Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 31-12-2014 | Autore : toffee
Categoria : Etero | Totale Visualizzazioni : 1477 | Votazione :


  
toffee
coppia biricchina

Ocktoberfest

Eravamo andati all’ocktoberfest da soli quell’anno, soli soletti io e mia moglie.

La festa ci piaceva e con amici o da soli ci si andava quasi ogni anno.

Per l’occasione lei si era comprata in un negozio di Monaco,  uno di quei vestiti tipici che quasi tutte le ragazze tedesche vestono alla festa.

Sono tutti  con la vita stretta e un pò scollati, ci sono con gonna lunga fino alla caviglie o più corta anche appena sopra il ginocchio.

Lei aveva preso uno corto, se lo poteva permettere aveva due belle gambe, aveva una vita stretta e due belle tettine nonostante i suoi quarant’anni.

Ci avviammo a piedi verso la zona della festa, lei si era messa il suo vestitino, due tacchi abbastanza alti ed approfittando della serata  abbastanza mite aveva lasciato le gambe nude.

La sua perfetta linea risaltava sotto quel vestitino colorato, le sue gambe abbronzate attiravano l’attenzione di molti che in massa si riversavano verso la festa.

Mi aveva sempre eccitato vedere la mia donna desiderata da altri, quella passeggiata mi stava piacendo.

“Hai visto stai facendo colpo , mi sa che questa sera rimorchi” le dissi

“Ma smettila stupido” rispose

Giunti a destinazione puntammo subito su uno stand che ci piaceva più degli altri e riuscimmo subito a trovarci posto seduti  con una tavolata di tedeschi che per  una coppietta di solito liberano subito un pò di spazio.

Erano abbastanza giovani dai trenta ai quarant’anni, quasi tutti maschi.

Mia moglie a differenza di me parla discretamente tedesco e quindi aveva cominciato a parlare con i ragazzi vicini, io non capivo ma lei mi disse che erano dipendenti di una ditta tedesca e per questo avevano il tavolo prenotato.

Quello più vicino a lei era un bel ragazzo moro alto con due spalle larghe, aveva il vestito tipico con camicia bianca e pantaloni e bretelle in pelle.

Ci portarono da mangiare e soprattutto da bere, Giovanna il suo litrozzo se lo beveva e leggermente allegra diventava.

Continuava a parlare con quel ragazzo.

Non capivo cosa diceva ma cosa voleva era abbastanza evidente, gli parlava all’orecchio, molto vicino all’orecchio e lei sorrideva indicando con un dito alla tempia che era pazzo.

Mi disse “ gli ho già allontanato  un paio di volte la mano dalle mie ginocchia”

Ero molto eccitato e gli dissi “perché lo allontani ? non ti piace?”

“Ma per favore”,disse sorpresa “non ti da fastidio?”

 La situazione mi eccitava, il mio cazzo era diventato come un pezzo di legno, il mio respiro affannoso

E il cure mi batteva forte, ma dalla bocca mi usci un” scherzavo”

Forse avrei dovuto osare di più forse anche lei lo sperava nonostante facesse la santarellina.

La serata continuava  …………

Ad un certo punto lei si giro verso di me e all’orecchio mi disse “sta ricominciando”, con una mano afferrai distinto le sue sopra il tavolo  e gli dissi “lascialo”

Ci baciammo con fervore le nostre lingue avvolte appassionatamente.

Mentre mi baciava ogni tanto allontanava la lingua dalla mia e mi sussurrava  …..

“è sulla coscia sta salendo” e poi “mi sta toccandole mutandine bagnate” , quando le dita del crucco spostando le mutandine entrarono dentro la sua fighetta bagnata lei chiuse gli occhi ed ansimo, quell’attimo non ebbe bisogno di descrizioni.

Lei  si giro verso di lui, la sua lingua incrocio la sua in modo bramoso .

Non credevo hai miei occhi la troietta stava uscendo dal guscio.

La mano di Giovanna si mosse e scese sotto il tavolo.

Si giro verso di me  avvicino la bocca  al mio orecchio e disse ”e grosso e duro ”

Ci baciammo mentre lui ritratto la mano si succhiò le dita in modo erotico provocante

Ci alzammo in piedi, tutti ballavano mezzi ubriachi sulle panchine, le mie mani erano sul suo culo la ringraziai per quello che aveva fatto e gli dissi di andare avanti cosi a fare la troietta con chi voleva, quando non mi sarebbe più andato l’avrei fermata io.

Mi allontanai per andare in bagno e tornai non prima di cinque minuti

Lei  ballava ancora lui era dietro di lei insistente completamente coinvolto, metteva le mani sui suoi fianchi e strusciava il suo cazzo sul suo culo muoveva i suoi fianchi alla ricerca di quel grosso arnese.

I pantaloni di pelle un pò stretti lo mettevano in evidenza ero grosso e lungo, la baciava sul collo e sulle orecchie .

Lei mi guardò io feci un sorrisino accondiscende ed anziche salire sulla panchina con lei andai su quella  fronte

Le mani di lui erano sempre più invadenti entravano sotto la gonna.

La stringevano sempre di più.

La baciava sul collo e le loro lingue erano una cosa sola.

Era girata verso di me, mi guardava negli occhi con lui dietro che la spingeva …

La sua mano scese giu dietro al suo culo alla ricerca di quel grosso cazzo

Cosi avvinghiati, Giovanna  con la mano sul cazzo del tedesco che da dietro spingeva il cazzo  contro il suo culo e la sua  mano  sotto la gonna non più sui fianchi ma davanti sotto le mutandine dentro la figa di Giovanna, sempre vogliosa e  bagnata, l’altra mano del tedesco su un seno e la sua lingua sul collo, sulle orecchie.

Si muovevano al ritmo di musica, coinvolti come se scopassero

Andarono avanti un po’, mi guardava con sguardo da porca, forse si aspettava che la fermassi, o forse non lo voleva ……

Lo stand era una bolgia di impazziti ubriachi

Io anziche fermarla mi allontanai di nuovo per andare in bagno.

Il fatto di lasciarla sola mi eccitava, pensare a dove poteva spingersi mi faceva diventare il cazzo come un palo.

Rimasi via un pò di tempo .

Poi tornai, mi avvicinavo ma non la vedevo e non vedevo neanche lui, sulle panchine non c’erano, non riuscivo a vederli.

Poi d’un tratto in mezzo al casino eccoli, lui era seduto sul bordo della panchina rivolto verso il passaggio che c’e tra i tavoli, lei era sopra di lui a cavalcioni, li guardavo da un pò distante lui la baciava sulla bocca, sul collo e sul seno, le sue mani erano sui fianchi di Giovanna che  si muoveva sopra di lui come se cavalcasse uno stallone, in mezzo al frastuono e alla gente ubriaca lei stava godendo sopra quel grosso cazzo

La gonna copriva tutto, ma .... copriva una fighetta bagnata che dietro le mutandine strusciava contro un grosso cazzo duro confinato dentro i pantaloni di pelle?

Oppure copriva un cazzo duro che  entrava ed usciva da un fighetta calda e bagnata liberata da un leggero spostamento dello slip?

Lei si si dimenava aiutata dalle mani di lui su e giu  ………………… la conoscevo secondo me lo stava prendendo dentro stava scopando come una troia.

Non ero molto distante, lei si accorse che la guardavo, aumento il ritmo sempre più forte, un paio di colpi finali fece un grido orgasmico  che sentii ad alcuni metri di distanza nonostante il rumore della musica e della gente.

Ogni tanto mi stuzzica, ma non sono sicuro ancora adesso se il tedesco la scopata oppure no.

 

 

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Etero

Paola e sua madre Graziella
La zia di mia moglie
La mamma del mio amico
Sodomizzata
esperienza eccitante
autostop
La madre del mio amico

Ultimi racconti nella categoria Etero



in attesa dal dentista
Una ragazzina cresciuta
Una consegna che difficilmente dimenticherò!
Una lontana parente
Una consegna indimenticabile
Il servizio di militare mi fu molto utile.
Un cappuccino molto apprezzato.


    Racconto a Caso
Autore : marco3581
la zia maria stirava

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1373
» Totale Autori
2175

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni