Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 20-05-2011 | Autore : aldoal
Categoria : Gay | Totale Visualizzazioni : 2506 | Votazione :


  
aldoal

Alle 8,30 del mattino suonarono alla porta del suo piccolo appartamento, ormai con la scusa di preparare degli esami importantissimi restava spesso a dormire lì per non dover inventare scuse strampalate per suoi genitori tutte le volte che rientrava dopo essersi fatto sfondare il culo camminando con fatica. Aprì assonnato e si trovò davanti il vicino di casa: un uomo di circa 40 anni grande e massiccio che conosceva solo di vista. "Potresti evitare di fare tanto casino quando fai sesso? Ti sento gemere fin da casa mia ed io al mattino mi alzo presto per andare a lavorare" il tono della voce era serio ma pacato, una "comunicazione" di buon vicinato non una minaccia "non mi sembri un grande scopatore o sbaglio?? quelli che entrano in casa tua lo fanno per scopare te, vero? Ti dai da fare, vedo, e soprattutto sento... ma ti fai pagare per farti fottere il culo o lo dai via gratis? Matteo rimase pietrificato, con la mano appoggiata alla maniglia della porta aperta a metà, il torpore del sonno gli scomparve all'istante ed iniziò a sudare per la tensione. Mille pensieri gli affollarono la mente: i sui genitori, gli altri inquilini, i fratelli, gli amici..... riuscì solo a dire con tono flebile "a gratis" e sì maledì nell'istante stesso in cui sentì il suono delle sue proprie parole appena pronunciate: aveva ammesso tutto con uno sconosciuto ma non era riuscito a dire altro. "bene, allora penso proprio che posso farlo anche io, consideralo un risarcimento per le ore di sonno che mi hai fatto perdere" e con queste parole Giacomo entrò in casa e chiuse la porta alle proprie spalle. Matteo rimase fermo nel piccolo soggiorno e si sentì impacciato come mai in vita sua ma Giacomo gli accarezzò delicatamente una guancia e con la voce sempre calma e profondissima gli disse "allora che ne dici di farmi vedere quanto sei bravo a farti scopare?" Matteo chiese di andare in bagno e quando dopo dieci minuti uscì le cose erano cambiate: aveva pensato che in fono era solo un altro uomo da cui farsi scopare, che era stato gentile a non fare casino con gli altri condomini e che era anche un bell'uomo, sì, avrebbe fatto la troia anche con lui.... Giacomo lo vide rientrare in soggiorno completamente nudo e sorrise divertito "dai, ragazzo avvicinati e fammi godere" Matteo gli slacciò i pantaloni ed iniziò a succhiargli il cazzo, non grosso ma ben proporzionato, bello a vedersi, con una  cappella carnosa e profumata di bagnoschiuma. Mentre succhiava gli abbassò i pantaloni e le mutande fino alle ginocchia e prese in bocca i coglioni uno per volta e poi aprendo al massimo la bocca entrambi assieme. Stavolta era Giacomo a gemere... lo spogliò completamente e lo fece andare sul letto. Coricato sulla schiena Giacomo sentì sul suo corpo la lingua di Matteo scorrere con straziante lentezza soffermandosi sui punti più sensibili. Era ben fatto Giacomo: un corpo massiccio formato dal lavoro fisico, non costruito in palestra con un po' di pancia tipica dell'età ma bella soda, abbronzato dal sole e con una giusta dose di pelo nero con qualche filo già bianco che gli riempiva il petto per scendere lungo l'addome in una fitta striscia che spariva nel folto triangolo del pube. Fece scorrere la lingua ancora sul cazzo e poi scese lungo la gamba, fino al piede per poi risalire sull'altra, si soffermò ancora a lungo sui coglioni e Giacomo allargò le gambe per permettergli di fare bene il suo lavoro; leccò il cazzo a lingua piena, lo sollevò diritto e torturò dolcemente il glande per alcuni minuti per poi risalire sul petto dove si dedicò con vera passione ai capezzoli. Giacomo lo sollevò come un fuscello e gli diede un caldo e bagnato bacio "sei fantastico, tu sai veramente far godere un uomo" "scopami adesso, ti prego, ti voglio sentire dentro di me" e spostandosi di lato Matteo si mise a pecora, la sua posizione preferita. Giacomo gli leccò il buco e con la barba incolta lo solleticava e pizzicava. Infilò più in fondo possibile al sua spessa e calda lingua e vide il buco di Matteo aprirsi incredibilmente tanto; provò ad infilarci l'indice ed il medio della mano destra che non fecero nessuna fatica ad entrare completamente e poi  infilò anche l'indice ed il medio della sinistra e tenendo le nocche a contatto tirò il buco per aprirlo e più faceva forza e più si apriva, riduceva la forza e si richiudeva: ebbe l'impressione di giocare con un elastico e questo gioco lo divertì moltissimo;  continuò ancora un po' poi eccitatissimo iniziò a scoparlo con foga e passione appoggiando le mani ai lati della testa di Matteo e facendo entrare il cazzo con la forza data da tutto il peso del proprio corpo. Ed ecco i ben conosciuti gemiti di Matteo riempirono la stanza. Continuò così fino a sborrargli dentro e poi si coricò di lato ansimando. Matteo gli prese subito il cazzo in bocca per impedirgli di  tornare molle gustando il sapore dello sperma e gli si sedette sopra. Iniziò a muoversi ed a cavalcare il suo maschio appoggiandogli le mani sul petto e giocando con i capezzoli e di tanto in tanto Giacomo gli dava una sculacciata per incitarlo a continuare o appoggiava le mani sui suoi fianchi per dare il ritmo. Poi cambiò posizione: restando con il culo sul cazzo di Giacomo avvicinò i piedi al suo torace e le mai alle ginocchia assumendo la posizione chiamate del "granchio" nei giochi dei bambini. Il cazzo di Giacomo era tirato verso il basso ed un nuovo fiotto di sangue lo ingrossò. Matteo iniziò un sali-scendi completo che faceva restare sempre dentro il glande ed ogni volta si abbassava fino ad appoggiare i  glutei sul pube in una penetrazione profonda e completa. Poi, con una serie di manovre non velocissime ma di grande effetto e godimento per entrambi avvicinò un piede all'altro e spostò le mani iniziando a fare un giro completo senza far uscire il cazzo, una rotazione di 360 gradi che aveva come asse il cazzo di Giacomo. "sì così è fantastico, ti trapano il culo, gira....gira.....continua che vai bene!!" e lui compì alcuni giri ma quando si trovò con la schiena rivolta verso il viso Giacomo lo bloccò afferrandolo per i fianchi e lo scopò con grande velocità e forza; tenendolo fermo si mise seduto e lo fece  abbassare in avanti fino a che Matteo si ritrovò bocconi sul letto con Giacomo coricato completamente su di lui. Era più alto ed il sui fisico massiccio lo comprimeva completamente sul materasso. Ricominciò a scolarlo con forza e più i colpi erano decisi più aumentavano i gemiti di Matteo: ecco qual'era la soluzione per fargli emettere i suoni che lui sentiva attraverso le pareti, scoparlo duramente, con vigore! Aveva trovato quello che cercava e continuò con tutto la potenza che il suo possente corpo gli consentiva. Ripiegò le gambe e si mise a sedere sulle cosce di Matteo tenendo il cazzo ben piantato dentro di lui e gli diede qualche sculaccione poi provò ad inserire un dito insieme al suo cazzo ed entrò, poi un secondo ed anche quello scomparve; aggiunse l'indice ed poi facendo forza anche le prime falangi del medio dell'altra mano: il buco cedeva e Matteo gemeva forte. Sul comodino era sempre pronto il flacone del lubrificante: lo prese, ne versò parte del contenuto sul buco e ricominciò il gioco con le dita poi notò la scritta che indicava la grande viscosità perfetta per il fist ed in un solo istante decise di provare. Il buco di Matteo venne lasciato improvvisamente libero, Giacomo si posizionò meglio ed infilò di subito tre dita della mano destra muovendole con decisione, poi aggiunse il quarto mentre Matteo alzò un po' il bacino per agevolare la violazione del suo sfintere, i gemiti aumentavano come anche i mugolii di piacere "sì sì sì sì sì sì così così così........ ancora.....dai.....sei bravo.....mmmmm che bello.....ancora....ancora...." ma la mano di Giacomo era davvero grande. Matteo alzò ancora il bacino ripiegando le gambe e Giacomo continuò ma quando spinse con più forza il dolore arrivò improvviso "non so se entra....è troppo grande, mi fai male...continua come prima che mi piace tanto...ti prego" ma Giacomo non aveva intenzione di fermarsi e non si fermò "fermati fermati mi fai male!" cercò di divincolarsi Matteo che venne agguantato per i testicoli ed il cazzo con la mano sinistra di Giacomo che riusciva a contenere tutto quanto "o stai fermo o ti giuro che ti stritolo le palle e ti strappo il cazzo" e la presa della mano si fece di colpo più intensa come una morsa. Matteo si bloccò di colpo per il dolore: non aveva scelta doveva assolutamente cedere alla richiesta di Giacomo. "ti prego è troppo grande…..davvero non ce la faccio..." "scommettiamo che entra? Mi hai tenuto sveglio per notti intere e questa è la tua punizione, non farmi incazzare o ti castro all'istante" ed una nuova stretta ai testicoli gli fece sentire una scarica elettrica fino al cervello. "ok ok come vuoi ma fai piano ti prego" disse arrendendosi. La presa cessò e lui suo malgrado si riposizionò a pecora appoggiato sui gomiti per spingersi da solo all'indietro in una sorta di autoimpalazione. Altro lubrificante agevolò un poco l'operazione ma la mano proprio non voleva entrare; il buco era teso allo stremo, la mano avanzava con grande fatica e Giacomo iniziò a farle compiere delle piccole rotazioni mentre continuava a spingere. Un dolore atroce invase il culo di Matteo che sudava e tremava per la tensione ma i momento di sfondamento non si arrestava. "porca puttana apri sto culo!...tanto la faccio entrare stanne certo….rilassati ed apri sto buco, forza che siamo a metà!!!" ed una serie di sculaccioni furono di incentivo a collaborare maggiormente. Matteo cercava di rilassare il più possibile i muscoli anali e spingendo come se dovesse defecare in uno sforzo che gli faceva trattenere il fiato e Giacomo spingeva la mano aumentando sempre più la pressione. Se avesse voluto sarebbe stato in grado di inserire tutto il braccio fino al gomito con una sola spinta tanta era la forza del suo fisico possente sempre in allenamento per il duro lavoro ma non voleva esagerare e godersi istante per istante la dilatazione di quel tenero culetto. "ecco così va meglio…..e bravo il mio ragazzetto…bravo…senti che sta entrando….la senti??" ma in risposta ebbe solo dei grugniti… e poi quasi di colpo lo sfintere cedette e la mano fu dentro con un urlo soffocato dal lenzuolo che veniva morsicato ed un sospiro di approvazione di Giacomo riempì la stanza "ecco fatto puttanella, adesso sei proprio bello aperto e potrai prenderti tutti i cazzi della città" ed iniziò un lentissimo movimento di rotazione e di estrazione che si fermò sul punto di massima larghezza della mano che venne subiti rispinta dentro. Alcune volte di questo trattamento ed ancora un po' di lubrificante e sembrò tutto più facile: il buco si era allargato ed adattato alle dimensioni del nuovo ospite ed il dolore iniziava a scemare. Giacomo non aveva nessuna intenzione di smettere: i gemiti di Matteo lo avevano tenuto sveglio davvero per notti intere nelle quali si era masturbato fino a sfinirsi ed ora voleva la sua parte; in qualità di vicino di casa, inoltre, sperava in una lunga serie di incontri.... Matteo ebbe il suo ennesimo orgasmo anale quasi contemporaneo all'uscita di sperma ed ebbe la certezza che il dolore esaltava il suo piacere all'estrema potenza. "non senti più tanto male vero, piccolo porco??" un grugnito e poi sentì distintamente le parole "mi…piace…mi fai tanto male ma mi piace" ed effettivamente il suo buco non aveva mai subito una dilatazione simile, più del gigantesco plug provato durante il servizio fotografico che seppur enorme era liscio ed una volta inserito restava fermo mentre questa mano, grande, invadente, ruvida e callosa non smetteva di muoversi sollecitando in continuazione le sue pareti anali. La prostata era massaggiata e schiacciata come non mai. Quasi involontariamente, tuttavia, iniziò a muovere il bacino per sentire dentro di sé quell'invadente presenza che gli dava tanto dolore misto a godimento e ricominciò a gemere. Per Giacomo fu il segnale che aspettava: estrasse completamente la mano restando un attimo ad osservare il capolavoro che aveva compiuto e la inserì nuovamente e via di seguito sempre con minore difficoltà per molte volte. Matteo ebbe altri quattro orgasmi anali che lo facevano contorcere ed i suoi muscoli si contraevano attorno alla mano di Giacomo ma appena lo spasmo cessava la mano ricominciava a frugargli le viscere portandolo ad urlare tutto il suo piacere. Dovette concludere la mattinata accogliendo in bocca ancora una volta il cazzo di Giacomo che uscendo di casa lo salutò con un "alla prossima, verrò di nuovo presto a farti una visita di buon vicinato" . Ripresosi  dalla devastante esperienza si affrettò in bagno perché era certo di essersi lacerato ed ebbe molta paura: cosa fare? andare da un dottore per raccontargli cosa?? Si ispezionò con cura e si lavò alche in profondità ma non vide sangue. Rimase seduto su di un panno bianco per cogliere ogni minima traccia ma nulla e con un sollievo enorme ringraziò la sua buona stella e tutte le stelle firmamento conosciute ed anche quelle mai viste per avergli consesso un culo così elastico che si sapeva adattare a tutto senza rompersi. Si fece una doccia ristoratrice e tornò a dormire anche se ara ormai mezzogiorno.

            

 

 

 

 




ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Gay

fermato dalla polizia
nipote timido
finalmente pentrato da quel grosso cazzo!
una sera dal capo
Curiosità
l'uomo nero
un massaggio rilassante

Ultimi racconti nella categoria Gay



i senegalesi
doveva essere una vacanza 2
doveva essere una vacanza
Dai 20anni in poi.....
Mario
L'infermiere
Sesso gay dopo serata buca


    Racconto a Caso
Autore : and55fi
Io 50 anni lei 85 ma grande vacca...non pensavo di godere così alla faccia di mio marito che non sa nulla...

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni