Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 01-11-2011 | Autore : ziel80
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 14381 | Votazione :


  
ziel80

Mi fa male parte 6


Era passata circa un'ora, nel mentre mi ero dato una rinfrescata e fatto colazione.

Sentivo mia madre girare per casa dal mio letto, mi ero disteso per rilassarmi un poco,ma la mattinata era appena gli inizi. Prima del ritorno di mio padre dovevano passare almeno 5 ore. Un margine di tempo sufficiente per dare sfogo alle mie fantasie.


Indossavo un paio di pantaloncini senza mutande sotto, come ormai sapevo che faceva anche lei... sotto la gonnella e i collant non le indossava. Si vedeva benissimo che non le portavo mentre anch'io giravo per casa con il cazzo mezzo in tiro.
Lo aveva notato, ma faceva finta di  niente e cercava di concentrarsi sul le faccende mattutine, fin quando mi piazzai in cucina, sul divano in una posa po' oscena. Seduto a gambe leggermente divaricate, mi ero tirato su un po' i pantaloncini, in modo che dall'orlo lungo la gamba si intravedesse la punta della cappella e nel  lo massaggiavo da sopra il tessuto con il palmo della mano; diventava sempre più grosso.

Sbottò: "Smettila!" mi guado diritto negli occhi con uno sguardo arcigno e usci dalla cucina.
Neanche un'ora fa le avevo sburrato in faccia, un semplice smettila non sarebbe bastato, ma lei voleva recitare la parte della madre severa e risoluta... impossibile oramai.
Io non la gurado in faccia ma le fisso il culo mentre se ne va e lei lo nota. Mi alzo e ritorno in camera mia.

Avevo di nuovo voglia di sburrare, ma la situazione era diversa rispetto al passato. Non dovevo più chiudere la porta a chiave per paura di essere beccato...
Lascio la porta aperta e accendo il computer.
Mi metto a cercare nella mia collezione un file adatto. Trovo uno dei miei preferiti. Una donna matura e sovrappeso che si fa sfondare il culo... nel video ansima e  geme  con una troia.Perfetto.
Accendo le casse e faccio partire il video.

In genere, ovviamente, uso le cuffie, solo quelle rare volte che ero in casa da solo potevo aprire le casse acustiche... un sistema 5.1 canali. Ora potevo farlo lo stesso anzi alzo per bene il volume... si sentiva nettamente. Mi metto di lato con la sedia rispetto alla scrivania, così da guardare sia il monitor che avere di fronte a me la porta. Esco il cazzo e inizio a menarlo.

Via via che il filmato procede per la casa iniziano a sentirsi i gemiti e le frasi oscene del film,non tardo molto che mia madre si fece viva davanti la porta. Aveva lo sguardo sbigottito... il mio cazzo si era bello irrigidito e me lo sbattevo di fronte a lei.

"Sei un maniaco, chiudi almeno la porta!!"
Nel mentre mi guradava in faccia,ma i suoi occhi cadderò rapidamente sul mio cazzo, non persi tempo a metterlo meglio in mostra arcuandomi sulla sedia e scappellandolo per bene. Si sono un maniaco.

Stava per predere la maniglia della porta per chiuderla ma io,lesto come una faina, alzo di più il volume del video. Ora era oscenamente alto! Fin troppo.

Mi gurado con uno sguardo impaurito: "abbassa cretino che i vicini lo sentono sicuramente"
Io la guardavo negli occhi e facendo di no col la testa contuniavo a sbattermi il cazzo con più  foga di prima.

Si mosse rapidamente e venne direttamente lei ad abbassare il volume... perfetto!!

Diede uno sguardo al video e con le mani giro la manopola del volume... stava per andarsene, ma io l'afferro per un polso e lo tiro finchè la sua mano non tocca il mio cazzo ormai bello che duro.

"CHE FAI!!" Mi guardo accigliata e preoccupata.
"ora ti sburro di nuovo troia".
"Cosa? noo, lasciami" Cercando di fare leva con il peso del suo corpo cerco di liberarsi con due stattoni, ma non ci riusci.

Afferro con due mani il suo braccio e la tiro con forza verso di me.
"mi fai malee" era in piedi di fronte a me e mi diede un schiaffo in faccia. Non troppo forte in effetti.
Ci osservammo per pochi istanti negli occhi, era diventata rossa in volto. Scivolai dalla sedia e mi misi in ginocchio ai suoi piedi. Mi osservo non capendo cosa stavo facendo.
L'afferrai per le ginocchia e la strinsi forte con entrame le braccia.
"lasciami andare,lasciamii!" mi batteva con le mani sulla schiana nel mentre, ma nn  se ne parlave nenache di lasciarla.
Mi stavo risollevando  tenendola sempre stretta con le braccia che capi cosa volevo fare... ora invece di piacchiarmi sulla schiena cercava di spingermi giù premendo sulle mie spalle.


Oh era mia orami... mi risollevo e mi tiro dietro tutta la gonna. Le mie mani scivolano sulle sue coscie e  sento il suo culo pastosi sulle mie braccia. Aveva tutta la gonna sollevata e cercava di spingermi via con le mani.
"oddio lasciamii, ti pregoo lasciami" Sambrava che implorava prima di lasicarsi andare anche lei alle sua perversione.
"che culo!!" le mie mani si erano posizionate dietro e stavano rovistando prima su tutta la superficie , ma dopo sempre più in dentro, sempre di più, più in fondo. Ancora non si era messa le mutandine...
" sei una troia dillo!....dillo! non ti sei messa le mutande"
Asimava e si dimenava cercando di liberarsi dalla mia presa mentre il mio cazzo, ormai un palo fatto per bucare, le premeva sulla pancia.
Non disse niente ma cercava ancora di leberasi ma con meno foga... lasciai un po' la presa permettendosi di liberasi.
Mi guardò in faccia, come quasi a dire perchè. Si gira e fa per andarsene.
Lì la riprendo per i fianchi e me la tiro su di me, dandogli una bella botta con il mio cazzo sul culo.
Un genito... il film o lei? Era più che rossa in faccia. Con un braccio le circondo la vita mentre con l'altra rovisto sotto.
Con il palmo della mano l'afferro tutta, proprio in mezzo alle coscie. Calda, caldissiama e... bagnata.
"nooo  mauro noo, lasciami ti prego uhm" un'ultima supplica, tentativo blando, non si agitava quasi più, anzi muoveva solo il fondo schiena con le gambe leggermente piegate.
L'afferro di nuovo per i fianchi e mi siedo sulla sedia. L'obbligo a sedersi su di me, quasi ormai nn si oppone più.
Con un braccio le circondo il petto e le stringo una tettona, anche da sotto il reggiseno sentivo il capezzolo duro. L'obbligo a sdraiarsi su di me, mentre con l'altra mano completo l'opera spostando il cazzo preciso in mezzo alle coscie.
Sento la sua fica su mio cazzo , anche se attraverso i collant.  Lei si irrigigisce e strige le gambe, non dice più niente, il mio cazzo duro come la pietra la cingieva completamente.
Tenedola stretta a me, inizio  quasi istintivamente a contrarre le natiche e a muovere in modo frenetico il bacino. Il mio cazzo la frizionava tutta, si muoveva su e giu con ritmo diabolico e violento lungo tutta la sua fica, la cappella si riproponeva come un bozzo da sotto la sua gonnella. Ormai eravamo completamente eccitati.
"Mauro mauro  oddiooo" era praticamente distesa su di me, l'unico appiglio, oltre al mio braccio che le afferava una tetta,era il mio cazzo che le sgusciava tra le coscie. Era in preda ad una eccitazione completa, posa il palmo della mano sulla sua fica e viene ritmicamente urtata dalla mia cappela.
Orami anche lei si muove come posseduta da movimenti involontari. Siamo un un mugolio di respiri trattenuti in preda al raggiungimento di un profondo orgasmo.
Mia madre con la mano solleva la gonna e mi sfiora ritmicamente la cappella con le dita della mano...
"Maaaa...." non riusci ad aggiugere altro... la tenni stretta per i fianchi e giù... e iniziai sbatterla con violenza, Colpi vigorosi e potenti, l'avrei voluto sfondare la puttana.  Lei intanto si era messa masturbarsi  con vigore e forza la figa , il clitoride.

Mi incarcai completamente al limite della resistenza e il cazzo emergeva dalle sue coscie.
"TOCCALOOO"
Mentre ancora si frizionava con le dita di una mano, con l'atra mi afferra e scappella con forza e fino in fondo il cazzo, quasi facendomi male.La mano di mia madre che cercava di tenerlo, era un tocco unico, le sue dita che me lo tenevano stretto e la su a fica calda che stava pre straripare.
Il cazzo iniziò a pulsare e ponpare sburra in aria mentre  me lo teneva e lo fissava con gli occhi sbarrati e la bocca aperta.
"si..si vieni  vieni , sborrami tutta.. AH" Uno schizzo  la colpi sotto l'occhio.
Orami in completa estasi, continuavo a muovere il cazzo su e giu in mezzo alle sue coscie, orami più che lubrificate grazie anche il mio burro che le colva sulla fica.
ANche mia madre era orami al culmine... le lascio la tetta e faccio scivolare entrambe le mani lungo gli inguini mentre lei si toccava ancora con una foga irrefrenabile.
La vedo reclinare la tesra e stringere gli occhi in una espressione di profondo godimento, ormai il suo corpo si muoveva per conto suo,  oscillando come se stesse prndendo dentro un cazzo.
Le do il tocco finale... scivolo con le mani un po' pià in fondo e inizio a strattonare anch'io quella fica.
"oddioo.. oddioooo maurooo... ahhh   aaaaaaaaah"


Fine parte 6, scritta ma non letta.



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



la casa dell'amore 4
la casa dell'amore 3
la casa dell'amore 2
Da anni sono la donna la donna di tuo fratello
Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2


    Racconto a Caso
Autore : givon
Ecco come all'età di 37 anni mi trovai a rivedere un film di Cicciolina con una troiona, due puttanelle e tre ingenui ragazzi.

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni