Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 20-05-2011 | Autore : aldoal
Categoria : Gay | Totale Visualizzazioni : 4520 | Votazione :


  
aldoal

Matteo aveva superato tutti gli esami universitari, volle prendersi un mese di riposo dallo studio senza dire nulla ai genitori. Da quando la casa era diventata “stretta” perché il suoi fratelli minori crescendo si facevano sempre più rumorosi lui andava a studiare in un piccolo bilocale lasciatogli dalla nonna. Quello era il suo rifugio ed il luogo in cui poteva farsi scopare in tranquillità, già perché Matteo, 23 anni biondo, occhi chiari e fisico definito dal nuoto e glabro di natura, aveva scoperto anni prima che il suo ruolo nel sesso sarebbe stato solo quello passivo perché provava un grandissimo piacere ad avere qualcosa in culo e con gli anni ne voleva sempre di più e sempre qualcosa di più grande.

Modificò i criteri di ricerca in chat e nel suo profilo scrisse: “ragazzo passivo ma maschile cerca maschi decisi e solo attivi”

Dopo un’ora venne contattato da un uomo di 35 anni, Mario, che abitava ad un’ora di distanza, si scambiarono le foto, anche quelle più dettagliate ed a Mario piacque moltissimo il culo di Matteo con il buco tenuto ben in mostra dalle mani che allargavano le natiche ed ebbe un sussulto che gli fece drizzare il cazzo quando vide la foto in cui Matteo si fistava da solo. Mario aveva un corpo massiccio, un poco in sovrappeso ma con un cazzo bello largo e di lunghezza media. Persero accordi: Mario avrebbe dato qualche ordine a Matteo che li avrebbe eseguiti senza proferire parola ed a sua volta si impegnava a provare a fargli il fist anche se non ne aveva esperienza, ma era una clausola sulla quale Matteo aveva insistito molto.

Si incontrarono la sera stessa, alle 21.30 Mario entrava nel piccolo appartamento di Matteo.

“spogliati completamente, troietta” “toglimi i vestiti e leccami, tutto quanto, dai piedi fino alla gola” Matteo ubbidì con estremo piacere, il suo cazzo era già durissimo solo all’idea di quel gioco di ruolo. Mario sapeva di pulito, restava un certo profumo di sapone e Matteo non tralasciò nemmeno un centimetro della sua pelle, lo leccò con passione e devozione e fece scorrere la lingua sotto le ascelle e su tutte le braccia fino a succhiare una ad una le dita delle mani. Mario lo fece inginocchiare e gli infilò il cazzo in bocca ed iniziò a scoparlo con forza provocandogli qualche conato ma non voleva che finisse tutto in fretta. “hai un letto su cui farti scopare?” “vieni di là” e si mise subito al centro del letto a quattro zampe con il culo rivolto verso il fondo “che culo fantastico che hai, così liscio, bianco e sodo! Adesso te lo sfondo, preparati!” “fai quello che vuoi, sono a tua disposizione” Mario iniziò a leccare quel buchetto senza un pelo e diede qualche morso alle natiche bianche e sode e spostandosi di nuovo sul buco lo trovò già bagnato ed un poco aperto “cazzo che troia che sei, adesso ti apro in due” e con un colpo deciso infilò il cazzo fino in fondo facendo gemere di dolore e piacere Matteo che si lasciva scopare senza opporre nessuna resistenza da quel cazzo largo che sfregava deciso contro le pareti del suo intestino e questo aumentava in lui l’eccitazione, lo vedeva contorcersi sotto i suoi colpi e sentiva i suoi gemiti sempre più forti. A volte estraeva completamente il cazzo per vedere il buco rimanere aperto, bagnatissimo e pulsante e così infilava di nuovo il cazzo in un solo colpo fino a sbattere con forza il pube contro le natiche di Matteo che implorava di non smettere e di scoparlo ancora con più forza. Mario teneva le mani ben serrate sui fianchi di Matteo e lo muoveva tirandolo a sé con tutta la forza che aveva. Poi estrasse di colpo il suo cazzo, fece girare Matteo sulla schiena, gli mise sotto al bacino tre cuscini e gli fece piegare all’indietro le gambe. Il buco di Matteo rimase naturalmente largo ed aperto e Mario gli infilò un paio di dita  muovendole e tutta velocità per vedere il suo viso rosso di piace contrarsi nelle smorfie del godimento, poi iniziò a scoparlo di nuovo infilando il suo cazzo che andava avanti ed indietro come un pistone nella sua sede naturale. I gemiti di Matteo e Mario riempivano la stanza e le gocce di sudore della fronte di Mario ricadevano sul viso di Matteo rosso e stravolto dal piacere fino a quando con alcuni colpi decisi ed un ulteriore infossamento del cazzo Mario riversò dell’intestino di Matteo una grande quantità di sborra. Esausto Mario si lasciò cadere sul materasso “sei una gran troia, una delle migliori che mi sia scopato” per Matteo era un grande complimento che felice di vedere un maschio appagato dal suo culo si girò e mi mise con la pancia appoggiata ai tre cuscini che aveva sotto al bacino in modo da essere posizionato a pecora ma più comodo. Dopo non più di 15 minuti Matteo disse a Mario “adesso devi fare quello che mi hai promesso. Sul comodino c’è il lubrificante, fistami in culo, voglio vedere se riesco a prendere tutta la tua mano!” sul viso di Mario prese forma un ghigno di autentica lussuria: non aveva mai fistato ma quel ragazzo era un portento, una vera vacca da monta e lo volle accontentare deciso a fargli entrare tutta la mano fino al polso, ad ogni costo. Prese il lubrificante e si posizionò dietro a Matteo che teneva le gambe larghe e piegate in modo da offrire il proprio buco indifeso al suo invadente amico. Mario infilò un dito ma il culo era talmente largo dalla scopata che sparì senza dare il minimo segno; passò subito al secondo e immediatamente al terzo ed allora i gemiti di Matteo ricominciarono. Infilò il quarto e mosse la mano come se fosse il suo cazzo nella scopata, poi chiuse tutte le dita a cuneo e spinse e spinse e spinse facendo dei piccoli movimenti rotatori. La mano era bella grande ma entrambi erano eccitati e decisi: Matteo non voleva tirarsi indietro dopo aver tanto insistito, Mario stava vivendo una delle situazioni più eccitanti della propria vita e per nulla al mondo si sarebbe fermato. E non si fermò. Con una spinta più decisa e con in gemito che fu quasi un urlo soffocato di Matteo la mano di Mario sparì di colpo nel culo di  Matteo ed i muscoli dello sfintere si chiusero attorno al polso. Era fatta. Mario ruotò la mano un po’ a destra ed un po’ a sinistra in un lento ma costante movimento di dilatazione estrema. Matteo ricominciò a gemere di piacere. Mario provò a chiudere le dita formando il pugno mantenendo la mano dentro a Matteo facendogli provare nuove intense emozioni. Aprì e chiuse le dita per diverse volte, poi ruotò ancora la mano ed infine la estrasse. Vide il più largo buco di culo della sua vita ed ebbe una nuova fortissima erezione ma non perse tempo ed infilò nuovamente la mano. Ripeté  tutto per alcune volte ed ai gemiti di Matteo si unirono i brividi ed una sorta di tremore molto eccitante. Poi sfilò la mano, fece girare Matteo sulla schiena, nella posizione precedente e dopo avergli infilato il cazzo in bocca ricominciò il fist. In questa nuova posizione, una mezza capriola alla rovescia, il buco era ancora più ricettivo e la mano scivolava meglio e quindi Mario ne aumentò la velocità. Matteo succhiava con passione il cazzo di Mario che gli dava così tanto godimento e quando gli scaricò in gola la sua sborrata, preso dall’orgasmo la sua mano scivolò più in profondità facendo emettere un grido di dolore a Matteo soffocato dal cazzo che teneva in bocca.

Fecero la doccia, poi Mario se ne andò e Matteo vide allo specchio il suo buco largo come non immaginava che potesse diventare e ne fu felice anche se dolorante. Decise in quell’istante che nel mese si riposo dagli studi il suo culo avrebbe conosciuto ogni sorta di piacere e trattamento.

     




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Gay

fermato dalla polizia
nipote timido
finalmente pentrato da quel grosso cazzo!
una sera dal capo
Curiosità
l'uomo nero
un massaggio rilassante

Ultimi racconti nella categoria Gay



i senegalesi
doveva essere una vacanza 2
doveva essere una vacanza
Dai 20anni in poi.....
Mario
L'infermiere
Sesso gay dopo serata buca


    Racconto a Caso
Autore : Jonathan Caligola
L'eccentrica, vitale, vulcanica Rosita convince me ed altri tre amici a fare una gita domenicale alla vecchia città fantasma di Poggioreale...

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni