Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 31-08-2011 | Autore : alberto9452
Categoria : Prima Volta | Totale Visualizzazioni : 7407 | Votazione :


  
alberto9452
cuckold e bsx di natura

Come ho già avuto occasione di dire tra me e mia moglie ci sono circa 20 anni di differenza e questo da una parte gioca a mio favore perché lei subisce il fascino dell'uomo maturo e forse per questo si e innamorata di me a prima vista... durante una crociera.

Lei pur non essendo allora di mentalità aperta forse per via delle scuole religiose che aveva frequentato, fini nella mia cabina la seconda sera ma grazie alla mia esperienza riuscii a resistere e mi limitai a baciarla e a corteggiarla ma non  feci tentativi di fare  immediatamente sexo con lei e questo giocò a mio vantaggio anche perché il gioco durò per ancora quattro volte sino a che lei mi chiese timidamente se per caso non era di mio gusto? Le risposi che non era per quello ma che pensavo che la grande differenza di età fosse un ostacolo tra noi...e che lei data la sua giovane età poteva avere uomini più adatti alle sue esigenze? Lei sorridendomi rispose che secondo lei sbagliavo perché a differenza di quello che pensavo lei era affascinata dal mio modo calmo e sicuro di fare, e che mai le era capitato sino ad ora di passare 4 sere con un uomo che non tentasse di metterle le mani addosso mentre io invece mi ero comportato da gentleman e questo lo apprezzava moltissimo oltre a che non le era mai successo di stare in una cabina in compagnia di un uomo!

Comunque visto che mi aveva definito un gentleman anche quella sera mi comportai da tale nel senso che oltre a baciarla feci il possibile per soddisfare lei ..... essendo distesi sul letto lentamente risalii con la mano le cosce e baciandola appassionatamente le misi la mano nelle mutande e non potei fare a meno staccandomi da lei e guardandola in viso di esclamare: che meraviglia.... e lei guardandomi a sua volta rispose : cosa....? io scusandomi per le volgarità aggiunsi: alla mia età mi piace parlare chiaro specie se si parla di sesso e devo dirti che è un piacere toccare la tua figa cosi pelosa......posso vederla? Lei mordendosi le labbra rispose: perché ti piace? Si... risposi deciso per me la donna deve essere cosi....non depilata...lei lentamente guardandomi sempre in viso si arrotolo la gonna sino a lasciare l'inguine scoperto mentre io sollevandomi su di un gomito guardavo finalmente la mia mano che sapientemente accarezzava dentro a delle piccole mutande di pizzo bianco il suo pelo nero che le usciva da tutti i lati......leccandomi le labbra le dissi con voce suadente mentre le sfilavo le mutande: e ancora più bella di quello che pensavo......lei appena sfilate le mutande come risposta apri le cosce cosi da mostrarmi perfettamente le grandi labbra e il clitoride  a questo punto non ci fu bisogno di dire parole mi tuffai con la bocca su quella meraviglia e cominciai a leccarla scoprendo con grande piacere che era bagnatissima e che già gemeva di piacere a sentire la mia lingua esplorarla io mi ci dedicai a fondo mentre lei ripeteva come un disco rotto: basta fermati mi fai morire....puoi no crederci ma non ho molta esperienza col sesso......e non riesco a crederci che mi sto lasciando andare con te.....io con voce dolce le dissi: guardami!? E lei ubbidiente sollevando un poco la testa visto che era distesa sul letto mi guardò mentre io vedendo il suo sguardo mostrandole la lingua che la leccava dopo un paio di colpi le dissi: è un piacere farti godere....lo sto facendo? Si rispose lei con entusiasmo e spingendomi con la mano la nuca mi mise il viso sul suo sesso bagnato...... comunque quella sera sapientemente mi limitai a farla godere ma non le proposi di fare sesso....sapevo che avrei ottenuto di più da lei se non mi facevo vedere un assatanato.....ed ebbi ragione due giorni dopo in pieno pomeriggio fu lei a chiedermi di venire nella mia cabina visto che eravamo in navigazione e col brutto tempo......e li finalmente cominciammo a fare sesso... e finimmo con lo sposarci.

Devo dire che aveva detto la verità sulla sua non esperienza di sesso ....... era da plasmare una delle prime cose che le insegnai da sposati era che il sesso e una cosa bella se ci si lascia andare.... di dimenticarsi dei tabù imparati dalla famiglia e dalle suore dove aveva studiato... cosi quando lei volle sapere le mie esperienze prima di conoscerla le risposi che era impossibile ricordarmele tutte ma che col tempo le avrei raccontato tutto senza vergogna.....e poi rivolsi la domanda a lei e tu? Lei abbassando gli occhi  timidamente quasi sotto voce rispose: io non ho avuto molte esperienze come ti ho già detto....meglio risposi io cosi te lo ricorderai facilmente......ma lei aggiunse : e che non lo mai raccontato a nessuno....e io abbracciandola replicai : ma io sono tuo marito e poi devi sapere che mi ecciterebbe sentirti raccontare cosa ti e successo.....non sono mai stato geloso nella mia vita mi basta l'amore e se tu ora mi ami quello conta...!

lei era imbarazzata lo vedevo ma sapevo che dovevo farle superare quel momento perciò aggiunsi: qualsiasi cosa tu abbia fatto la voglio sapere perché per me è un segno d'amore che tu mi racconta nei minimi particolari quello che hai fatto con altri....senza timore.

Lei guardandomi in viso con un espressione di liberazione disse: Si te lo racconto perché e un sacco di tempo che lo tengo dentro di me senza potermi sfogare.......con nessuno.

Io per farla sentire più a suo agio prima che lei iniziasse il suo racconto andai a versare due bicchieri di whisky e ci accomodammo sul divano poi dopo un paio di sorsi lei sospirando disse: promettimi che non lo dirai a nessuno....logicamente la rassicurai e lei tutto in un fiato disse: sono stata vergine sino a 18 anni sino a che o terminato la scuola dalle religiose poi non volendo tornare subito in famiglia per essere un poco più libera andai a vivere invitata a casa di mia cugina che si era da poco sposata e che aveva una stanza libera per il futuro figlio che al momento era inutilizzata ......logicamente mi offersi di darle una mano nel fare le pulizie di casa visto che lavoravano entrambi lei aveva 31 anni e il marito 39, lei era molto affettuosa lui non lo conoscevo ma sembrava simpatico l'unica cosa che mi dava un po fastidio di lui e che mi trattava come una bambina forse per lui lo ero? Dopo un paio di settimane che vivevo con loro incominciammo ad affiatarci e cosi mi capitò che mia cugina mi chiamo in bagno mentre faceva la doccia per prenderle gli asciugamani che aveva dimenticato, nel darglieli la vidi nuda e notai che era depilata  completamente e mi sentii imbarazzata quando mia cugina guardandomi disse: meno male che siamo cugine...perché sei diventata rossa guardandomi? Chi io? Risposi ...no è che fa caldo qua, poi uscii dal bagno velocemente, ma la cosa che più mi imbarazzava era certe notti che per caso mi svegliavo per andare in bagno e nel passare vicino alla loro stanza sentivo perfettamente i rumori che facevano nel letto o le cose che si dicevano e che mai nella mia vita avevo avuto occasione di ascoltare......tipo chiesi io? Lei arrossendo rispose : dai lo sai.....Si risposi io ma voglio sentirtelo dire senza vergogna ricordi? lei deglutendo rispose ok le diceva : dai brava prendilo in bocca...bene dissi io e tu sapevi di cosa parlava? Si e no rispose lei perché sino a quel momento dal vivo avevo visto per sbaglio un giardiniere fare pipi ma niente di più, e poi quello che si può sentire dire in un collegio di femmine...... ma mai visto.

Comunque poco tempo dopo un mattino alzandomi scoprii che c'era ancora qualche d' uno in casa oltre me era la prima volta che succedeva e me ne accorsi perché sentii la doccia nel bagno funzionare e pensando che fosse mia cugina entrai chiamandola e invece mi rispose la voce del marito da sotto la doccia che mi gridò: tua cugina e già andata al lavoro mi faresti un caffè per favore? Si risposi io uscendo immediatamente dal bagno e andai in cucina preparare il caffè dopo un poco lui entro in cucina con un accappatoio addosso e sedendosi al tavolo disse sorridendo : brava bambina e già pronto il caffè ? Si risposi versandoglielo in una tazzina poi uscii dalla cucina e mi recai nella sala per vedere la tv, e pochi attimi dopo lui usci dalla cucina e si andò a sedere sulla poltrona di fronte a me e senza parlare cominciò a guardarmi mettendomi in imbarazzo, poi mentre la tv trasmetteva un servizio sulle discoteche mi chiese improvvisamente : ma tu non vai in disco? Non risposi io sino ad ora non ci sono ancora stata sai a scuola era un tabù parlare di discoteche, e lui mi chiese: e dove ti vedevi col ragazzo? Quale ragazzo chiesi io sorpresa? Non dirmi che non hai il ragazzo? Certo che no confermai io decisa...e lui ridendo aggiunse a dimenticavo che sei ancora una bambina.....da come lo diceva capivo che voleva prendermi in giro e la cosa mi infastidiva e nella mia ingenuità aggiunsi: sembra più una bambina mia cugina....in che senso ? lui replicò.....niente mi affrettai ad aggiungere alzandomi,  scusami che vado a farmi la doccia e mi diressi al bagno entrando mi chiusi la porta dietro di me a chiave.

Finita la doccia uscii dal bagno avvolta dall'accappatoio pensando che lui se ne era andato ma invece era sdraiato sul divano con l'accappatoio semi aperto sul torace fumando una sigaretta mentre al posto della tv suonava della musica soffice lui sorridendo mi disse: finito la doccia? poi aggiunse dai beviamo una coca cola cosi parliamo un poco......io andai in cucina e presi due coca in lattina senza bicchieri e tornai al divano mentre lui risollevandosi si sedette  invitandomi affianco a lui,  io per tutta risposta mi sedetti sulla poltrona in fronte dove stava seduto prima lui ma commisi un errore perché con aria indifferente lui apri le cosce mentre beveva la coca cola cosi che il mio sguardo si focalizzò su quello che vedevo tra le cosce.....su cosa? chiesi io con aria ingenua e lei sorridendo rispose: ma si che hai capito...e io incalzai si ma voglio sentirtelo dire cosi ti abituerai a dire le cose senza vergogna dai dillo.....! uffa sbuffò lei va bene : vidi il cazzo e le palle...e io incazzante aggiunsi: e lo aveva duro ? No disse lei  e lo hai guardato bene aggiunsi io? Lei stette un attimo in silenzio poi rispose : be la curiosità e femmina.....

e poi che successe chiesi io, dai racconta che mi eccita e per dimostrare che era vero mi aprii la cerniera e lo tirai fuori menandomelo un poco .... lei sorridendo disse: sei un porcellone e io aggiunsi dai cosa è successo poi? Lei guardandomi rispese il racconto dicendomi: finito la coca cola si alzo e prendendomi per un braccio mi fece alzare e seguendo la musica disse: visto che non vai in discoteca fai un ballo con me e senza aspettare una mia risposta mi strinse a se e essendo musica lenta mi si appiccicò addosso mettendomi le mani sul culo che cominciò a palpare  baciandomi sul collo poi mi sussurrò nel orecchio : dai  bambina senti come e fatto un uomo....dai toccami il cazzo...io cercando di svincolarmi da lui risposi No dai non fare cosi, ma lui invece insisteva strusciandosi contro di me poi improvvisamente sentii le sue mani che senza che me ne fossi accorta mi avevano alzato l'accappatoio dietro e ora palpava le mie chiappe  aprendole e chiudendole dicendomi: che bel culo bambina poi smettendo di palparle chiese: bambina come sei nuda? Dai levati l'accappatoio disse con voce impetuosa e strappandomelo da dosso lo fece cadere a terra lasciandomi completamente nuda e allibita e scostandosi da me per guardarmi mi disse un sacco di parole.......Cosa ? chiesi io dai voglio sentirtele dire... vedi che mi ecciti dille!! lei tirando il fiato riprese a parlare dicendo mi disse: bambina che figona pelosa che hai non depilata come tua cugina, e che bei tettoni... fattela toccare e mi mise la mano sopra ravanando con le dita tra i peli mentre con la lingua mi leccava i capezzoli.....ti piaceva chiesi io e lei imbarazzata mi rispose si penso di si perché mai nessuno lo aveva fatto e poi? Proseguii io e lei riprendendo il racconto disse: poi sentii che lui stava trafficando col suo accappatoio ma non potevo vedere cosa faceva perché con la testa che mi leccava i capezzoli copriva il tutto ma poi mi sentii  la sua mano prendermi la mia e spingerla verso il basso e la sua voce dirmi: dai bambina prendi in mano il cazzo di un uomo e quando lo sentii contro la mia mano lui si scostò quel tanto che potessi vedere il suo cazzo contro la mia mano e lui che mi ordinò: dai bambina dai prendilo in mano guarda come e grosso...poi orgogliosamente si sposto da me smettendo di toccami e prendendosi il cazzo ormai durissimo con entrambe le mani cominciò a rotearlo come una clava chiedendomi: dimmi bambina lo hai mai preso un cazzone come il mio? Io lo guardai con sorpresa e dissi : mai neanche visto uno cosi sono ancora vergine.....lui rimase sorpreso... poi aggiunse meglio cosi...ora prendilo in mano te...io impacciata perché era la prima volta lo afferrai goffamente con entrambe le mani e cominciai a menarlo sentendolo diventare ancora più gonfio mi venne istintivo guardaglielo mentre lui arrapato guardandomi a sua volta mi diceva: che brava bambina che sei ma ora che me lo hai fatto diventare duro inginocchiati e e fammi vedere come lo prendi in bocca ? mi venne istintivo dirle: allora è questo che ti faceva mia cugina? Lui meravigliato rispose: allora ci spiavi? No replicai o sentito per caso ma non avevo ben capito cosa volessi da lei? Ora lo capito ma non so se mi entra cosi grosso ho la bocca piccola e poi non lo mai fatto.....lui mettendomi la mano dietro la nuca mi spinse il viso verso il suo cazzone dicendomi: apri la bocca e respira col naso e succhialo mentre ti entra in bocca...ormai era a pochi centimetri dalla bocca quando lui disse: prima che te lo infilo lecca la cappella come se fosse un gelato...io timidamente cominciai a leccare la punta per qualche minuto poi lui spingendomi la nuca mi ordino: ora spalanca la bocca che voglio vederlo entrare...appena aprii la bocca lui spingendomi per la nuca mi ficco mezzo cazzo in bocca facendomi quasi vomitare mentre guardandomi diceva eccitato: che bambina meravigliosa sei dai succhialo.....forte ancora di più vedrai che tra un minuto ti sarai abituata e poi i piacerà......io veramente mi sentivo strana a succhiare quella mazza  che entrava e usciva dalla mia bocca sempre piu rapidamente e sempre più profondamente mentre lui guardandomi diceva: che spettacolo vedertelo in bocca dai succhiamelo forte che ti voglio sborra in bocca.... mi fa impazzire a guardarti e pensare che è il primo cazzo della tua vita che succhi.....e che non sarà certamente l’ultimo, impara che il pompino e una delle cose che gli uomini preferiscono che le si faccia.....mmmmm come lo succhi bene...dai più forte si si si cosi che mi fai sborrare...poi improvvisamente aumento il ritmo del dentro e fuori poi gemendo spingendomi la nuca per fare entrare quasi tutto il cazzo nella mia bocca disse con voce libidinosa: si bambina bevilo tutto e mentre mi obbligava a tenermi tutto il suo cazzone in bocca senti degli schizzi caldi nella gola e lui che mi gridava: si ingoia la mia sborra bambina bevila tutta  svuotami le palle che poi ti insegno altri giochetti ma logicamente non ti azzardare di dire a tua cugina cosa facciamo deve essere un segreto nostro.......io che ascoltavo il suo racconto visibilmente eccitato rivolgendomi a mia moglie le chiesi: ma lo aveva cosi grosso? Si rispose lei decisa allora io aggiunsi ma come era? Lei guardando il mio cazzo disse : non offenderti ma molto più del tuo sarà stato un 24cm x 11 ti assicuro che facevo fatica a respirare....mai avrei immaginato che sarei riuscita a prenderglielo in bocca tutto ma alla fine ci riuscii.....io prima che lei potesse riprendere il racconto attirandomela contro le dissi: mi hai eccitato ora fammi godere la tua bocca pure a me...lei sorridendo si abbasso e me lo prese in bocca mentre io eccitato dal racconto le dissi mentre spompinava: sai amore voglio che il nostro matrimonio sia aperto, voglio che tu goda altri cazzi davanti a me voglio che mia moglie senza pudore si faccia leccare da maschi sconosciuti e che mostri la sua figona pelosa a sguardi libidinosi voglio che tu sia troia ma non per soldi ma per amore mio poi ormai esausto sborrandole in bocca le dissi: Sei brava amore mio ora che mi sono svuotato continua il tuo racconto, lei asciugandosi la bocca riprese il racconto dicendomi: ma per quel giorno si limitò dopo essere venuto a stendermi sul divano spalancandomi le gambe e esplorandomi la figa dicendo: che bel la figa hai bambina ora ti rendo il piacere e fu cosi perché comincio a leccarmela meravigliosamente mi sentivo delle scosse per tutto il corpo e istintivamente mi venne di tirarlo per la nuca come aveva fatto lui con me mentre lui tra una leccata e l’atra mi diceva : che maiala che sei lo vedo che sei eccitata dai da brava apriti la figa con le tue mani e masturbati sono sicuro che lo sai fare...chissa? quante volte te lo sei fatta? Si le risposi me la sono fatta ma ero sola... mai davanti a un uomo...e non pensi che sia più eccitante? Aggiunse lui mentre prendendomi una mano me la portò sopra la figa dicendomi: dai mostramelo ficcati dentro un dito....io come ipnotizzata cominciai ad accarezzarmi mentre lui ripeteva : dai che mi piace vedertela toccare, io dopo essermela aperta mi misi un dito dentro mente lui afferrandosi il cazzo semi mollo in mano cominciò a segarsi dicendomi cosi e più bello lo facciamo entrambi tu guardi me io guardo te e cosi facemmo...lui si eccitava moltissimo vedere aumentare il numero delle dita che anche se non entravano tutte bastavano ugualmente per farle venire il cazzo duro nuovamente sino a che con un rantolo mi sborro sulla pancia  dicendomi seriamente: ricorda la cosa deve restare un nostro segreto senò guai a te...da come lo disse mi spaventò un poco ma capii che era meglio non dire niente a nessuno senò sarei stata mal giudicata oltre a creare un caos in famiglia.
                                                Fine Prima Parte



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Prima Volta

prima... DONNA
Una domenica al mare con mio marito
La mia prima volta
MATTEO, IL SUPERDOTATO DELLA SCUOLA
confessione porno
porca di una amica di mia mamma 50 furiosa
La sua prima volta

Ultimi racconti nella categoria Prima Volta



Una suora in famiglia
La mia prima donna
zia giulia
la prima volta di monica
Una gradita ospite 3
Una gradita ospite 2
Una gradita ospite


    Racconto a Caso
Autore : Biancaneve
Importa, invece, quello che si accinge a fare lei. Avrebbe amato Erick.

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1358
» Totale Autori
447

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni