ma perché le donne più vecchie devono avere sempre ragione. Uscimmo dalla mia camera e raggiungemmo gli altri due in cucina. Erika prima guardò sua figlia che le fece un cenno con gli occhi, e poi guardò me; il suo viso si illuminò; si avvicinò e mi parlò con voce bassa.

“A quando vedo vi siete parlate. Ti piace la mammina? A quando il vostro primo incontro?”

Le risposi quasi bisbigliando

“Nonna, non ti si può nascondere niente. Vorrei avere la tua capacità d’intuizione. Darei delle risposte ad un pensiero che mi frulla nel cervello da qualche giorno (mentii). Si mamma mi piace. Ardo dal desiderio di tuffarmi sul suo corpo. La nostra prima volta sarà a giorni.”

“Le hai detto di essere incinta?”

“Non me ne ha dato il tempo.”

Pranzammo dopodiché andammo nel salone. Io mi sedetti sul divano con Louise. Nonna stava seduta vicino al tavolo insieme a mio padre e confabulavano. Decisi che era il momento di informare mia madre.

“Mamma, prima mi hai chiesto se avevo trovato un uomo che mi aiutasse a riscaldare il letto. No, non l’ho trovato. Però a breve ci sarà un nuovo piccolo essere che occuperà, nel mio letto, lo spazio che Brian lascerà libero. Mamma … sono incinta, aspetto un bambino.”

Louise sembrò non essere sorpresa dalla notizia.

“Sapevo che prima o poi ne avresti combinata un’altra delle tue. La nonna ne è a conoscenza? L’uomo che ti ha fecondata spero voglia assumersi le sue responsabilità?”

“Nonna sa e conosce anche l’uomo che mi ha ingravidata. Era il suo amante. Dico era perché la nonna lo ha mandato via. A me non importa. Non lo amavo. Cosi come è stato per Brian sarà per la nuova vita che sta crescendo nel mio ventre. Erika mi ha già fatto sapere che mi aiuterà.”

“Non lo amavi? Allora per quale ragione ti sei fatta montare?”

Le raccontai della scena della monta della vacca, dell’eccitazione che mi prese e di come ho subito l’assalto senza ribellarmi. In seguito mi sono fatta cavalcare ogni qualvolta ne sentivo il desiderio.

“Vuoi dire che lo hai usato? Come può una donna farsi chiavare da un uomo senza amarlo? Solo le puttane arrivano a tanto. Figlia mia sei diventata una lussuriosa. Hai detto che è stato l’amante di tua nonna. Sappi che Erika è della tua stessa pasta. Lei quell’uomo non lo ha mai amato. Lo portava a letto per calmare i suoi bollori. Il vero amante di tua nonna è uno che conosco molto bene. Mi auguro che tua nonna un giorno ti dirà chi è il suo amante.”

Di nuovo il cattivo pensiero fece capolino nella mia mente. Guardai Erika e poi mio padre. No, non può essere. Decidemmo di fare un escursione alle stalle dove la nonna fece preparare quattro cavalli che montammo e via per i campi. Loro tre si lanciarono al galoppo mentre io, tenuto conto del mio stato, feci assumere al cavallo un’andatura lenta, da passeggio. All’imbrunire tornammo indietro. Cenammo e poi ognuno nella propria stanza. Arrivai nella mia camera dove trovai la governante che aveva già messo il pigiama a Brian. La ringraziai per la premura. Dopo avere dato il bacio della buonanotte a mio figlio usci dalla stanza. Guidai Brian ad entrare nel letto. Accesi il televisore e lo sintonizzai su un programma di cartoni animati che piacevano molto a mio figlio. Lo lasciai ed andai in bagno dove feci una doccia con acqua bollente. Dopo essermi asciugata indossai una larga camicia da notte e mi infilai nel letto. Brian già dormiva. Il sonno tardava a venire. Nemmeno un noioso film riuscì a farmi addormentare. La mia mente corse a mia nonna. Era l’unica che sapeva cosa fare per conciliarmi il sonno. Ma la presenza dei miei genitori frenarono la mia voglia di andare ad infilarmi nel letto di Erika. Era notte fonda quando in preda a nervosismo mi alzai per andare in cucina a prepararmi una tisana. La casa era nel buio più completo. Solo una debole luce filtrava dalla stanza dei miei genitori. Mi incamminai in quella direzione. Più mi avvicinavo, più sentivo dei mugolii provenire dall’interno della stanza. Sorrisi. I miei genitori si stavano facendo una lunga galoppata. Beati loro. Giunsi davanti alla porta. Vidi che non era chiusa del tutto. La curiosità fu forte. Decisi di lanciare una sbirciatina. Accostai il viso all’apertura e … Uno spettacolo sconvolgente si presentò ai miei occhi. Un uomo nudo era in piedi al centro della stanza; davanti a lui c’erano due donne, anch’esse nude, inginocchiate che si contendevano a colpi di lingua un grosso e robusto cazzo. Quell’uomo era mio padre e le donne che gli leccavano il cazzo una era mia madre e l’altra era mia nonna. Babbo aveva le mani poggiate sulla loro testa e ne guidava i movimenti. Il cattivo pensiero diventò realtà. Il vero amante di Erika aveva un viso ed un corpo: era mio padre e mamma ne era a conoscenza. Intanto la scena era cambiata. Mia madre si era spostata dietro mio padre e aveva il viso affondato fra le natiche di babbo mentre la nonna si era impossessata del nerboruto fallo del genero e lo aveva imboccato dando inizio ad favoloso pompino. La mia mente partì. Il mio corpo fu pervaso da migliaia di punture di spilli. I battiti del cuore aumentarono. Il sangue affluiva veloce al cervello. Infilai una mano nell’apertura della camicia e con le dita artigliai un mio capezzolo. Incominciai a torturarlo. L’altra mano era scivolata fra le mie gambe e due dita si erano intrufolate fra le grandi labbra ed erano entrate nell’orifizio vaginale. Iniziai a stantuffarle nella mia infiammata figa. Mi chiavavo con le mie dita. Riportai lo sguardo nella stanza. Lo scenario era nuovamente cambiato. Mio padre era steso sul letto e mia nonna lo stava cavalcando dandogli la schiena in visione. Le mani di babbo erano ancorate ai grossi globi di Erika che mettendosi a smorza candela aveva fatto sparire il cazzo del suo amante nel suo ventre. Louise, intanto, si era messa carponi davanti alla madre ed aveva fiondato la testa sulla vagina di Erika. Vedevo la lingua di mia madre vibrare veloce sul clitoride di mia nonna che si dimenava come una forsennata sul cazzo di mio padre. Le sue mammelle sobbalzavano ad ogni fendente che mio padre le affibbiava nella orrida vagina. Ancora una volta la scena cambiò. Mamma abbandonò la figa di sua madre ed andò a posizionarsi dietro la schiena di Erika. La circondò con le braccia e le artigliò le tette. Intanto aveva posizionato il suo bacino sulla testa del marito che incominciò a leccarle la figa non trascurando di succhiarle il clitoride. La stanza ormai era piena di afrore di sesso. Dalla gola delle due assatanate uscivano suoni indecifrabili che si unirono ai miei. Avevo già raggiunto due orgasmi quando, all’unisono, le due maliarde lanciarono un acuto che riempi la stanza. Stavano godendo. Sentii il caratteristico suono che la lingua di mio padre stava facendo mentre lappava gli umori che tramaciavano dalla figa della moglie e vidi uscire dalla figa di Erika lo sperma che il cazzo di mio padre aveva depositato nel ventre di sua suocera. Scappai in camera e andai in bagno dove, seduta sul bidè, mi masturbai ancora una volta rivedendo tutte le scene che mia nonna ed i miei genitori mi avevano offerto. Non ci fu tisana migliore. Dopo essermi lavata la figa tornai a letto, abbracciai Brian e mi addormentai.                           

Continua          

P.S. Racconto fantasia. Ogni riferimento a persone viventi o decedute è puramente casuale.




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Confessioni

Il benzinaio
La padrona di casa
quel giorno che ero arrapata
da sola in casa
un super pompino a mio cognato
Prima Volta
mia suocera

Ultimi racconti nella categoria Confessioni



vacanze estive, erotiche...eccezionali!!
sadico della domenica 2
ome sono diventata quella che sono terza parte
come ho capito chosa sono prima parte
come sono diventata quello che sono ( seconda parte)
L'amico fraterno
scopata ricattatoria


    Racconto a Caso
Autore : spaccone
Scambio di coppie, all'oscuro di Annamarta e Raffaella!

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6038

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni