Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 01-07-2008 | Autore : Cris
Categoria : Autoerotismo | Totale Visualizzazioni : 32721 | Votazione :


  
Cris
......lettura, cinema, internet

Mi rigiravo sul mio letto indecisa sul da farsi. Il telecomando del condizionatore era sulla scrivania, troppo lontano per prenderlo rimanendo sdraiata. Raccolsi tutte le mie energie e mi alzai. Misi la temperatura al minimo e indirizzai il getto esattamente su di me. Finalmente un po' di sollievo. Qualcuno stava suonando alla porta di casa. Dopo neanche qualche secondo di refrigerio ero costretta ad allontanarmi. Ma chi diavolo poteva essere? Camminavo leggera cercando di fare meno rumore possibile con i piedi nudi sul pavimento. Sempre in silenzio guardai dallo spioncino. Dannazione. Dall’altra parte della porta c’era quella fastidiosissima vicina di casa. Si trattava di una signora anziana che di tanto in tanto si presentava per offrirci qualche orrenda pietanza da lei preparata. Oltre alla mia personale antipatia verso quella persona, ad impedirmi di aprire fu la consapevolezza di dovermi vestire per ricevere delle persone. Infatti avevo indosso soltanto maglietta e slip che notoriamente non sono abbigliamento sufficiente per ricevere le vicine di casa. Rimasi ad osservare la signora ormai decisa a non aprirle. L’anziana suonò ancora un paio di volte, poi, dopo un’estenuante attesa, si voltò e se ne andò. Tirai un sospiro di sollievo e tornai nella mia stanza. Che stupida ero stata. Preoccupata dal suonare del campanello non mi ero accorta che la finestra della mia camera era rimasta aperta. Come avrebbe potuto il condizionatore lottare con il caldo esterno? Dopo aver sistemato quest’ultima scocciatura, tornai a posizionarmi sotto il getto d’aria fredda.
Mentre il caldo spariva sentivo i capezzoli divenire turgidi sotto il continuo flusso che proveniva dal condizionatore. Istintivamente portai entrambe le mani a stringere ognuna un seno. Evidentemente la sottile magliettina nulla aveva potuto contro l'insistere dell'aria gelida. Quella situazione però non mi dava piena soddisfazione, era necessario un intervento contro il caldo più deciso: una bella doccia. Abbandonai quasi a malincuore il condizionatore salutandolo con una mano e mi diressi verso il bagno. Mi spogliai sino a rimanere completamente nuda davanti allo specchio. Un tempo odiavo quel corpo, ma lo sviluppo lo aveva modificato talmente da esserne ormai quasi totalmente soddisfatta. Certo anch’io mi ero fortemente aiutata praticando da sempre una gran varietà di sport, ad ogni modo non potevo però trascurare di essere stata fortunata. Forse avrei preferito il seno una taglia più grande, ma tutto sommato il mio era già bello così, sodo e rotondo con i capezzoli piccoli e rosa, insomma una seconda ben fatta. Per il resto non mi posso certo lamentare: alta un po’ più di 1.70, capelli e occhi castano chiaro (anche se sui capelli interviene regolarmente il parrucchiere), ma soprattutto un bel fondoschiena che da sempre è il mio punto forte. In pratica una ragazza acqua e sapone che ai maschietti non dispiace. Una caratteristica del mio corpo che magari dall’esterno può sembrare irrilevante, ma che per me ha una certa importanza è la scarsezza di peli pubici; ciò mi permette di mantenere la situazione “sotto controllo” con pochi semplici gesti, senza essere schiava dell’estetista come succede a molte mie amiche. Legai i capelli per non bagnarli e con un sorriso compiaciuto mi infilai sotto la doccia. L'acqua sortì subito il suo effetto rilassante e desiderai non uscirne più. Mi appoggiai alla parete con entrambe le mani tenendo la testa reclinata all'indietro e gli occhi chiusi per apprezzare di più quel momento. L'acqua batteva diretta sul mio petto e scorreva dolce dai seni al ventre, per poi scendere sull'inguine e ancora lungo tutte le gambe. In quello stato di piena estati, una mano si stacco quasi da sola dal muro e, seguendo il corso dell'acqua, accarezzò prima i seni, poi scese sul ventre e si arresto mia passerina. Quasi incosciente cominciai a massaggiarmi delicatamente il clitoride mentre allargavo le gambe piegandomi leggermente sulle ginocchia. Incurante dei futuri disagi, spostai la testa sotto l'acqua per esserne completamente avvolta. Continuai a piegarmi sempre di più sino a quando non fui quasi seduta sui talloni; intanto anche l’altra mano si era staccata dal muro e mentre la prima stuzzicava il clitoride,questa nuova arrivata riempiva con due dita la mia rovente fessura. L’acqua batteva sul mio collo e correndo lungo il mio corpo sgocciolava via proprio dalle mie mani desiderose di darmi piacere. Iniziai ad aumentare la pressione sul clitoride, compiendo movimenti più veloci e più decisi mentre l’altra mano esplorava sempre più a fondo la mia passerina. Sentivo che il calore dentro di me si stava trasformando in piacere, finché non sentii l'orgasmo esplodere possente e non potei fare a meno di lasciarmi sfuggire un gemito di piacere. Mi accasciai per un po’ sul piatto della doccia con la mano destra ancora avvinghiata alla passerina, mentre il mio cuore tornava a battere ad un ritmo normale. Appena mi ripresi uscii dalla doccia e avvolsi il mio corpo nell’asciugamano. Non avrei sopportato l’utilizzo del phon, così sciolsi i capelli e li strofinai un po’, prima di lasciarli liberi sulle spalle. Tornai nella mia stanza e finalmente la trovai perfettamente rinfrescata. Mi gettai sul letto, ma prima di farlo presi l’asciugamano che avevo attorno alla vita e me la misi sotto la testa per non bagnare il cuscino. Riamasi un po’ immobile a godermi quel piacevolissimo momento. Rivolsi lo sguardo verso il basso e osservai nuovamente in mio corpo nudo. Sentivo dentro di me di non aver ancora completato il lavoro della giornata e sorridente allargai le gambe il più possibile. La mano destra tornò rapidamente dove era stata poco prima, mentre con la sinistra iniziai ad accarezzarmi il seno e a pizzicare il capezzolo. Ricominciai la danza effettuata poco prima, accarezzavo con energia il clitoride, ben presto sentii i miei umori colare verso il materasso. Inarcai il bacino sollevandomi sui piedi e aumentai ancora di più la velocità della mia mano. L’orgasmo arrivò rapido e deciso come aveva fatto sotto la doccia, con la stessa meravigliosa violenza ansimai forte, quasi da farmi mancare il fiato. Ormai sfinita decisi di potermi reputare soddisfatta della giornata, mi coprii con il lenzuolo e mi addormentai profondamente.



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Autoerotismo

Pomeriggio sola in casa
Il mio amante........
Al supermercato parte 1
BELLA FIGURA CON MAMMA
Lunedì, caldo e umido
al supermercato parte 2
Figura di merda
Ultimi racconti nella categoria Autoerotismo

Il fallo artificiale
Porco 69
Un caldo Settembre
Un caldo e lungo lunedì...
adoro toccarmi
BELLA FIGURA CON MAMMA
IL TAGLIO DI CAPELLI


    Racconto a Caso
Autore : poporno
Stavo male, ma non lo sarei stato ancora per molto..

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1229
» Totale Autori
331

Top   

Copyright 2014 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni