Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 10-06-2017 | Autore : Scorpione
Categoria : Incesto | Totale Visualizzazioni : 893 | Votazione :


  
Scorpione
racconti porno riguardanti incesti, donne mature, situazioni intriganti

Nonna  

 

Mia nonna si chiama Marcella, ha 47 anni ed è sposata con Antonio di vent'anni più vecchio.

Marcella è una donna stupenda, alta 1.78, seno prosperoso, gambe vellutate senza smagliature o varici con polpacci leggermente pronunciati, occhi verdi, capelli rossicci, il viso è talmente bello che le basta pochissimo trucco per sembrare una trentenne.

Antonio era un amico del padre di Marcella, si sono conosciuti un giorno in cui era stato invitato per festeggiare una ricorrenza, quando mia nonna lo vide se ne innamorò. Ogni scusa era buona per cercare di vederlo, così finì che alcuni mesi dopo a quattordici anni scoprì che l'amore era bello, ma poteva lasciare segni indelebili, cioè non usando accorgimenti si ritrovò incinta di una bambina, mia madre.

Alcuni mesi prima del parto si sposarono, poi nacque Alice, il loro matrimonio continuò nel bene e nel male per 15 anni, quando Alice tornando a casa da scuola si sentì male, fu chiamata un'ambulanza che la trasportò in ospedale, qui arrivò la sorpresa, mia madre era incinta del suo fidanzatino.

Il ragazzo anche lui minorenne, non voleva saperne, mamma non voleva abortire.

Presero la decisione di portare avanti la gravidanza come voleva Alice, nove mesi dopo venni al mondo io.

Sono Massimo, ho 18 anni, palestrato, alto 1,85 , occhi azzurri, biondo e cosa non indifferente ho preso da mio padre le misure del pene.

All'inizio mi vergognavo, avere 25 cm per una circonferenza di 12, non mi faceva piacere, vedevo negli spogliatoi del campo da calcio o in palestra, che gli altri ragazzi della mia età erano molto più contenuti.

Un giorno avevo quasi 17 anni, dopo la partita, pensando che la doccia fosse libera entrò un mio compagno di squadra, vedendo la mia dotazione esclamò:

"Che palo"

Poi se ne andò, la settimana dopo in partita ogni tanto per chiedermi di passargli la palla gridava:

"Dai passa la palla Palo"

A fine partita le ho chiesto spiegazioni di quel soprannome e lui tranquillo mi disse:

"Mi è venuto in mente in film Animal House vedendo il tuo coso ho fatto il riferimento ad un suo personaggio"

La cosa finì li, ma la settimana dopo alcune signore, mamme di miei compagni sorridendo mentre passavo per entrare in campo mi dissero:

"Fai un goal per noi Palo"

Dopo la partita all'uscita degli spogliatoi alcune mi chiesero di passarle a trovare o mi diedero il loro numero di telefono.

Nonna era sempre presente alle partite, non le sfuggì l'atteggiamento delle signore, ma non disse niente.

Alcuni mesi dopo, nonna era sovente assente, alle mia partite, aveva sempre impegni in concomitanza con gli incontri.

Un giorno che l'allenatore mi sostituì alla fine del primo tempo, chiesi di andare via alludendo che non mi sentivo bene.

Mi disse:

"Si vai a casa Massimo, me ne sono accorto, hai sbagliato tre goal fatti, in altre occasioni sarebbero stati tre goal, riprenditi per sabato prossimo"

Ero più pensieroso che altro, non capivo cosa avesse nonna di così importante da passare da una presenza costante a un'assenza totale, girai la cittadina, non trovandola, feci l'ultimo tentativo, le telefonai le chiesi:

"Marcella, puoi venire a prendermi dopo la partita?"

"No caro, sono a Cuneo e non faccio in tempo ad arrivare"

"Ok ciao nonna"

"Ciao Massimo"

Per tutta la settimana non andai agli allenamenti, trascurai anche le mamme dei miei compagni da squadra, il sabato seguente con la moto la seguii.

Noi abitiamo in un paese a 40 km da Cuneo, ero comunque sicuro che non si sarebbe accorta che la seguivo, perché il casco integrale con la visiera scura, mi copriva il volto, poi la moto era come tante, visto che non era carenata.

La seguii fino alle porte di Cuneo, dove fermò la sua auto, dopo cinque minuti, sopraggiunse una BMW, che si fermò accanto, dopo che Marcella salì partì in direzione del centro città.

Seguii l'auto fino ad un albergo, dove la vettura fu posteggiata, nonna a braccetto di un uomo si allontananò.

Vidi che entravano in albergo, previdente mi ero portato la macchina fotografica così scattai alcune foto.

Uscirono, dopo un paio d'ore, altre foto di loro in atteggiamenti intimi, altro inseguimento fino all'auto di Marcella, altre foto, poi tornai a casa.

Il lunedì per fare sviluppare il rollino mi recai a Mondovì, raccomandando discrezione al addetto. Due giorni dopo avevo le foto in mano, ero stato bravo  erano venute belle chiare, con le facce riconoscibili.

In quella settimana ero stato a casa di due miei compagni ed avevo trastullato le loro madri.

Il sabato con la scusa che non ero ancora ristabilito, non fui convocato, il mattino lo passai nel letto di Alessandra la mamma di Giovanni, il portiere della squadra.

Alessandra è una signora vedova di trentanove anni, che la prima volta si è proposta timidamente a differenza delle altre sei.

Due non le ho mai frequentate sono troppo pettegole, un'altra la trovo volgare negli atteggiamenti, ho avuto rapporti con Roberta, mamma di Andrea, Franca mamma di Giacomo e Luisa mamma di Aldo.

Luisa è una donna di 45 anni è mi somiglia molto a Marcella, è stato con lei che ho perso la verginità.

Alessandra invece è sempre stata restia a manifestare le sue attenzioni verso me, il tutto è successo un pomeriggio che sono andato a trovare Giovanni che si era infortunato durante la partita ed era stato trasportato all'ospedale, pensando che fosse già stato dimesso mi recai presso la sua abitazione, la mamma mi fece salire, tra un pianto e l'altro, per consolarla l'abbracciai e lei mi disse:

"Mi sento tanto sola, da quando è morto mio marito, non ho più avuto un uomo nel letto! So che sei stato con Luisa, mi piacerebbe se non ti faccio schifo che trascorressi la notte con me! In ospedale non mi lasciano stare, qui tutta sola non me la sento"

Alessandra tanto timida, che arrossisce per ogni parola fuori luogo, ma a letto si scatena, diventa una pantera"

Tra 20 giorni divento maggiorenne, in questo anno ho perso la verginità, ho soddisfatto una vedova, spiato mia nonna in compagnia di un presunto amante, per quanto riguarda Roberta e Franca poco a poco ho smesso di frequentarle, cercano solo di collezionare amanti. Due giorni fa sono andato a casa di Marcella, le ho chiesto di tenersi libera per il sabato del mio compleanno che ricorreva tra venti giorni.

Ho visto nonna titubante, non si aspettava una richiesta del genere, senz'altro aveva appuntamento con il suo amante.

Le dissi  con sfrontatezza:

"Nonna maggiorenni si diventa una volta sola, voglio festeggiare con te la mia maggior età, voglio tutta una giornata solo per noi, poi voglio mostrarti qualcosa che ti riguarda"

"Dimmi cosa vuoi mostrarmi?"

"Delle bellissime foto che ho scattato"

"Su fammele vedere"

"Non essere impaziente, il giorno dl mio diciottesimo compleanno te le svelerò"

Il sabato seguente all'invito, nonna Marcella, si recò a Cuneo, la predetti in modo di arricchire la collezione delle sue foto.

La settimana passò tranquilla, Martedì notte la passai da Alessandra, il figlio era in riabilitazione in Liguria, il giovedì andai a letto con Luisa.

Sabato mattina alle 7.00 mi presentai a casa dei nonni.

Nonno Antonio mi chiese:

"Cos'è successo di grave per farti arrivare così presto?"

"Niente è solo che oggi compio 18 anni, voglio passare una giornata con nonna"

"Ehi non vorrai mica rubarmela?"

"Tranquillo nonno, anche se io sono innamorato di Marcella, lei ha occhi solo per te!"

Ridemmo di gusto, poi nonno mi disse che sotto il portico c'era il loro regalo, ma non potevo portarlo via per qualche mese.

Mi recai al portico, i nonni hanno una cascina e usano un grande portico come garage, li trovai una Fiat coupé.

Ringraziai Antonio, nel mentre arrivò nonna che subito disse:

"Sei maggiorenne, da oggi pertanto non hai ancora la patente, quindi non puoi guidare l'auto, io in moto non vengo, vorrà dire che per oggi ti farò da chauffeur,  

però non farci l'abitudine"

Prendemmo la sua auto, appena saliti mi chiese dove volevo andare, le dissi di recarsi ad un boschetto frequentato dai ragazzi per accoppiarsi, lei mi chiese:

"Non avrai intenzione di provarci con una vecchia signora?"

"No Marcella, voglio farti vedere le foto, non sto più nella pelle, al boschetto di prima mattina nessuno ci disturberà"

Nel tragitto le chiesi:

"Come mai non vieni più alle partite?"

Nonna con fare vago rispose:

"Ho visto che da un po' di tempo hai un fans club che ti segue con più attenzione ed apprensione che non i loro figli"

"Si nonna, ma non sono te"

"Che caro, ma sai ho degli impegni che non posso rimandare"

"Già lo so io che impegni hai!"

"Beh con tuo nonno, l'unico momento per allontanarmi da casa è il sabato, voi giocate sempre il sabato"

"Già"

"Beh se ci tieni tanto verrò qualche volta"

"Senti Nonnina, cambiando discorso, tu ami tuo marito"

"Massimo che domande mi fai? Certo che lo amo, me lo sono sposato"

"Beh sposato non vuol dire che una non possa avere un amante"

"Massimo lascia perdere, non voglio amanti, poi tu dei mio nipote"

"Non parlo di me, ma non ti piacerebbe averne uno?"

"Nipotino mio da quando frequenti le signore un po' facili, ti sei traviato"

"Ma no è così per dire"

Nel mentre siamo arrivati al boschetto, fermata l'auto, ho preso la busta con le foto e gliel'ho consegnata. La prima foto, era lei in auto che aspettava, la seconda sale sulla BMW, la terza abbracciata al tipo, la quarta un bacio alla francese davanti all'albergo, la quinta loro all'uscita dall'albergo e la sesta lei che scenda dalla BMW per salire sulla sua auto, tutte le foto corredate dall'ora.

Dopo averle guardale è sbiancata, poi con rabbia domandò:

"Questo che vuol dire? Chi ha scattato le immagini? Mi vuoi ricattare?"

"Nessun ricatto nonnina porcellina. Le foto le ho scattate io, vorrei capire perché tradisci nonno? E cosa ci trovi in quel tipo?"

Si riprese un po' e si sfogò:

"Amore devi sapere che ho 47 anni, Antonio ne ha 67, purtroppo a problemi erettili. Ho conosciuto Pietro ad una visita, mi ha fatto la corte, poi abbiamo scoperto di piacerci, siccome siamo sposati entrambi ci incontriamo il sabato, io con la scusa che vengo alla tua partita, lui con quella di recarsi da sua madre che vive sola a 100 km di distanza. Come sai Antonio non viene alle partite, per quel che riguarda sua moglie odia la suocera, cos' abbiamo modo d'incontrarci"

"Meno male che non ti ho chiesto spiegazioni a casa mentre c'era il nonno del perché non sei più venuta alla partita"

"Già! Vedi io voglio bene a mio marito, ma mi sento ancora giovane, sento ancora lo stimolo sessuale"

"Immagino, ma cerca di dare meno nell'occhio, che so trovati un ragazzino da farle da nave scuola, non sai quanti miei compagni di squadra sarebbero ben felici di venire a letto con te"

"Vedi caro, non cerco un ragazzino, voglio un uomo, il ragazzino ha molta baldanza, ma difetta di esperienza, poi un uomo sa stare zitto, mentre il ragazzino per sbruffoneria  si vanta con i coetanei"

"Marcella, vedi come mi hai detto ho un fans club, alcune signore hanno passato ore a letto col sottoscritto, ma non è mai uscita una parola da me, poi se loro si fanno pizzicare per gli atteggiamenti che mi rivolgono, non è colpa mia"

"Beh non tutti sono maturi come te"

"Grazie nonna!"

"Dimmi sei stato anche con Luisa?"

"Nonna?"

"Dai a me puoi dirlo!"

"Si è se poi ti scappa qualcosa e si viene a sapere?"

"Per farmi le confidenze su quelle donne, cosa vuoi in cambio?"

"Per amore della famiglia, voglio che lasci il tuo amico Pietro"

"Non so come fare a dirglielo"

"Facciamo così, ti confido le mie esperienze, poi  più tardi andiamo al tuo appuntamento, gli dico che non potete più frequentarvi, che si cerchi un'altra che tu sei mia, tanto non sa che sei mia nonna"

Accettò, ma il guaio avvenne, quando le confidai di Luisa, Franca, Roberta e Alessandra. Gli dissi che Franca e Roberta erano un po' troppo ciarliere, che Luisa era una donna repressa, che mi piaceva solamente perché mi ricordava lei, la migliore era Alessandra, ma non certo per avere un legame. Nel parlare il membro si gonfiò e guardando in basso si poteva notare la consistenza.

"Massimo in che senso Luisa ti ricorda me?"

"Luisa è donna, ha bellezza naturale, il suo sguardo è profondo come il tuo, poi è una persona dolce. L'ho scoperto nel perdere la verginità. Tutte cose che anche tu possiedi"

La baciai, nello sporgermi verso lei, ho toccato il seno, bello prosperoso, Marcella subito mi disse sorridendo:

"Massimo, non lo fare più"

"Cosa baciarti?"

"No sciocco, il toccarmi il seno, è una cosa che mi fa perdere la cognizione"

"Ma non l'ho fatto apposta!"

"Lo so, andiamo al ristorante che dobbiamo festeggiare i tuoi 18 anni"

Mise in moto, partimmo per recarci in un agriturismo alle porte di Cuneo, dove mangiammo meravigliosamente, bevemmo del buon vino, Marcella era alticcia, dopo pranzo guidò fino al luogo del suo appuntamento, poi si addormentò. Al arrivo di Pietro, scesi dall'auto, spiegai che Marcella, ora era la mia amante, quindi non si sarebbero più visti, lui accettò e ripartì.

Svegliai Marcella, la feci guidare adagio fino ad un secondo agriturismo nelle vicinanze di Cuneo in cui avevo prenotato la cena.

Arrivati, chiesi ai titolari una stanza per fare riposare nonna.

Loro dissero che avevano solo una stanza libera, ma era destinata alla clientela che pernottava almeno due giorni, quindi la presi per il week end.

Marcella si coricò per smaltire i fumi del vino, quando si alzò andammo a cena , dopo cena facemmo una passeggiata nel mentre telefonai ai miei e a nonno Antonio, spiegai che nonna aveva bevuto un po' troppo per festeggiare il mio compleanno, che saremmo rimasti a pernottare.

Al rientro in stanza, feci presente a nonna che non avevamo niente per la notte, lei disse:

"Dormiremo con solo i boxer tu, con mutandine e reggiseno io, tanto ormai sei abituato a vedere una donna spogliata"

"L'importante è che visto che non reggi il vino, non mi violenti nel sonno"

"Non sono mica Luisa, che ha approfittato di un lattante"

"Già, ma comunque posso solo ringraziarla, mi ha aperto una via che non pensavo fosse così meravigliosa"

"Ha parlato Casanova"

"Beh secondo te, quanti ragazzi possono dire di aver accumulato esperienza con quattro donne diverse prima dei diciotto anni"

"Se non fossi tua nonna, mi piacerebbe scoprire cosa sai fare!"

"Se non fossi mia nonna , mi piacerebbe svelartelo, proprio in questo momento"

Ridemmo di gusto, ci baciammo un po' di volte, poi senza rendercene conto incominciammo a limonare proprio come due amanti, perdendo la cognizione, cercando sempre qualcosa in più nell'altro.

Ad un certo punto Marcella lanciò un urlo, muovendosi con la chiappa destra aveva urtato il mio membro, si era spaventata non sapendo della mia protuberanza.

"Cosa succede nonna?"

"Ho urtato qualcosa nel letto, ma non ho capito cosa!"

"Nonna hai avuto un contato con il mio pene"

"Cosa dici, era una cosa mostruosa, un pene così esiste solo in fotografia o nei fotomontaggi"

"Marcella, ti dico che è il mio pene, se vuoi mi tolgo i boxer così lo puoi vedere?"

"Dai voglio proprio vedere, che cosa ti sei messo"

Uscii da sotto le lenzuola, abbassi i boxer, venne alla luce un signor cazzo, nella sua massima estensione, credo che essere nel letto con nonna a limonare mi abbia fatto raggiungerei trenta cm e una piena durezza.

Nonna rimase a bocca aperta, solo dopo un paio di minuti parlò:

"Allora esistono davvero i super dotati, mio nipote e tra questi! Adesso capisco i sussurri delle donne al campo, perché i tuoi compagni ti chiamano Palo"

"Dai nonna lascia stare"

Nonna tutta agitata disse:

"Anche se è contro natura un rapporto tra noi, un cazzo così lo devo provare, almeno una volta nella vita"

Ridendomela dissi:

"Ma nonna non possiamo, siamo nonna e nipote, poi se lo venissero a sapere i miei o

tuo marito, sai che pasticcio succede"

"Massimo non me ne frega niente, io a un cazzo così non ci rinuncio, visto che siamo già a lettolo voglio provare"

"Vedi nonna è pericoloso"

"Pericoloso? Come sarebbe a dire? Mica morde?"

"No non morde, ma crea assuefazione come la droga"

"Addirittura?"

"Certo, una sola volta non basta, dopo due non puoi più farne a meno"

"Dai su fai contenta Marcellina la porcellina"

"Va bene porcellina, ma io ti ho avvisato"

Incominciai a limonarle la figa, era un continuo diluviare di umori, poi sempre con la lingua solleticai il clitoride, mentre immergevo l'indice nel suo buchino posteriore, era un godere senza senso da parte di nonna.

Nel massimo godimento Marcella disse:

"Il culo, il culo è ancora vergine, ma godo con quel dito dentro, continua così diavoletto mio"

Continua a solleticarle sia il culo che il clitoride, dopo circa dieci minuti venne, stremata rantolò:

"Sei il primo che mi fa venire senza scoparmi, per stanotte ne ho abbastanza, ma domani mattina guai a te se al risveglio non mi dai una bella razione di quel mostro che ti trovi tra le gambe"

Marcella si addormentò, rimasi a guardarla nel sonno, era bellissima, era la donna di cui ero innamorato, non avrei mai pensato di un giorno poterla avere.

Quella notte non dormii, pensavo che sarebbe stata l'unica volta, poi lei avrebbe continuato a soffrire con un marito ormai impotente, io avrei continuato con donne mature che sinceramente le avrei usate solo per il sesso, ma niente sentimenti, l'unica per cui trovavo un po' d'amore era Alessandra.

Il mattino quando si svegliò per prima cosa mi baciò, poi tastò il cazzo, disse:

"Ora fammi provare Teodoro, prendimi come preferisci, ma fammi provare il bastone d'oro"

Le diedi una leccatina veloce alla vagina, poi entrai adagio, ma con ritmo costante, quando fui dentro mi fermai qualche secondo, poi iniziai a pompare sempre più velocemente, nel giro di una decina di minuti ebbe almeno tre orgasmi, dopo un'ora non ero ancora venuto, ma Marcella aveva orgasmato almeno una dozzina di volte, continuai ad andare avanti indietro per diverso tempo, alle 11.00 si doveva lasciare la stanza, ma nonna era stremata dagli orgasmi.

Con molta fatica si rivestì, scendemmo a consegnare le chiavi, poi partimmo, al primo spiazzo si fermò, guardandomi disse:

"Ho bisogno di riprendermi, sei una forza della natura"

"Nonna sono contento che ti ho soddisfatto, d'ora in poi ti tocca il nonno"

"Già, ma dimmi una cosa?"

"Cosa vuoi sapere?"

"Cosa pensi di me come donna?"

"Sei mia nonna, cosa vuoi che pensi'"

"Se non fossi tua nonna, mi vorresti come amante?"

"Ti ho sempre considerato la donna dei miei sogni, perciò ti vorrei sempre come amante, anche se sei mia nonna"

"Bene, perché io ti voglio come amante da adesso"

"Come facciamo con nonno e con i miei genitori?"

"So che ti chiedo molto, ma dovrai lasciare la squadra di calcio, così il tempo impiegato col calcio, lo impegni con me"

"Per questo non c'è problema, molto meglio la partita con te, che la partita di calcio, ma il problema è la domenica a pranzo a casa tua o a casa dei miei!"

"Dovremo usare un linguaggio tutto nostro , quando ti chiederò di Teodoro tu sai che parlo del tuo cazzo d'oro. Se ti chiedo a che ora giochi, sai che vuol dire a che ora ci vediamo, poi se chiedo dove giochi vuol dire dove ci vediamo per altre frasi ci metteremo d'accordo"

"Si ma quando siamo insieme ed ho voglia di te o tu di me, come facciamo?"

"Bisogna che ci tratteniamo, se c'è l'occasione la sfruttiamo"

Tornammo a casa, ci salutammo l'indomani con i miei eravamo suoi ospiti, per festeggiare il mio compleanno.

Arrivammo prestissimo, mamma voleva aiutare, ma tutto era già pronto, nonna disse:

"Avrei voglia di fare una passeggiata col mio nipotino per godermelo ancora un po'"

So io cosa voleva godersi la porcellina.

Tutti dissero andate pure.




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Incesto

Amore di mamma e non solo...
Come mi sono scopato mia sorella
La suocera
Ho sverginato il culo di mia madre
La zia che insegna
INCESTO A COLAZIONE
il mio dolce fratellino

Ultimi racconti nella categoria Incesto



la casa dell'amore 4
la casa dell'amore 3
la casa dell'amore 2
Da anni sono la donna la donna di tuo fratello
Mio fratello.. un marito perfetto
Mia suocera grande troia 3
Mia suocera grande troia 2


    Racconto a Caso
Autore : Biancaneve
Azzardo. Il dito si fa largo tra le spire del buchetto. Avanza verso l’interno. Nessuna reazione. Glielo stantuffo nel culo. La sento gemere. Le piace.

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6038

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni