Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 05-07-2008 | Autore : Lucaxxx
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 95643 | Votazione :


  
Lucaxxx
sole...........

Salve a tutti mi chiamo Luca e ho 20 anni, vi voglio raccontare della mia esperienza avuta sabato 3 febbraio.
Fui invitato dai miei zii nella loro casa in montagna per passare un week-and sugli sci.
Fino a quel giorno io non ho mi avuto un'esperienza sessuale, sono andato avanti a suon di seghe, pensando a donne immaginarie, vicine di casa e amiche di mia madre (ho un debole per le donne mature).
Mi sveglio la mattina per andare a fare colazione e vedo mio zio, che doveva portarmi a sciare, che stava andando via dicendomi che aveva una urgenza in negozio.
Quindi mi ritrovai con mia zia e i miei cuginetti e addio alla giornata sugli sci.
I miei cugini furono invitati a una festa dai suoi amici per l'intera giornata.
Mentre parlavo del più e del meno con la zia attorno ad un tavolo lei mi chiese:
-Hai la fidanzata?-
-No!- Risposi un po' imbarazzato in quanto su quel discorso sono molto timido-
-Hai mai fatto sesso?-Mi chiese
In quel momento volevo sprofondare sotto terra.
Sono diventato di tutti i colori, e non sapevo cosa dire e dove guardare.
Guardo la faccia di mia zia la quale mi fissava con un'espressione maliziosa; aveva capito benissimo, senza che io dicessi nulla, che non avevo mai fatto sesso.
Prendendomi per mano e alzandomi dalla sedia mi dice:
- C'è sempre una prima volta. - e mi fa sedere sul divano.
Al suono di quelle parole mi prese il panico.
Mia zia fino a quel momento non mi aveva mai attratto sessualmente, nonostante sia una bella donna di 43 anni bionda con le curve al punto giusto.
-Rilassati, vedrai che scopare è eccezionale, è del tutto naturale.-disse
I mio pene incominciava a diventare duro e mi stava facendo male.
Intanto mia zia incomincia a spogliarsi, incominciando dal maglione, poi i pantaloni e rimanendo in reggiseno, perizoma e calze autoreggenti.
In quel momento ero agitatissimo, non riuscivo a controllarmi.
Mia zia si avvicina a me dicendo:
-Adesso tocca a te! Ma dato che per te è la prima volta, penserò tutto io, dovrai fare niente, dovrai solamente godere-
Incomincia sfilandomi la maglia, mi sbottona la camicia, mi toglie le scarpe, i calzini comincia a slacciarmi i pantaloni; incominciavo a tremare dall'eccitazione.
- Calmati! Calmati! Tesoro sei tesissimo!-disse
Fino a quel momento non avevo detto niente, pensavo a tutte le seghe che mi ero fatto e pensavo che stavo per fare sesso.
Mi sfila i pantaloni, lasciandomi nudo con le mutande, e incomincia a baciarmi e leccarmi il petto.
- E' il mio sogno nel cassetto insegnare a scopare ad un ragazzo più giovane, se poi insegno a mio nipote….!-disse
Si volta dandomi le spalle si slaccia il reggiseno, si gira e dice:
-Queste sono le tette!Ti piacciono-
Annuii, si avvicina a me e dice:
-Toccale e senti come sono belle!
-Sono eccezionali le vorrei baciare!-dissi
-Baciale pure sono tutte tue!disse
Nell'offrirmi le tette porta la mano sul pene, mi guarda negli occhi e dice:
-Come hai fatto a non scopare con un uccello del genere!-
E mi sfila repentinamente le mutande rimanendo completamente nudo. Si alza ammirandomi l'uccello e dicendo:
-Per un uccello del genere perdo la testa!-
Avevo il cuore in gola.
-Adesso ti faccio un bel pompino, mi raccomando quando stai per venire dimmelo che non vorrei mai che sborrassi solo per un pompino-mi disse
-va bene-risposi
E incomincia un pompino, inizia leccandomelo dalla base alla cappella, ripetutamente, sempre guardandomi negli occhi, fino a quando ad un certo punto me lo prende quasi tutto in bocca. Dopo un paio di minuti di su e giù s stacca e mi dice:
-Cosa ne dici!-
- E' fantastico, solo se avessi saputo che era così bello….!-dissi
- E siamo solo all'inizio, alzati che andiamo in camera da letto!-disse
Arrivati in camera da letto, mi fa stendere sul letto con l'uccello sempre in tiro, lei era rimasta con il perizoma e le calze autoreggenti.
-Ho voglia di mangiarlo ancora un po' quel bel uccello, mi raccomando non venire che siamo solo agli inizzi-disse
-Ok-risposi
Si stacca dall'uccello si alza dal letto e si sfila le mutande dicendomi:
-adesso viene il bello-
-Oooh mamma!-sono state le mie uniche mie parole.
-Questa è la fica! E' qua che dovrai mettere il tuo uccello-disse
Non dissi nulla, si porta a fianco del letto, mi prese la mano e se la strofinò sulla fica
-E' bella!-dissi
Si mise a cavalcioni su di me portando la fica sulla faccia e dicendo:
-Adesso tu me la dovresti leccare, soprattutto qua, questo e il clitoride!
Incominciai a leccargliela come se fosse un gelato, mentre lei incominciava ad emettere dei mugolii.
Dopo cinque minuti si alza dal letto, apre un cassetto e tira fuori una scatola di preservativi dicendomi:
-Sei ancora inesperto non vorrei mai che mi venissi dentro, perché non prendo nessuna pillola.-
-non so come si mette un preservativo-dissi
-non ti preoccupare ti ho detto che ci penso io!-
Mi infila il preservativo, non capivo più nulla stavo per impazzire, si metta a cavalcioni su di me tenendosi sollevata.
-Sei pronto?-disse
-Si-risposi
Impugna l'uccello lo tira su, lo porta all'entrata della fica e molto delicatamente si lascia andare. Rimase ferma per una decina di secondi dicendomi:
-E' favoloso!-
-stupendo- risposi
Incominciò a muoversi molto lentamente, mi prese le mani e se le porto sulle tette dicendomi di strizzargli i capezzoli. Ad un certo punto aumentò il ritmo e incominciò a emettere dei mugolii
-Stupendo! Stupendo! E' enorme più di quello di tuo zio!-disse
Il ritmo aumento vertiginosamente, le tette di mia zia andavano su e giù sembrava un film porno.
-Zia sto per venire!-dissi
Non dicendo niente, ma guardandomi in faccia e sorridendo lei continuava a saltare sul mio uccello
-Vengo zia! Vengooo ziiiaaa!- urlai
-Amore mio questo è il sesso!-rispose con il fiatone, ma senza fermarsi.
Dopo cinque minuti si tolse il mio uccello da dentro si alzò e mi disse:
-Allora ti è piaciuto?-
-Da matti!-risposi
-Anche se sei ancora alle prime armi, e quindi ancora tanto dia imparare, ti sei comportato abbastanza bene, mi è piaciuto anche a me!-
Se ne andò dalla stanza e mi addormentai

Dopo un quarto d'ora mia zia mi sveglia con un bacia dicendomi che era pronto il pranzo, andai di là dove si mangiava e mia zia era seduta a tavola con addosso una vestaglia che arrivava a metà coscia e semi-aperta sul davanti.
Mentre mangiavamo parlavamo della scopata che abbiamo fatto, il fatto che mia zia mi disse:
-non ti montare la testa perché hai visto un quarto di quello che si può fare, non abbiamo fatto neanche un 69, abbiamo scopato in una sola posizione, e non hai scopato il culo.-
A quelle parole mi è venuto di nuovo duro, speravo che continuasse nella lezione del sesso, invece si alza per andare a lavare i piatti.
Mentre lavava i piatti, i stavo sparecchiando la tavola, quando notai che lei non portava le mutande, e dato che avevo voglia, gli arrivai da dietro e feci sentire in mio uccello sul culo.
In un primo momento lei si fermò, ma poi riprese a lavare i piatti dicendo:
-Tanto non hai il fegato di farlo-
In effetti non aveva tutti i torti speravo che continuasse lei, e così mi staccai da lei e continuai a sparecchiare la tavola. Preso dall' orgoglio pensai che era giunto il momento di di piantarglielo, gli andai dietro, tirai su la vestaglia per scoprirgli il culo, mi tirai giù i pantaloni e cercai di piantarglielo, ma non riuscivo a trovare il buco.
Lei in un primo momento si mise a ridere, ma dopo si piegò di più, impugnò l'uccello e mi disse:
-Spingi ora tesoro-
Io spinsi ed in quel momento mi sembrava di toccare il celo con un dito, perché sentivo il calore e l'umido della fica.
-Bravo!! Così, così, su dai spingi piccolo mio spingi!-disse
Diedi un paio di pompate e poi si stacco, mi prese per un braccio e andammo in camera da letto, dove si sdraia apre le gambe facendomi vedere completamente la fica.
-Adesso tocca a te farmi godere, ricordati che la calma è la virtù dei forti, incomincia leccandomi le tette, per poi andare a leccarmi la fica!-
Incomincia a perdermi in mezzo ai seni, man mano che il tempo passava sempre con più foga.
-piano tesoro, tanto non scappano!-
Mi staccai dalle tette, per dedicarmi alla fica. Dopo poco che leccavo mi disse:
-E..bravo il mio nipotino fa godere la zia! Siiii…dai…bravi siiiii!-
Ad un certo punto incomincia a rilasciare i suoi umori
-Sto godendo come una troia bravo!-
Mi stavo asaltando un sacco volevo che godesse di più fino a quando ad un certo punto mi dice:
-Sbattimelo dentro! dai tutto che non resistooooo!-
Sollevai lo sguardo, non vedevo l'ora di sentimelo dire, mi alzai, indirizzai la punta del cazzo all'entrata e…..
-Siiiiiii! Bravo siiiii-disse
-Sei stupenda-dissi
Dopo un po' mi disse:
-lo voglio nel culo-
Mi staccai, lei si mise a pecorina e mi dice:
-sputati prima sulla cappella,così entra meglio e sento meno male, ma non spingerlo tutto dentro subito entra poco alla volta-
Così feci,portai la punta del cazzo leggermente dentro, poi un po' di più, fino a quando sentii:
- ora tuttoooo!-
E lo piantai completamente. All'interno era leggermente diverso rispetto alla fica, era meno umida, ma molto più stretta, era altrettanto fantastico. Incominciai a pompare con più foga.
-sono la tua troia sbattimi più forte! Spaccami! Sei grande-disse
-Ti piace e…puttana! sei una lurida puttana!-dissi
-siii una puttana! La tua puttana!-disse
Pompai fino a quando:
-quando vieni mi devi venire in faccia, così sarò la tua troia per davvero-disse
Mi staccai da lei me lo prese in mano, mi spara un bel segone e dopo cinque secondi:
-vengooooo troooiiiiiaaa!-dissi
-siii dai in faccia! E bellissimo vedere partire gli schizzi esentirli arrivare in faccia!-disse
Stanchi morti ci accasciammo nel netto. Ci facemmo la doccia, rivestiti e un po' prima che arrivasse mio zio dal lavoro mia zia mi disse:
-Ogni volta che vorrai scoparmi hai solo da telefonarmi a questo numero!-
Da quel giorno scopiamo quasi tutti i giorni.




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



L'amica bellissima di mia madre
La mia ragazza mi presenta mia moglie
Mia suocera la perfezione
Grazie alla mia titolare mi sono fatto un harem 1continuazione
Grazie alla mia titolare mi sono fatto un harem 2
Grazie alla mia titolare mi sono fatto un harem
Matrigna bollente


    Racconto a Caso
Autore : jvanhoe
Erano ormai passati 3 mesi dall'ultima volta che ho visto Luca

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1373
» Totale Autori
2170

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni