Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 10-06-2017 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 1022 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Mia suocera grande troia   II

 

Dopo quella proposta di mia suocera dissi:

"Beh innanzi tutto bisognerebbe vederla, poi chissà se Filiberto sarebbe contento di averci sempre nelle scatole e ultima cosa quanto vuole d'affitto"

"Scemo, sarebbe felicissimo di avere sua figlia a due passi, la mattina andrebbero in sede insieme come quando Romina non era ancora sposata, in quanto all'affitto non c'è da preoccuparsi, gliene parlo io"

"Certo che sarebbe contento di avere sua figlia vicino, ma per suo genero non so!" dissi io con tono e sguardo pensieroso.

"Fabrizio sai che mamma ha avuto una bellissima idea, così vicini ci sarebbe un doppio vantaggio"

"E quale?"

"Beh il mattino io andrei con papà al lavoro e mamma potrebbe venire in giro con te, inoltre la potresti accompagnare anche a al centro commerciale e a fare acquisti nei negozi!" disse Romina.

"Cioè dovrei fare da paggetto a tua mamma"

In quel momento intervenne Eleonora e disse:

"Ragazzi non voglio creare nessuna tensione tra voi, la mia era solo un'idea buttata li, c'è tutto un mese per decidere, se vi fa piacere sapete che siete ben accetti, se no fate come volete, ora vado a dormire, se non disturbo troppo Fabrizio avrei piacere di venire con te domani per distrarmi un po'! Se non creo tensioni in famiglia Alle 6.30 sarò pronta!"

"Ok ti aspetto trepidante" risposi.

"Sei sempre il solito immaturo, mamma si è risentita, della tua risposta, lei pensava di piacerti, e non esserti di peso" disse stizzita Romina.

"Ma dai la mia era solo una battuta, sai che amo tua madre"

"Si era solo una battuta"

"Beh per fari perdonare domani in giornata vado con lei a vedere la dependance, così vi farò contente tutte due, e poi l'accompagnerò al centro commerciale"

"Bravo così mi piaci amore e mi raccomando ogni tanto dalle un abbraccio così da farla sentire amata"

"Certo amore e magari di tanto in tanto quando è un po' malinconica le do alcuni bacetti" dissi ironicamente.

"Fabrizio saresti un vero amore, faresti sentire mamma amata, così non sentirebbe la mancanza di papà"

Una cosa certa, era che Eleonora non sentiva la mancanza di Filiberto, ma la mancanza di cazzo.

La mattina dopo mi sono recato in cucina che l'orologio segnava le cinque, trovai mia suocera che preparava la colazione, le arrivai alle spalle, la cinsi con un braccio, la feci girare poi le poggiai le mie labbra sulle sue, la limonai per diversi minuti, lei cercava di svincolarsi, quando ci riuscì mi disse:

"Ma sei matto, se ci fede Romina, sai che casino succede!"

"Ma va!" risposi.

"Come sarebbe a dire?"

"Beh è stata proprio lei a dirmi di abbracciarti"

"Si certo, ma sicuramente non ha detto di baciarmi"

"Questo è vero, ma l'ho detto io per deriderla e lei ha detto che così non sentivi la mancanza di tuo marito"

"Che figlia adorabile e sensibile!"

"Già perché non sa che ami il bambino che c'è in me"

"Caro io non amo il bambino che c'è in te, io amo il tuo cazzone"

"Era quello che intendevo, comunque oggi te lo do con tutta calma!"

"Ma oggi non lavori'"

"Certo, lavoro la tua figa e poi con calma il tuo culo!"

"E dove vuoi farlo, perché in albergo non voglio andare, non voglio passare per una puttana"

"Eleonora tu sei una puttana, anzi un gran puttanone, per la precisione il mio gran troione!"

"Si sono la tua schiava, puoi fare di me ciò che vuoi, ma mai più in albergo"

"No cara oggi ti scopo e ti sodomizzo nella tua dependance, che spero diventerà la nostra alcova d'ora in poi"

"Per non ci sono problemi, ma se andrete a viverci tu e Romina come faremo noi ad usarla?"

"Troverò una scusa per trovare una diversa sistemazione"

"Amore, allora dovremo arredarla a nostro gusto"

La baciai nuovamente, nel frattempo introdussi una mano nella vagina e le dissi:

"Porcona sei già bagnata come una scolaretta"

"E tutta colpa tua, quando sei con me non penso ad altro che al tuo pistone"

Per non destare sospetti a mia moglie decidemmo di tornare a letto, ovviamente ognuno nel suo.

Appena coricato mia moglie mi chiese:

"Dove sei andato?"

"In bagno!"

"E come mai ci sei stato tanto così?"

"Beh c'era tua madre"

"E allora cos'hai fatto?"

"Prima l'ho abbracciata, poi visto il suo stupore ho pensato di baciarla e nel mentre l'ho masturbata!

"Scemo! Se avessi provato a fare una cosa del genere non saresti qui!"

"E dove sarei?"

"Saresti all'ospedale, mia madre ti avrebbe preso a sberle, lei è fedele a papà, non è mica una puttana da strada"

"Certo scherzavo! Abbiamo fatto quattro chiacchiere e siccome l'ho vista triste l'ho abbracciata, tutto qui"

"Bravo sei sensibile, vedo che vuoi bene a mia mamma!"

"Non sai quanto!"

"Beh ogni tanto un po' d'affetto fa bene anche tra suocera e genero"

"Romina, ma non sei gelosa di tua madre?"

"No, so che mamma non mi farebbe mai un torto, e posso fidarmi di voi due, spero che tu voglia davvero bene a mamma"

"Certo se amo la figlia, devo amare anche la madre nella stessa misura"

"Ti adoro Fabrizio"

Il mattino seguente dopo colazione Romina con la sua auto si recò in ufficio, mentre io e mia suocera tornammo a letto a scopare, tra una scopata e una limonata, riferii ad Eleonora quel che avevamo detto io e sua figlia quando ero tornato a letto.

E' stata una mattinata di scopate, slinguate, palpate e baci sia con la lingua che senza.

A mezzogiorno siamo andati a fare una doccia insieme con relativa scopata, poi vestiti e siamo andati al ristorante a mangiare.

Arrivati al ristorante facendo un gesto galante sono sceso e girando attorno alla vettura ho aperto la porta a mia suocera porgendole il braccio, lei sembrò gradire molto il gesto, visto che mi stampò un bacio sulla guancia lasciandomi il segno del rossetto.

Scherzando le dissi:

"Porcona mia, pulisci subito che se qualcuno che ci conosce vede, lo può riferire ai nostri cari"

"Chi se ne fotte, vorrei marchiarti a fuoco, come si marchiano i bovini per fare sapere a tutti che mi appartieni, mio bel stallone"

"Eleonora sei fuori di testa, se si venisse a sapere che noi due siamo amanti sai che casino in famiglia"

"Vedi in questi giorni sono giunta al punto che facendomi un esame di coscienza, concludendo che se ci amiamo dobbiamo farlo alla luce del sole, pertanto quando tornerà Filiberto gli chiederò la separazione e se tu farai altrettanto con mia figlia potremmo andare a convivere"

"Vedi ti amo tanto, più di tua figlia, ma visto che organizzandoci bene i cornuti non verrebbero mai a conoscenza del nostro amore direi di continuare così, almeno per qualche tempo, non vorrei distruggere due matrimoni"

La convinsi, dopo pranzo ci recammo a visionare la dependance, prima però passammo in farmacia, dove la feci entrare ad acquistare della vaselina per poi con tutta tranquillità romperle il suo stupendo culo.

Arrivati alla dependance, invece di fermarmi proseguii per circa duecento metri e mi fermai nei pressi della loro villa.

Eleonora mi guardò con sguardo interrogativo poi disse:

"Non ti potevi fermare alla dependance, ora bisogna camminare fino la, non possiamo amoreggiare, perché dal cancello potrebbero vederci e se non  vogliamo far sapere del nostro rapporto in pubblico dobbiamo essere emissivi"

"Beh e chi a detto che dobbiamo andare alla dependance?"

"Amore, allora che intenzioni hai?"

"Semplice, voglio prenderti il culo sul letto di quel cornuto di mio suocero, dove lui ti a sverginato la fica, io ti svergino il tuo magnifico culo"

"Ma sei proprio un porco!"

"Già, ogni porco a la sua scrofa, e tu cara sei la mia, sei meglio di tua figlia in tutti i sensi"

"Come sarebbe a dire?"

Beh hai un culo che è un monumento da consegnare alle belle arti, due gambe che meriterebbero la copertina di Play Boy, un seno che prosperoso che farebbe sfigurare persino la Ferilli, la tua fica nonostante due gravidanze e stretta come quella di una neonata per non parla della tua faccia da troia, che al solo guardarti melo fa rizzare al punto che se non ti scopo mi scoppia"

"Fabrizio sei stato volgare, ma la considero una dichiarazione d'amore"

Detto questo aprì la porta, appena oltrepassata la soglia si tolse la camicia facendo spuntare il seno e due capezzoli turgidi poi tolse la gonna rimanendo in mutande e calze a gambaletto, più da nonna che non da donna matura.

"Dai amore cosa aspetti a spogliarti anche tu? Sapessi che voglia che ho di riceverti nei miei buchi, dopo quel che mi hai detto sono tutta un fuoco"

"Beh si vede, però per romperti quel culo vergine bisogna fare con calma, non voglio che stai male per diversi giorni"

"Amore fai come credi, ma prima scopami la figa, che non resisto più"

"Va bene andiamo sul tuo letto, che mi eccita sapere che li ti sei fatta infornare da tuo marito"

Andammo nella stanza matrimoniale, dove nel giro di neanche mezzo minuto le ho allargato le gambe e l'ho penetrata in figa con colpo deciso e l'ho montata come uno stallone monta la sua giumenta.

La scopata è stata violenta, persino un po' cattiva, ma sia io che Eleonora non avevamo mai goduto così in vita nostra, alla fine eravamo spossati e senza forze.

"Se sei così spompato come farai a deflorarmi il sederino?"

"Beh ora son le diciotto e dopo tre ore di guerra non ho la forza, ma stanotte vedrai che mandrillo che diventerò"
"Come sarebbe stanotte, non rientra Romina?"

"Che c'entra Romina adesso?"

"Le notti le passi nel letto con lei, mica ti dedichi a me di notte"

Prima quando eri in farmacia, le ho telefonato dicendole che l'auto si era guastata ed se poteva venirci a prendere, perché eravamo a duecento km di distanza"

"Cosa ti ha risposto?"

"Che per lei sono già troppi i chilometri che fa per recarsi al lavoro, così come prevedevo mi ha consigliato di trovare un albergo per noi. Pertanto quale albergo è migliore di casa tua?"

"Sei proprio un bastardo, ma ti amo tanto"

Mia suocera si mise ai fornelli e preparò la cena, poi alle 20.30 subito a letto, dove dopo averle massaggiato il culo esternamente e internamente con la vaselina, piano piano ho introdotto il mio pistone di 22 cm nel suo cilindro, ogni momento mi dovevo fermare, sentiva dolore addirittura voleva rimandare  la deflorazione del suo monumento, ma ero talmente ingrifato che non ho voluto sentire ragioni e così centimetro dopo centimetro son entrato tutto, ho guardato il display della radiosveglia, segnava le 00.45 cioè c'erano volute quattro ore e un quarto per scardinare la sua porta posteriore.

Ma siccome continuava a lamentarsi e urlare dal dolore mi fermai col membro tutto inserito nel suo canale, solo all'una attenuato il dolore ho potuto muovermi avanti indietro, la penetrazione è durata un'ora, alla fine urlava di goduria e non più di dolore.

Verso le due e mezzo ci siamo addormentati tenendoci per mano.

Alle sei ho sentito il mio cellulare suonare e  una voce rispondere, era mia suocera che aveva risposto a mia moglie, che ci avvertiva che doveva recarsi a Roma per lavoro per fare le veci di suo padre e chiedeva a sua madre se volesse accompagnarla.

Eleonora rispose:

"Romina siamo distanti e non so a che ora ci consegneranno l'auto riparata, poi sai che non mi piacciono i lunghi viaggi in auto"

"Mamma in auto vado solo fino a Torino poi prendo il Frecciarossa, fino a Roma"

"Quanto ti fermi?"

"Per espletare tutte le formalità ci vorranno tre giorni"

"Ok figlia mia, stai attenta e chiama per farci avere tue notizie"

"Mi passi mio marito, voglio salutarlo"

"Non posso cara, Fabrizio sta dormendo come un ghiro"

"Mamma ma in albergo avete preso una stanza?"

"Ma che dici amore della mamma? Fabrizio dorme nella camera di fronte, so che dorme, perché  mi ha detto che appena sveglio mi avrebbe chiamato per scendere a fare colazione visto che qui si comincia alle 5.00"

Nel mentre mia suocera pronunciava quelle parole, prendendola per un braccio l'ho attirata a me, incominciando una leccata di fica che la fece quasi subito mugolare.

"Ah, ah, ah" erano le uniche cose che Eleonora riuscisse a dire. A quel punto penso mia moglie abbia chiesto a sua mamma se si sentisse male

 "No cara, è solo che ieri per aiutare tuo marito a spingere l'auto ho preso una storta e quando appoggio il piede a terra sbadatamente sento un po' di dolore"

Io continuavo a leccare mia suocera, non contento ho cominciato a solleticarle con un dito il clitoride. Dalle espressioni del volto vedevo il suo godimento, ma anche che non riusciva più a trattenersi dal gridare, infatti dopo pochi secondi esplose:

"Aaahhhh"

Sentii la figlia chiederle:

"Mamma che succede?"

"Niente amore ho messo male il piede, quando arriva tuo marito mi sa che devo farmi prendere in braccio, speriamo che non ci veda nessuno che conosciamo, se no chissà la malelingue!"

"Non preoccuparti delle malelingue, l'importante è che Fabrizio pensi a te"

"Si certo, sai è così premuroso che lo amo come il figlio che ho perso"

"Ciao mamma, riguardati e per qualsiasi cosa chiedi pure a mio marito, digli anche che più tardi mi telefoni"

Quando mi hai sentito gridare ho provato a bussare, ma non ha risposto, appena è in tiro riferisco. Ciao cara"

Appena finita la comunicazione tra mia suocera e mia moglie, Eleonora impugnando il cazzo con la mano disse:

"Ho detto a tua moglie che appena eri in tiro te lo avrei detto"

"Detto cosa?"

"Come cosa? Ma amore, di farmi godere come una troia"

"Allora ieri ti è piaciuto che ti ho sfondato la porta posteriore?"

"Si! Ma ora non ti azzardare a riprovarci, ho il buco del culo in fiamme, perciò farciscimi la figa"

"Certo mia principessa, per me è un onore e un piacere farti orgasmare"

"Dai che ora sono pronta a ricevere il tuo arnese"

In quel momento avevo il cazzo con la massima estensione e durezza mai raggiunta, anche per via di tutte le bugie che mia suocera aveva raccontato a mia moglie, non avrei mai pensato di essere la contesa di mamma e figlia, questo mi eccitava e poi ho sempre avuto un debole per le cosiddette milf  cioè Mother  I'd Like to Fuck tradotto madre con cui mi piacerebbe fare sesso e mia suocera Eleonora aveva tutti particolari:

Ø Aveva più di quarant'anni.

Ø Aveva una figlia.

Ø Era ancora molto appetibile sessualmente.

Ø  Indossa abiti coti e magliette aderenti.

Queste quattro caratteristiche appartenevano a mia suocera, l'unica cosa che difettava era sulle lingerie.

Comunque ormai erano diversi giorni che avevamo rapporti sessuali e incominciavo a stufarmi dell'intimo che indossava, infatti nel momento che l'ho spogliata delle mutandone da nonna del secolo scorso le ho detto:

"No così non va, bisogna prendere provvedimenti!"

"Cosa c'è che non ti piace?"

"Beh sei una bellissima fica, ma indossi biancheria che mi fa ammosciare l'uccello, appena s'intravvede. Adesso finiamo di scopare poi nel pomeriggio  andiamo a comperare qualche indumento"

"Si amore tutto quel che vuoi!

"Oggi esci senza mutande e reggiseno che quelli che hai non li indosserebbe neanche mia nonna e poi un'altra cosa, quando torniamo ti faccio la barba alla figa e così la devi sempre tenere"

"Sei matto, quando torna mio marito cosa gli dico?"

"Gli dici che hai un amante e ti vuole labbra"

"Allora vuoi proprio che mi butti fuori casa?"

"Ma no scherzavo, digli che hai un po' d'infiammazione e il medico ti ha consigliato di raderti la peluria per un po' di tempo"

Finito di chiavare, dopo la doccia ci siamo vestiti e andati a comprare cinque reggiseni di colore nero, blu, rosso, giallo, verdi e bianchi tutti abbinati a altrettante culottes e tanga dello stesso colore. Poi abbiamo acquistato calze a rete,  calze autoreggenti e calze da indossare con reggicalze la maggior parte nere.

Appena usciti dal negozio ho detto a Eleonora:

"Adesso manca l'ultimo tocco"

"Cioè?"

"Beh tutto quello che hai preso nel negozio d'intimo, vorrai metterlo in mostra per il bene comune?"

"Cosa intendi dire?"

Hai comprato intimo da mignotta, devi vestire come una mignotta in modo che chi ti vede gli si rizzi il cazzo a pensare che figona sei"

"Perciò cosa mi manca"

"Ti mancano delle minigonne inguinali, in modo che mentre cammini per strada ti si vedano le chiappette e le culottes o i tanga"

"Guarda che non sono una troia"

"Si che sei troia e anche una gran troia, basta vedere che stanotte ti ho sverginato il culo e stamattina mentre facevi la carina con tua figlia ti facevo godere come una porca e tu inventavi scuse per giustificarti"

"Amore mio, sono troia e anche peggio ma solo con te, non oserei mai mettere una minigonna da puttana per uscire!"

"Beh quando usciremo insieme devi vestirti da porca, adesso che mi fai pensare dobbiamo tornare al negozio di prima per prendere calze con la cucitura posteriore"

"Ok amore per te farei di tutto però sappi che voglio che vi trasferiate nella dependance, così che ogni mattina abbia la mia razione di cazzo con relativo yogurt"

"Sarà difficile ogni mattina"

"Perché?"

"Se ogni mattina penso a te, come faccio con Romina?"

"Se mi vuoi troia in ogni momento, come fai con mia figlia sono cazzi tuoi! Puoi anche dirle che hai un'amante che ti soddisfa più di lei"

"Brava! E se mi chiede chi è? Cosa le dico? Sai Romina vado a letto con tua madre e la preferisco a te?"

"Perché no? Io per te rinuncerei a mio marito"

"Ti credo al cornuto non si rizza più! Per godere ti eri rivolta ad uno sbarbatello che ti faceva le bave dietro, ma non sapeva chiavarti come la troia che sei"

"Senti Fabrizio ho deciso che tu sei il mio uomo, perciò dal mio stallone voglio il cazzo giornaliero, perciò mi trasformerò nella peggior puttana, ma il tuo cazzo deve essere solo mio, per quanto riguarda quella frigida di mia figlia dille di trovarsi un uomo che la scopi, questo è quello che voglio, poi farò tutto quello che vuoi, anche andare per la strada nuda con solo l'impermeabile"

"Va bene, speriamo solo che non ci scoprano i nostri congiunti"

Andammo a comprare alcune mini gonne inguinali, poi tornammo per le calze con la cucitura, quindi Eleonora con uno sguardo seducente, mentre mi baciava lingua a lingua mi disse:

"Amore ho voglia di fare l'amore con te nel tuo letto matrimoniale, voglio sentire l'emozione che hai provato tu nel possedermi nel letto di mio marito io la voglio provare nel letto di mia figlia"

"Che problema c'è, lei è a Roma per alcuni giorni e nel suo letto di darò tanto cazzo che alla fine resterai incinta!" dissi scherzando.

"Andiamo non vedo l'ora di sentire il tu manico in me"

Andammo a casa, io telefonai a mia moglie, la quale si lamentò perché ormai era sera e lei aveva detto di chiamarla al mattino.

"Cara, tua mamma aveva la caviglia gonfia e siccome non è una camera ad aria che si sgonfia a piacimento ho dovuto portarla in ospedale, per farle avere le cure del caso"

"Adesso è tutto a posto?"

"Si certo però il medico di turno ha detto che non deve appoggiare il piede a terra, pertanto per muoversi la devo prendere in braccio, per accompagnarla in ogni posto"

"Cerca di avere cura di mamma, sai adesso che non c'è papà si sente persa, per fortuna ci sei tu che l'accudisci"

"Si certo, ma mi sento anche in difficoltà?"

"Non mi dirai che mamma è pesante?"

"No cara, Eleonora non è pesante, in difficoltà sono ogni volta che deve andare in bagno, devo sorreggerla nel mentre fa i suoi bisogni ed ora vuole fare la doccia, perciò pensa lei nuda ed io che la sorreggo, mi devo bendare per non vederla"

Cosa sarà mai. È una donna di mezza età, non mi dirai che sei attratto da lei?"

"No non dico questo, dico solo che non vorrei che fosse lei a pensare male! Comunque ti saluto adesso vado che mi ha chiamato e non vorrei che forzasse il piede ed invece di tre giorni di inattività la cosa diventasse più lunga. Ciao a presto"

Durante tutto il discorso fatto con mia moglie, mia suocera da vera e grande troia qual è si era svestita e nuda mi prodigava uno splendido pompino.

Finito la telefonata mi disse:

"Amore dovresti prendere in braccio questa vecchia invalida e portarla nel letto per farle provare un missile"

"Ma non vuoi che ti porti in bagno per la doccia?"

"Caro adesso voglio solo che il tuo uccello si posi nel mio nido e mi dia piacere, e questo fino a domani mattina, poi se la caviglia guarisce possiamo uscire, se no vorrà dire che il mio bel stallone si dedicherà alla sua giumenta"




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



la casa dell'amore 4
la casa dell'amore 3
la casa dell'amore 2
Da anni sono la donna la donna di tuo fratello
Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2


    Racconto a Caso
Autore : ilmarito
ci piace la natura e a lei piacciono i porci

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6058

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni