Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 02-12-2010 | Autore : chococum
Categoria : Orgie/Gang Bang | Totale Visualizzazioni : 12040 | Votazione :


  
chococum
coppia aperta e curiosa qui postiamo i racconti delle nostre esperienze

Dopo un lungo e rigido inverno come quest'ultimo sentivamo proprio il bisogno di sole e mare perciò, al primo week end di bel tempo, ci recammo in Croazia dove l'acqua è limpida, il posto è incantevole e, soprattutto si può tranquillamente praticare il nudismo senza tabù. Eccitati come bambini il primo giorno delle vacanze, ci precipitiamo dall'hotel verso la spiaggia di un isoletta dell'Istria e, prima ancora di scegliere il posto dove mettere giù le nostre poche cose, ci denudiamo. Con un po di delusione per la mancata occasione di esibizionismo, noto che, forse per il periodo precoce e la temperatura non ancora estiva, il posto non è per niente affollato, anzi i bagnanti in costume adamitico sono davvero pochino. Mia moglie però, con una percezione acuta tipica del sesso femminile, indicandomi un gruppetto di persone, mi dice: "andiamo li vicino a quei ragazzi, gli scogli sono meno spigolosi." Il gruppo era formato da tre ragazzi ed una ragazza tedeschi, tra i 25 ed i 30 anni, tutti nudisti. Mettiamo giù le nostre cose ad una decina di metri da loro e, mentre sono ancora alle prese con l'imbarazzo della prima uscita stagionale da nudo, quasi non mi accorgo che mia moglie già da un po sta rivolgendo maliziosi sorrisini ed occhiate ad uno dei tre ragazzi, a prima vista il più prestante. Infatti poco dopo il tipo si alza e viene verso di noi, mettendo in mostra il suo enorme pene, evidentemente mia moglie lo aveva già notato da un pezzo. Con un sorrisone stampato ed un buon accento inglese ci dice: "Hey guys, how are you?" Io resto un po interdetto, forse alla vista di quell'uccellone a pochi centmetri dal viso di mia moglie che stava seduta sull'asciugamano, ma lei con naturalezza, quasi non aspettasse altro che un contatto, sorridente risponde: "we are very fine thank you, what about you?"
Da quel momento comincia una conversazione tra loro due, basata su argomenti generici, io me ne sto un po in disparte accennando ogni tanto qualche sillaba, fino a quando Emil, questo il suo nome, ci propone di recarci tutti in una "baietta solitaria" che si trova proprio dietro all'isola che potremo raggiungere in 5 minuti di cammino. Mia moglie dimostra subito molto entusiasmo all'idea, un po troppo conoscendola, anzi mi sembrava ipnotizzata dal cazzone di Emil sul quale continuava ad indirizzare lo sguardo. "let me talk with my friends so we can go there all together." dice Emil. Ingenuamente ancora non capivo le sue vere intenzioni ma nell'entusiasmo collettivo non riuscii a mettere obiezioni, e poi la moretta tedesca sembrava molto carina e l'idea di vederla più da vicino mi solleticava.
Presi su le poche cose che avevamo con noi e seguii mia moglie come un cagnolino per rendermi conto che solo un'altro dei ragazzi veniva con noi, quello con diversi vistosi tatuaggi, mentre quello che rimaneva era evidentemente il compagno della ragazza e la coppia non era evidentemente interessata alla "baietta incantevole". Solo a questo punto cominciai a realizzare quale era il progetto dei due ragazzoni e la certezza la ebbi poco dopo che ci mettemmo in cammino. Ci avviammo uno dietro l'altro lungo un sentiero, davanti Emil, poi mia moglie Lucia, il ragazzo tatuato che scoprii si chiamava Michael, ed infine io. Ad un certo punto si dovevano salire alcune rocce che Emil scavalcò con un gesto atletico, dopodiché si rivolse verso Lucia, ancora una volta il suo cazzo era a pochi centimetri dal viso di mia moglie. Lei gli porse le mani e si fece issare mentre Michael, incurante della mia presenza, la spingeva da sotto con le mani sulle sue chiappe, lei intanto rideva e si lasciava toccare. Questa scenetta si ripetè diverse volte e con crescente promiscuità, con mani che, più o meno scherzosamente, finivano sulle varie parti erogene di mia moglie. Arrivammo ad una piccola spiaggetta circondata da scogli, dove mi resi conto di essere in preda ad un erezione. La vista di mia moglie nuda e di quei due ragazzotti muscolosi e ben dotati che le mettevano le mani un po ovunque mi aveva eccitato parecchio ed ora ero imbarazzatissimo, è praticamente impossibile nascondere un erezione quando si è completamente nudi e si sta in piedi, infatti Emil se ne accorse e, rivolgendosi a mia moglie disse: "Hey, your boyfriend seems to be really horny!" io non sapevo più dove nascondermi, riuscii solo a balbettare qualcosa relativamente al caldo... Poi Michael, che le stava praticamente addosso, disse: "do you wanna see me horny too?" e lei: "sure, I want it!" "ok but I need some help then..." e prendendo la mano di lei la portò sul suo cazzo, lei non si tirò indietro, anzi cominciò a muovere la mano lentamente mentre il cazzo di Michael, già notevole, aumentava visibilmente di dimensione. Io, a bocca aperta per lo stupore di quello che stava succedendo e con il cazzo duro, guardavo esterefatto la scena a pochi metri da loro, tutto era successo così in fretta senza avere il tempo di concordare niente con Lucia che non riuscivo a credere ai miei occhi. Intanto anche Emil si fece sotto e lei non esitò a prenderglielo in mano, nel giro di pochi minuti stava maneggiando due enormi cazzoni come una troia da film hard. Quando furono tutti e due duri e tesi la fecero inginocchiare per farselo prendere in bocca, cosa che lei fece con abilità nonostante le dimensioni esagerate dei due peni. Provai ad avvicinarmi per approfittare anche io della situazione ma Lucia era troppo presa nel soddisfare I due tedeschi che sembrava non vedermi, inoltre loro ne avevano preso totalmente possesso chiudendo ogni spiraglio, mi tenni perciò in disparte cercando di godermi la scena masturbandomi. La fecero distendere su una pietra ed Emil le aprì le gambe per affondarle la sua lingua nella figa depilata ed ormai fradicia, mentre Michael, anche lui sopra la pietra, si faceva spompinare con avidità, sembravano tutti molto arrapati a giudicare da quanto duro lo avevano e da come erano coinvolti ed affiatati, mia moglie inclusa che si stava dando completamente a due estranei conosciuti appena mezz'ora prima. Solo allora mi venne in mente che sarebbe stato bello immortalare la scena e mi rammaricai di non aver portato con me la macchina fotografica, mi precipitai perciò a cercare il telefonino nella borsa che, nonostante la bassissima qualità, mi dava l'opportunità di documentare questa situazione incredibile.
Non passò molto che Emil decidesse di impugnare la sua mazza per inserirla senza troppi complimenti nella figa della mia mogliettina, le alzò una gamba mettendosela sulla spalla e, rivolgendosi a me disse: " Look how I go to fuck your girlfriend". Io, cercando di stare al gioco, mi avvicinai per cominciare a fotografare, Emil prese a scoparsela con foga mentre lei continuava a spompinare Michael, tutto stava succedendo in modo così naturale come se fosse stato organizzato o cercato ma vi assicuro che la nostra intenzione era solo di trascorrere un week end al mare, anche perché non siamo avezzi agli incontri casuali con sconosciuti, invece mia moglie si stava comportando da grandissima troia facendosi sbattere da due crucchi appena incontrati, solo perché erano muscolosi e con il cazzo enorme! Ed era solo l'inizio: dopo una decina di minuti Emil decise di farle il culo, e qui mi aspettavo una reazione negativa di Lucia che, prima di concederlo deve essere lavorata e lubrificata a lungo, invece questa grandissima vacca se lo fece infilare tutto fino alle palle senza quasi batter ciglio, almeno 25 centimetri di carne le entrarono nelle viscere e cominciarono a pomparla incessantemente mentre lei si avvinghiava al cazzo dell'altro, e più Emil pompava e più lei spompinava Michael con foga, come se questo potesse contribuire a soffocare le urla per il dolore che sentiva invaderla.
Ora evidentemente anche Michael smaniava dalla voglia di incularsela senza passare per la figa perchè, dopo essersi disteso sulla pietra, la prese di peso per mettersela sopra di lui di schiena e, mentre Emil le allargava bene le gambe tenendole sollevate, il suo compagno, tenendola per le tette, glielo conficcò tutto in un colpo provocandole un urlo che sicuramente udirono dall'altra parte dell'isola. Subito prese a fotterla nel culo come un trapano, ma Emil non se lo tenne in mano a lungo, aprendole ulteriormente le gambe volle scoparla nella vagina mentre l'altro le faceva il culo, perciò senza tanti riguardi forzò l'ingresso anteriore ed in un attimo mia moglie si ritrovò con due grossi calibri che la fottevano senza tregua all'unisono. Io assistevo, fotografavo e mi masturbavo, il mio cazzo era di marmo, era davvero arrapante assistere a questo selvaggio amplesso nel quale la protagonista principale era mia moglie, come se fosse normale farsi sbattere in una spiaggia da due sconosciuti. Ora loro la insultavano, un po in inglese ed un po in tedesco. "sei una fottuta troia" le dicevano, "ti piace prendere due cazzi puttana" "hai visto che duro lo ha tuo marito a guardarti che godi e ti fai scopare dagli estranei", e non avevano tutti i torti, lei godeva come una matta in preda ad orgasmi consecutivi ed a me scoppiava il cazzo dall'eccitazione. Se la rigirarono alla pecorina in modo che Michael ora glielo metteva in culo da dietro ed Emil la scopava sempre nella figa da disteso, il risultato non cambiava, la doppia penetrazione continuava incessante in un sandwich osceno, ritmicamente i loro cazzoni le invadevano i buchetti dilatandosi a dismisura, Michael la inculava con violenza ansimando come un animale mentre si avvinghiava alle sue tette ed Emil la pompava nella figa immobilizzandole le chiappe e continuando ad insultarla, lei era totalmente in loro controllo, i suoi gemiti erano eloquenti. Avrei voluto metterglielo in bocca ma era come se non mi fosse implicitamente permesso, ora Lucia era di loro proprietà e solo loro potevano disporne e vi assicuro che ne disponevano pienamente sfogando i loro istinti animali sulla mia bella mogliettina che a sua volta ne godeva appieno.
Quando decisero che era ora di sborrare la fecero inginocchiare sulla spiaggia e le si misero attorno, Emil prese a menarselo furiosamente, lei li accarezzava per le palle guardando i loro cazzi con ammirazione, poco dopo Emil esplose in una clamorosa ed interminabile sborrata sul suo viso, era incredibile la quantità di sperma che usciva da quel cazzo. Lucia, che continuava a stupirmi per la sua troiaggine, spalancò la bocca per riceverne il più possibile in bocca, anche se era tale la quantità che sarebbe annegata, pochi secondi dopo anche Michael sborrò copiosamente in faccia a mia moglie che, dopo i loro orgasmi, continuò avidamente a leccargli il cazzo. Era bellissima, piena di sperma che le colava dal viso alle tette, fino ad arrivarle alla figa, con la gambe spalancate, in adorazione di due cazzoni. Non resistei e timidamente chiesi: "can I cum?" I due ragazzoni se la risero scambiandosi qualche frase in tedesco, poi rivolgendosi a me per la prima volta Michael disse: "now you can use your fucking bitch!"
Lucia sembrò finalmente accorgersi della mia presenza come se si fosse risvegliata da un sogno e disse: "dai vieni qui che ti faccio sborrare". Me lo prese in bocca ed aiutandosi con la mano mi fece venire subito, anche io le esplosi in faccia il mio sperma che si aggiunse a quello dei tedeschi, ma era una sensazione strana finalmente poter disporre di mia moglie che era stata già usata abbondantemente da quei due fusti superdotati. Neanche il tempo di riprendermi dal potente orgasmo che avevo appena avuto, che i due me la portarono via issandola di peso per gettarla nell'acqua, lei stette allo scherzo e si lasciò trascinare nonostante l'acqua fosse ancora gelida, anche perché era ricoperta di sperma. Mi gettai anche io in mare per rinfrescarmi, nel frattempo i due tedeschi senza tante cerimonie se ne andarono, quando restai solo con mia moglie lei mi disse: "Non ti sarai mica ingelosito vero?" "Ma no." risposi, "anzi mi è piaciuto molto." "Allora lo facciamo ancora?" disse lei. "Ma certo amore mio." risposi. E tra me e me pensai: ho sposato una grandissima vacca!



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Orgie/Gang Bang

La troia di tutti
giochi perversi di una giovane coppia 1
Dal fruttivendolo
Orgia nel bar
Chissà  com' era il film...
orgia improvvisata
Sorpresa!

Ultimi racconti nella categoria Orgie/Gang Bang



prima di me
Una ragazza dal carattere insospettabile
la scommessa
l'amico, il nero e....
agriturimo
in discoteca
AL CLUB


    Racconto a Caso
Autore : pipistrello72
…….sono in un momento di profondo godimento…..lui inizia a mugolare….sta per avere l’orgasmo……sento che anche io ne sto per avere un altro e per un attimo spero che lui possa ritardare di qualche secondo per far sì di avercelo ancora dentro di me quando mi arriverà……

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1364
» Totale Autori
1463

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni