Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 11-03-2010 | Autore : Laura
Categoria : Prima Volta | Totale Visualizzazioni : 37939 | Votazione :


  
Laura

Eravamo sei mesi sposati, mio marito camionista di professione sul tir internazionali, dopo il matrimonio una settimana di vacanza e poi al lavoro.
Per me era una cosa da abituarsi, visto che era pochissimo a casa, ogni tanto un fine settimana e poi basta. Io venivo dalla campagna, non ero abituata alla vita cittadina e mi sentivo un pó a disagio. Era giugno faceva caldo, mio marito era una domenica a casa e voleva rinfrescarsi un pó al mare, ma io non avevo un costume da bagno, lui mi convinse che saremmo andati in un posto dove non mi sarei vergognata a prendere il sole in mutandine. Visto che era una delle poche volte che era a casa lo accontentai, con la mia auto andammo in un posto dove mi sembrava deserto, la spiaggia era bella ed anche nascosta dietro dei canneti. Mio marito si spoglió e in costume da bagno si affrettó a farsi una nuotata, io guardadomi intorno mi spogliai tenendo il reggiseno e le mutandine,
La peluria mi usciva da tutte le parti, ma visto che non c'era nessuno mi sdraiai sull'asciugamani e mi spalmai con olio abbronzante, mio marito non si distaccava dall'acqua,  ad un certo punto mi girai sulla pancia per abbronzarmi la schiena quando mi spaventai nel vedere un' uomo tra il canneto, aveva i pantaloni abbassati e si stava toccando il cazzo, ogni tanto me lo mostrava per poi continuava a masturbarsi, sra bello grosso ed anche di lunghezza, io mi sentivo diventare rossa e guardavo nella direzione di mio marito, il quale indisturbato continuava a nuotare.
Nel frattempo vidi che altri uomini si muovevano tra il canneto cercando di attirare la mia attenzione, mamma mia quanti bei cazzi, io mi sentivo inumidirmi tra le gambe, la mia figa era una pozza. Mi sedetti ed allargai le gambe nella direzione di quei uomini, un paio si leccarono le labbra mentre  uno sborró.
Era diventato un gioco, godevamo a distanza, finche mio marito venne da me, si asciugó e decidemmo di andare a casa.
Io andai dietro lo sterzo per fare in modo che mi ricordassi la strada. Dopo aver cenato facemmo l'amore, con il pensiero di quel pomeriggio mi detti a mio marito, avevo goduto un paio di volte prima che lui mi sborrasse dentro.
Lunedí mattina presto partí mio marito con il suo tir, io dopo aver fatto i lavori di casa andai a comprarmi un costume da bagno, un due pezzi piccolissimo, il cuore mi batteva in gola quando a casa lo indossai, ma decisa andai su quella spiaggia del giorno prima.
Ero sola, mi sdraiai per prendere il sole, ma ad un tratto un uomo si fermó davanti a me, mi guardó e si tocco il cazzo nei pantaloni, io lo guardai e decisi, allargai le gambe e tirai su le ginocchie invitandolo, lui non ci pensó due volte si mise in ginocchia tra le mie gambe aprí i pantaloni tiró fuori il suo cazzo duro e me lo infió nella figa. Per la prima volta mi feci chiavare da uno sconosciuto, non duró tanto che mi sborró nella figa. Si vestí e se ne andó ringraziandomi.
Un'altro si avvicinó, ed anche lui mi accontentó. Quel pomeriggio mi feci chiavare da otto uomini, la mia figa e culo erano pieni di sborra. Contentissima ritornai a casa, mi feci una doccia sia esterna che intima per rimuovere la sborra.
Quella notte dormii come non mai.
Il giorno successivo ritornai sulla mia spiaggia che ormai non era piú deserta, uno dopo l'atro affondavano i loro cazzi nel mio corpo facendomi vibrare dal godimento, lá mi sono fatta chiavare da due uomini contemporaneamente, uno nella figa e l'altro nel culo, com'era bello non avevo mai goduto cosi tanto. La mia figa cominciava ad allargarsi e le labbra cominciavano a pendermi tra le cosce.
Quella é stata la mia prima estate dove ho goduto immensamente.



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Prima Volta

prima... DONNA
Una domenica al mare con mio marito
La mia prima volta
confessione porno
MATTEO, IL SUPERDOTATO DELLA SCUOLA
porca di una amica di mia mamma 50 furiosa
La sua prima volta

Ultimi racconti nella categoria Prima Volta



Una consegna dall'odore acre
fu un'opera di bene
Una suora in famiglia
La mia prima donna
zia giulia
la prima volta di monica
Una gradita ospite 3


    Racconto a Caso
Autore : confessoroma
sguardi sotto la doccia maschile... cosa nascondevano?

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1400
» Totale Autori
6046

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni