Benvenuto !
Entra o Iscriviti gratuitamente.


Home | Archivi | Scrivi Racconti | I Più Votati | I Più Letti | Ricerca Avanzata | Contattaci/Segnalazioni Abusi | Racconti e Storie Dal Vivo

    Categorie Racconti Erotici
» Autoerotismo
» Bisex
» Confessioni
» Cuckold
» Dominazione
» Esibizionismo
» Etero
» Feticismo
» Gay
» Incesto
» Lesbo
» Orgie/Gang Bang
» Prima Volta
» Scambio Coppia
» Tradimenti
» Travestirsi

  I migliori video porno gratis

titoli descrizione    ricerca avanzata



Pubblicato : 31-08-2015 | Autore : murantico
Categoria : Etero | Totale Visualizzazioni : 1670 | Votazione :


  
murantico
fantasie sessuali-cucina-faidate-viaggi.

Quella sera stavo a cena con dei colleghi trasportatori a casa mia, dove brindavamo per la società formata. Stavo aiutando mia moglie Paola a portare a tavola vassoi di pesce, quando suona il telefono. Rispondo e sento una voce lontanissima ma che mi ricordava qualcuno che conoscevo: era mia cugina Barbara che chiamava dalla Romania dove da pochi anni conviveva con un albergatore italiano. Mi disse che stava separandosi e rientrava in Italia dove sperava di trovare lavoro. Ironia della sorte, avevo avuto dai miei colleghi il compito di trovare una segretaria adatta a rispondere al telefono e scrivere documenti di viaggio. Le chiesi di attendere un minuto e mi rivolsi ai colleghi, chiedendo se erano d'accordo sull'assumere mia cugina Barbara. Tutti accettarono, così diedi la notizia a Barbara che quasi pensava stessi scherzando ma le assicurai che non scherzavo sul destino altrui. Lei disse che sarebbe arrivata a Roma il domani in tarda sera ed io le promisi che l'avrei attesa all'aeroporto. Quando andai a prenderla con Paola mia moglie all'aeroporto, la vidi molto attraente e con un fisico non da trentenne ma venti e poco più enne. Veramente una gran fica! Giunti a casa, le feci vedere la stanza degli ospiti che veramente era destinata al figlio ma ormai avevamo perso la speranza di diventare genitori. Dopo laa cena ci sedemmo in salotto e lei ci raccontò del suo disastroso convivere in Romania. Concluse il discorso chiedendomi se poteva approfittare del mio furgone per ritirare il giorno dopo due bauli alla stazione termini. Poi rimaneva di andare allo scalo ferroviario per prendere la sua Mercedes che arrivava col treno-navetta per trasporto automobili.Paola accompagnò barbara a prendere l'auto ed io provvedetti per i bauli. Conclusione: Costosissime pellicce, auto di lusso, gioielli di gran valore che certo, il suo compagno non poteva regalarle ma allora ... ? Che c'era alle spalle di tutto questo benessere? Mi dimostrai indifferente come se fossi abituato a vivere agiatamente ma presi le mie precauzioni: incontrai un vecchio compagno di scuola oggi Colonnello dei Carabinieri, che, molto amichevolmente, indagò sul tenore di vita della cuginetta. Mi chiamò al telefono il giorno dpo e ci incontrammo ad un bar dove lui mi fece conoscere la vera Barbara: Escort ad alto livello, una villa nella campagna rumena dove lei gestiva una casa di appuntamenti e gli incontri combinati con clienti danarosi, le permettevano di comprare pellicce, gioielli e auto lussuose (Lamborghini, ed altre!). Ora però aveva un debito con la giustizia rumena ed era venuta casualmente a trovare il cuginetto, ovvero me! Ringraziato Paolo , il Colonnello mio amico, tornai a casa e trovai Barbara intenta a farsi le unghie in salotto, mezza nuda. Paola era fuori casa ed io sentii, nel vedere l'appetitosa cuginetta\ così messa bene, ebbi un'evidentissima erezione e quasi mi si apriva la patta dei calzoni. Lei lo notò, grande esperta della materia, e, senza scomporsi, si tolse slip e reggiseno e mi abbracciò alla vita. " che ti andrebbe di trombarti la cugina? Lo dovresti sapere che non c'è cosa più divina, di scoparsi la cugina!" Non ci vidi più e, lasciato cadere i pantaloni, l'ho afferrata nei fianchi ed ho iniziato a leccarle la fighina ben rasata e profumata. La penetrai poi con una foga da lasciarla senza fiato e, certo, lì non recitava ma godeva sul serio. La battaglia durò un bel pò ma fu interrotta solo da Paola che si fece sentire girando la chiave nella serratura della porta velocemente. Ci trovò in salotto, con lei che indossava una vestaglia, sempre alle prese con curare le mani. Io guardavo la televisione. Il giorno dopo iniziava il lavoro di barbara all'ufficio nel capannone dove erano i nostri piccoli e grandi autocarri. Lì presentai barbara a tutti i miei colleghi ed insegnai a lei le cose basilari del suo nuovo lavoro. Quel lavoro durò per neanche un mese perchè Barbara aveva risolto i problemi con la Polizia locale e non vedeva l'ora di andare a riscuotere i soldoni che procurava il suo impegnativo lavoro di"donna d'affari". Nel frattempo, però,  a Roma si tenne in esercizio per il suo principale e più conveniente "impegno sociale", infatti si fece trombare da tutti i miei colleghi, dai facchini, e dai clienti che venivano in ufficio a trattare un trasporto. Lei, offriva le sue grazie con passione e, a me, lasciava le briciole ma non potevo certo rifiutarle da quanto era "bbona" come si dice a Roma! Appunto, dopo quasi un mese che era a Roma, cominciò a parlarmi della sua nostalgia per la romania, ma io la azzittai, dimostrandole che sapevo bene il motivo del volere tornare in Romania e le elencai le sue collaboratrici che tenevano in piedi un commercio assai redditizio. Lei non piegò un ciglio e, terminato il mio discorso, mi squadrò dalla testa ai piedi e disse:"Ma perchè, ti fa schifo il sapere che ho da parte un bel gruzzoletto per la mia vecchiaia?" E poi aggiunse:"Ma a te non piacerebbe vedere la tua Paola diventare una gran figona ben vestita ed accessoriata?" La osservai con stupore ma lei non mi detteil tempo per risponderle e mi programmò rapidamente un cambio totale della mia vita di trasportatore con tante tasse da pagare e pochi euro in tasca. Io accettai acconsentendo il tutto silenziosamente e le lascia fare tutto quello che voleva: affittò una villetta fuori Roma, la fece arredare con tre camere da letto tre bagni con vibromassaggio ed una cucina con cella frigo dove riposavano vini spumanti e secchi di un certo valore. Aveva assunto una ex prostituta abutiata perciò acerti ambientini, incaricata a curare le camere, la dispensa con vivande italiane, francesi ed altro. Poi, le lavoratrici sarebbero giunte dalla Romania. Venne perciò il giorno che tre sventolone, una mora e due bionde da infarto, presero possesso delle loro stanze. Barbara rimase lì per due mesi ed io, nel frattempo avevo provveduto a sostituire la segretaria al capannone. La segretaria era molto brava ma affascinante come unmanico di scopa ma, per fortuna, non mi calarono i clienti. Mia moglie paola quasi non voleva credere che la società di trasporti andava a gonfie vele ed io le avevo potuto regalare l'auto da lei sempre sognata: Una Mercedes cabriolet, rossa amaranto. Quante belle scopate con Paola mi procurò la bella mercedes! Poi, ilmese dopo, pelliccia di volpe argentata. Insomma, il mio harem mi faceva vivere assai bene ed ogni tanto, per giustificarmi con Paola, andavo all'estero per pochi giorni col mio furgone. Poi però, per la serie" non tutto va sempre dritto!", un giorno la Polizia venne alla villetta ed io ora ho una denuncia che ha macchiato il mio certificato penale.



ASCOLTA E RACCONTA STORIA DAL VIVO

1 2 3 4 5
Vota questo racconto!     Insufficente
Eccellente    



Racconti più letti nella categoria Etero

Paola e sua madre Graziella
La zia di mia moglie
La mamma del mio amico
Sodomizzata
esperienza eccitante
autostop
La madre del mio amico

Ultimi racconti nella categoria Etero



in attesa dal dentista
Una ragazzina cresciuta
Una consegna che difficilmente dimenticherò!
Una lontana parente
Una consegna indimenticabile
Il servizio di militare mi fu molto utile.
Un cappuccino molto apprezzato.


    Racconto a Caso
Autore : Scorpione
Un rapporto particolare tra figlio madre e l'amante della madre un bellissimo trans

    Pubblicità

    Statistiche
» Totale Racconti
1379
» Totale Autori
2724

Top   

Copyright 2016 - confessioniporno.com. Tutti i diritti riservati.
Questo sito è vietato ai minori di anni 18

Termini e Condizioni